venerdì - 14 Maggio - 2021

A 94 anni lavora nei campi 12 ore al giorno per poter mangiare: i figli lo hanno abbandonato

Immagine Facebook

Conosciuto da tutti come Don Goyo, ma il suo vero nome è Gregorio, ha 94 anni e vive da solo. Per mangiare deve lavorare fino a 12 ore in un canneto poichè i suoi figli lo hanno abbandonato nel momento più difficile della sua vita, la vecchiaia.

Una donna, Karla Patricia Obil Mayoral, era molto dispiaciuta della storia raccontata da Gregorio pertanto ha deciso di aiutarlo: ha condiviso alcune fotografie dell’uomo su Facebook e ha raccontato la sua vita. Ha spiegato che Don Goyo vive in una casetta senza pavimento, in via Miguel Hidalgo y Reforma, nel quartiere di López Portillo.

Gregorio dorme su una vecchia amaca e, sebbene abbia dei figli, non li vede da molti anni. Inoltre, ha difficoltà a camminare e lavora ancora 10 e 12 ore al giorno per poter mangiare.

Ecco cosa scrive la donna su Facebook:

Ciao, buona sera a ciascuno di voi. Ho il coraggio di condividere una storia che mi è stata raccontata e che anche vederla con i miei occhi mi ha commosso molto. Oggi mentre accompagnavo mia madre per una passeggiata a piedi, ho visto quest’uomo uscire dai campi di canneti camminando a poco a poco, tutto curvo e usando un bastone, da lontano si vedeva la fatica degli anni e la mia prima reazione è stata quella di pensa: come è possibile che un uomo di età così avanzata debba ancora continuare a lavorare? La cosa successiva che ho fatto è stata offrirgli un bicchiere di soda che ha accettato volentieri e così mentre si riposava un po ‘mi ha detto che si chiama Gregorio, ha 94 anni e vive nel quartiere di José López Portillo, vive da solo ed è per questo che deve lavorare anche se le gambe e la colonna vertebrale non sono del tutto a posto. Mi ha anche detto che i suoi figli vivono molto lontano e nessuno gli fa più visita: quando me lo ha detto, i suoi occhi si sono riempiti di lacrime e il mio cuore ha provato molta tristezza, forse perché nessuno dei miei nonni vive più e mi mancano tanto e perché sono sicura che nessuno, con un po ‘di empatia lascerebbe lavorare il nonno 94enne per poter mangiare qualcosa, anche perché conoscendo tutto il processo di produzione dello zucchero, so che il lavoro dei tagliatori di canna è molto difficile e per qualcuno di quell’età deve essere abbastanza difficile e faticoso.

Immagine Facebook

Gli ho chiesto il suo indirizzo e ho promesso di andarlo a trovare presto per portargli vestiti e alcune provviste che gli sarebbero state utili. Quando mi ha salutato, mi ha detto molto gentilmente: “Grazie mille ragazza, Dio ti benedica” e l’ho notato sorridere. E beh, lo scopo della pubblicazione è chiedere aiuto per Don Goyo, La verità è che sono un fedele credente che tutto ciò che di buono o cattivo facciamo nella vita ci ritorna e che a volte il mondo gira così tanto che un giorno potremmo aver bisogno di aiuto. È la prima volta che condivido qualcosa in questo gruppo ma ho anche letto molte altre storie (…)
Grazie per la vostra attenzione. Dio vi benedica tutti

Le sue richieste di aiuto sono state accolte e ora migliaia di persone si sono dimostrate pronte a prendersi cura del signore come fosse il loro padre. La vita di Don Goyo è in breve tempo migliorata: ha sempre qualcuno pronto a fargli compagnia, fa fisioterapia per provare a migliorare le condizioni della sua schiena e ha ritrovato il sorriso.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti