Tumore ai polmoni: Ecco alcuni sintomi, come il mal di schiena, che non avresti mai associato alla malattia


 

Si parla spesso di tumore al polmone ma, altrettanto spesso, si usa l’espressione in modo improprio.

Il tumore del polmone, che si può sviluppare nelle cellule che costituiscono bronchi, bronchioli e alveoli può costituire una massa che ostruisce il corretto flusso dell’aria, oppure provocare emorragie polmonari o bronchiali. Non esiste un solo tipo di tumore al polmone, bensì diverse tipologie di malattia a seconda del tessuto polmonare interessato e inoltre il polmone può rappresentare la sede di metastasi provenienti da altri tipi di cancro (per esempio quello della mammella).

Detto questo, una cosa è certa: il tumore ai polmoni è un male difficile da curare anche perché i polmoni, spesso, sono attaccati da metastasi di tumori che si trovano in altre parti del corpo. I numeri parlano chiaro: negli ultimi anni il tumore al polmone è aumentato rispetto a qualche decennio e la causa è da ricercarsi nello stile di vita attuale.

L’inquinamento, il fumo, i prodotti di scarico e quelli chimici sono tutti fattori che aumentano il rischio di ammalarsi di cancro al polmone. Per questo motivo, bisogna sempre tenere gli occhi aperti e fare attenzioni ai sintomi più frequenti.

Può sembrare banale, ma lo ripetiamo: prima arriva la diagnosi, meno tortuosa (e più probabile) sarà la guarigione. Il nostro corpo è una macchina perfetta e, se qualcosa non va, manda dei segnali chiari che noi dobbiamo essere in grado di riconoscere. Il problema è che a volte sottovalutiamo segnali che invece sono importanti.

Quando presenti, i sintomi più comuni del tumore del polmone sono tosse continua che non passa o addirittura peggiora nel tempo, raucedine, presenza di sangue nel catarro, respiro corto, dolore al petto che aumenta nel caso di un colpo di tosse o un respiro profondo, perdita di peso e di appetito, stanchezza, infezioni respiratorie (bronchiti o polmoniti) frequenti o che ritornano dopo il trattamento. Il tumore inoltre può diffondersi per contiguità alle strutture vicine (la pleura che riveste i polmoni, la parete toracica e il diaframma sono alcuni esempi), per via linfatica ai linfonodi o attraverso il flusso sanguigno dando anche metastasi a distanza. Quasi tutti gli organi possono essere colpiti – fegato, cervello, surreni, ossa, reni, pancreas, milza e cute – dando origine a sintomi specifici come dolore alle ossa, ittero, cambiamenti neurologici come mal di testa o vertigini, noduli visibili a livello cutaneo.

Anche i dolori diffusi con interessamento di schiena e spalle possono essere un sintomo del tumore ai polmoni. Ma possono anche essere semplicemente segnale di un affaticamento muscolare. Proprio perché i sintomi sono ‘’sfumati’’, è bene approfondire.

Il sintomo che meno si può pensare sia dovuto al tumore al polmone è il mal di schiena.

Ci sono diversi modi in cui il tumore al polmone può causare dolore alla schiena. Il cancro da solo può contribuire al mal di schiena con la creazione di una pressione diretta sulle strutture nella parte posteriore. Può anche irritare i nervi distribuiti attraverso il torace o il rivestimento dei polmoni, il che può essere interpretato dal cervello come “mal di schiena”.

Il mal di schiena può essere causato anche dalla diffusione (metastasi) del cancro al polmone nelle ossa della colonna vertebrale. Dal 30 al 40% delle persone affette da cancro al polmone presenta metastasi ossee durante la malattia.

Il mal di schiena legato al cancro del polmone è spesso descritto come un dolore che si verifica nella seconda metà della parte superiore della schiena.

Purtroppo, il mal di schiena a causa di tumore al polmone può essere molto simile ad altre cause di dolore alla schiena ed è importante parlare con il medico se si verificano questi sintomi.

l cancro al polmone, che all’inizio si è manifestato tramite dolore alla schiena, è spesso diagnosticato dopo che i trattamenti con la terapia fisica non sono riusciti a fare andare via il dolore. Se si soffre di dolore che persiste nonostante il trattamento, è il caso di comunicarlo al medico, in modo che possa raccomandare ulteriori valutazioni.

Bisogna tenere a mente che i sintomi del cancro al polmone nelle donne sono spesso diversi da quelli degli uomini e i sintomi nei non fumatori sono spesso diversi da quelli delle persone che fumano.

Non è noto quanto spesso il mal di schiena sia il primo sintomo di tumore al polmone, anche se il 25% delle persone al momento della diagnosi lo sperimenta all’inizio della malattia.

Ma non è finita: ci sono altri sintomi del tumore al polmone che è difficile associare a questa malattia. Si tratta della perdita di memoria e dell’appetito, diminuzione della massa muscolare oltre ad abbondante produzione di muco insieme alla forte tosse, di norma di colore diverso rispetto al normale. Se avete uno o più di questi sintomi, non allarmatevi: può darsi che non sia nulla. Però un bel controllo medico non vi farà male.

Una visita dal proprio medico servirà a indagare sulle cause del malessere e vi servirà, eventualmente, per stare più tranquilli. Non vergognatevi e non sentitevi ‘’esagerati’’: la salute è una cosa seria.

Prevenire è meglio che curare!