martedì - 29 Novembre - 2022

Questa la lista degli alimenti che aumenta la depressione e ansia

Uno studio associa l’assunzione di alimenti ultraprocessati nella dieta abituale a un aumento del 33% del rischio di sviluppare la depressione e patologie ad essa annesse come l’ansia

Sapevamo già che i cibi ultraprocessati ingrassano e il loro consumo abituale aumenta il rischio di cancro, diabete e malattie cardiovascolari.

- Advertisement -

Ora, un nuovo studio fornisce ulteriori argomenti per convincere i consumatori ad escludere questo tipo di prodotti dalla  dieta quotidiana, poiché il suo consumo regolare è associato ad un aumentato rischio di sviluppare depressione clinica in futuro. Questa è la conclusione principale di uno studio su oltre 14.000 volontari della coorte “Monitoring University of Navarra” (SUN), guidata da Miguel Ángel Martínez-González, ricercatore principale del CIBER nella sua area tematica di fisiopatologia dell’obesità e della nutrizione.

Gli alimenti incriminati

Le bevande zuccherate, le salsicce, i dolci zuccherati, i biscotti, i dolci industriali o i cereali per la colazione sono alcuni esempi di alimenti superprocessati. Se quando vai al supermercato hai dei dubbi per distinguerli, dai un’occhiata al loro elenco di ingredienti. 

Questi cibi sono costituiti da zucchero raffinato, amidi, olii vegetali, sale, grassi trans, proteine idrolizzate, additivi.

Lo studio, che è stato appena pubblicato sull’European Journal of Nutrition, ha seguito per oltre dieci anni un totale di 14.907 laureati provenienti da tutta la Spagna, che non avevano mai sofferto di depressione all’inizio dello studio. 774 nuovi casi di depressione diagnosticata clinicamente sono stati rilevati durante un follow-up massimo di 16 anni. Indipendentemente da altri fattori, coloro che consumavano cibi ultraprocessati avevano un relativo aumento del rischio di sviluppare una depressione o stati ansiosi del 33% rispetto a quelli che avevano un consumo pari a zero. Lo sviluppo di questa malattia è stato di gran lunga maggiore nei partecipanti che svolgevano attività fisica.

“Precedenti studi del progetto SUN, diretti anche da Maira Bes-Rastrollo, ricercatore senior di questo lavoro, avevano già scoperto che il cibo ultraprocessato aumentava il rischio di ipertensione e obesità. Queste condizioni cardiometaboliche condividono meccanismi patofisiologici e fattori di rischio con la depressione” – spiega Clara Gómez Donoso, ricercatrice presso il Dipartimento di Medicina preventiva e prima autrice dell’opera.

Pur essendo alimenti di scarsa qualità, hanno successo tra i consumatori perché sono pronti da mangiare e grazie al loro alto contenuto di zuccheri, sale e additivi, risultano particolarmente piacevoli per il palato. Non rientrano nei modelli di dieta mediterranea , basata sul consumo di verdure, cereali integrali, noci, legumi, pesce e olio d’oliva vergine.

Dobbiamo sempre ricordare che alla dieta mediterranea è associato con un minor rischio di depressione e una forte riduzione del rischio cardiovascolare e del cancro al seno, secondo lo studio PREDIMED, poiché fin ora, i benefici della dieta mediterranea sono sicuri e insuperabili.

Potrebbe anche interessarti:

15 super cibi che aiutano a ridurre il rischio di infarto: a dirlo i cardialogi
I 10 sintomi che ti indicano che hai il colesterolo alto

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©