lunedì - 17 Maggio - 2021

Come rendere inattivo il Coronavirus in un alimento contaminato?

Il cibo può essere contaminato dal Covid, tramite le mani infette di chi lo ha manipolato? La risposta è si, ma basta poco per renderlo inattivo.

Come rendere inattivo il Coronavirus in un alimento contaminato

Cibo contaminato da Covid, ecco come inattivare il tutto

La trasmissione del coronavirus SARS-CoV-2 attraverso il cibo è “molto bassa”, sebbene non vi sia alcun rischio “zero” e la maggior parte dei casi è dovuta alle secrezioni respiratorie del personale che è stato in contatto con questi cibi durante la preparazione.

È stato sottolineato dalla ricercatrice Gloria Sánchez, dell’Istituto di agrochimica e tecnologia alimentare del Consiglio superiore per la ricerca scientifica (CSIC), e ha assicurato che i trattamenti di cottura siano efficaci nell’inattivare il coronavirus .

“Se acquistiamo un alimento contaminato da mani infette, pertanto contaminato, il congelamento è il modo per preservare il virus; il congelamento non inattiva i virus”, riferisce il ricercatore, che ha sottolineato l’importanza di prevenire la contaminazione tramite la cottura. “Questo è comune a tutti gli agenti patogeni di origine alimentare, ma la SARS-CoV-2 non è considerato di origine alimentare “.

Negli ultimi mesi si sono verificati incidenti in numerosi mercati – soprattutto a grossisti  cinesi – che hanno rilevato il SARS-CoV-2 in prodotti congelati e acquatici -pesce e frutti di mare o d’acqua dolce.

Proprio oggi, il principale mercato all’ingrosso di Pechino, Xinfadi ,ha sospeso lo stoccaggio e la vendita di prodotti congelati e acquatici a causa dei ripetuti ritrovamenti del virus in Cina in tali imballaggi.

Confezioni di carne di maiale congelata dalla Francia; gambero bianco dell’Ecuador; carne di manzo congelata dall’Argentina; carne bovina importata dal Brasile; sono esempi di alcuni dei prodotti in cui sono state trovate tracce  del nuovo coronavirus e che hanno spinto a richiamare l’attenzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per indagare sulla presenza del virus nei prodotti congelati e mitigare i rischi.

Il ricercatore dell’Istituto di Agrochimica e Tecnologia Alimentare ha osservato che molti focolai sono stati rilevati tra il personale delle aziende di carne e ha osservato che quando non indossano i dispositivi di protezione individuale appropriati o non seguono buone pratiche igieniche, possono essere contaminanti, attraverso secrezioni respiratorie o aerosol, sia le superfici con cui il cibo viene a contatto, sia il cibo stesso.

Ciò che è stato rilevato, ha precisato il ricercatore CSIC, sono tracce del materiale genetico del virus , quindi non è possibile stabilire se siano infettive o meno.

SARS-CoV-2 e il suo materiale genetico rimangono stabili per lunghi periodi a temperature molto basse, ha detto Gloria Sánchez, chiarendo che non ci sono prodotti (frutti di mare, pesce o carne) più inclini di altri alla presenza del virus, ma il rischio si concentra nelle condizioni di lavoro in cui vengono lavorati questi alimenti, e ha citato il caso dei macelli .

Quando le condizioni socio-economiche di un Paese sono precarie, “maggiore è il rischio che le condizioni di lavoro non siano adeguate e che lavoratori asintomatici possano contaminare gli alimenti o le superfici dove questi alimenti vengono a contatto”.

Sánchez assicura che non ci sono ancora prove scientifiche sulla trasmissione di questo coronavirus attraverso il cibo, anche se ci sono diverse notizie che suggeriscono che la presenza di materiale genetico in alcuni di essi sia stata rilevata tramite test PCR .

Al momento, ha spiegato il ricercatore all’EFE, c’è solo una notizia dal Center for Disease Control and Prevention in Cina, sebbene i risultati di quello studio non siano ancora stati pubblicati, il che indica che hanno isolato il virus vivo dal cibo.

Se il cibo è cucinato correttamente, il virus sarebbe inattivato, quindi tutto indica che la trasmissione attraverso il cibo è molto improbabile“, ha detto.

Gloria Sánchez ha confermato che il contagio si verifica quando si manipolano prodotti che possono arrivare contaminati da magazzini, fabbriche o mercati, ma che il cibo è sicuro indipendentemente dal fatto che sia congelato o meno.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti