martedì - 5 Luglio - 2022

Scottature solari: 10 rimedi naturali e veloci

 

- Advertisement -

Durante l’estate, in vacanza o semplicemente esponendosi nelle ore più calde, quando la colonnina di mercurio oscilla tra i 30 e i 40 gradi, la pelle può correre molti pericoli e aggressioni a causa di raggi solari troppo intensi.

Sono proprio i raggi UVB, i responsabili delle scottature e degli eritemi che solitamente compaiono in forme accentuate nei primi giorni di esposizione.

I sintomi del “colpo di sole”

Le reazioni dell’epidermide dopo un’eccessiva e prolungata esposizione solare sono molteplici: la pelle diventa molto rossa, si ricopre di bolle, vescicole, si ha molto prurito e si può avere una sensazione di dolore cocente. Successivamente la pelle va incontro a desquamazione, ovvero si perde lo strato più superficiale della pelle e la parte danneggiata  assume un colorito “a macchie”.

A esserne maggiormente colpite sono le persone con pelle molto chiara, povera di melanina, sostanza che ci protegge dai raggi solari; anche esporsi senza dovuta protezione, può portare a conseguenze negative che rovinano la nostra bellezza e la nostra salute. Tra gli effetti del sole preso nella maniera più errata, c’è anche l’invecchiamento precoce che rende le rughe più profonde ed evidenti.

Meglio stare attenti e godersi il sole senza esagerare; l’eccessiva esposizione favorisce lo sviluppo, a lungo termine, di forme di cancro cutaneo: melanomi maligni causati da colpi di sole, carcinomi per esposizioni prolungate tutto l’anno, tipico dei marinai e agricoltori.

S.O.S rimedi scottature

Fortunatamente la natura è sempre generosa e ci offre dei validi aiuti per questi inconvenienti; potete portarli in viaggio con voi o acquistarli con facilità nei luoghi di villeggiatura.

  1. Foglie fresche di aloe: dopo una scottatura, il rimedio più indicato, è rinfrescare e reidratare la pelle scottata con foglie fresche di aloe. Le foglie vanno tagliate con un coltello e la sostanza gelatinosa che si trova all’interno, deve essere massaggiata sulla pelle; se non riuscite a procurarvi delle foglie, optate per un gel 100% puro di Aloe.
  2. Impacco di lattuga: l’impacco di lattuga è un rimedio naturale molto consigliato; per prepararlo bisogna far scaldare in acqua bollente 2-3 foglie di lattuga che vanno poi tritate e stese su due garze. L’impacco va applicato sulla parte arrossata per 15 minuti.
  3. Semi di lino: mettete in infusione 250 g di semi di lino per almeno 5 ore. Successivamente fate bollire il composto per pochi minuti e unite 15 gocce di oleolito di iperico. Frullate, filtrate il tutto e lasciatelo in frigo per un’oretta. Il gel va applicato la sera per 3-4 giorni.
  4. Melone e argilla: un rimedio rinfrescante si ottiene frullando la polpa di mezzo melone maturo e aggiungendo un cucchiaino di argilla verde. Utilizzate un batuffolo di cotone da tamponare sulla pelle da trattare.
  5. Lavanda e iperico: soluzione perfetta è applicare su tutto il corpo, un composto di 50 ml di oleolito di iperico, unito a 25 gocce di olio di lavanda e 10 gocce di camomilla.
  6. Bicarbonato di sodio: fate un bagno in acqua tiepida aggiungendo ½ bicchiere di bicarbonato. Elimina il rossore e rende morbida la pelle.
  7. Farina d’avena: un cucchiaio di polvere d’avena nell’acqua durante il bagno, allevierà la sensazione di prurito e di calore tipico delle scottature.
  8. Calophylla : nelle scottature gravi in cui si sono create anche vesciche piene di siero, utilizzate questo balsamo costituito da 50 ml di olio di calophilla e 50 gocce di lavanda, entrambi reperibili in erboristeria.
  9. Olio di cocco puro: è perfetto per i colpi di sole; applicatene qualche goccia con un batuffolo di cotone.
  10. Tè verde: bagnate leggermente le bustine di tè verde e applicatele direttamente sulla scottatura o facendo delle piccole spugnature. Il tè ha proprietà antinfiammatorie eccezionali.
Cosa non fare in caso di scottatura

Per evitare di far precipitare la situazione è opportuno non  esporsi ancora al sole o sottoporsi a lampade abbronzanti nei giorni successivi.

Meglio evitare di grattarsi, di lavarsi con acqua calda, di bere acqua fredda; il corpo ha in quel momento una temperatura molto più alta del normale perciò bandite tutte le bibite freddissime.

Preferite abbigliamento e biancheria da letto in cotone.

Cercate di non rompere le vesciche per evitare danni profondi alla pelle.

Come prevenire e preparare la pelle prima di esporsi

Chi gioca d’anticipo può prevenire le fastidiose scottature, infatti, la pelle è molto delicata ed essendo sempre coperta dall’abbigliamento, non è pronta ad affrontare i dannosissimi raggi UVB.

Gli specialisti della pelle consigliano di prendere il sole progressivamente, proteggendosi inizialmente con creme a “schermo totale”.

Inoltre è opportuno idratarsi molto in spiaggia, fare degli scrub sul corpo, curare l’alimentazione preferendo cibi ricchi di beta-carotene (carote, arance, melone, albicocche) ed evitare le ore più calde (dalle 11 alle 14).

© Riproduzione riservata

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©