mercoledì - 28 Ottobre - 2020

14 abitudini per aiutarti a rimanere in salute ed essere attraente con il minimo sforzo

 

Su Internet puoi trovare un milione di consigli su come rimanere in salute e restare attraenti: contare le calorie, fare molti sport, mangiare di meno e così via. Ma gli scienziati hanno un diversi punti di vista. Ecco 14 suggerimenti scientificamente provati per aiutarti a rimanere in salute con il minimo sforzo.

Abbiamo raccolto alcuni consigli meno ovvi per aiutarti a mantenere il tuo corpo snello, sano e attraente per molti anni a venire.

1. Smetti di contare le calorie.

Un’alta qualità del cibo è più importante delle calorie. Uno studio condotto per 20 anni ha dimostrato che gli alimenti trasformati e le bevande zuccherate causano il maggiore aumento di peso. Quindi presta attenzione non a quante calorie ci sono nel tuo cibo ma a quanto sia salutare.

2. Riempi metà del piatto con verdure.

 

Frutta e verdura sono fonti di fibre, acqua e microelementi utili. La ricerca ha dimostrato che se metti molte verdure e frutta nel tuo piatto , la tua salute migliorerà. Lo stesso vale per i supermercati: se metà del tuo carrello è pieno di frutta e verdura, sei a metà della tua salute.

3. Mangia quello che vuoi e quando vuoi.

A volte decidiamo di evitare i nostri prodotti preferiti per un po ‘, ma non possiamo continuare per sempre, quindi ne mangiamo molto e aumentiamo di peso. Per rimanere sempre forti e in salute, dobbiamo mangiare ciò che vogliamo e goderci ogni cibo senza sentirci in colpa .

4. Usa la “regola dei 2 morsi”.




Se vuoi davvero mangiare qualcosa di molto insalubre, inganna il tuo cervello: prendi un boccone, bevi un bicchiere d’acqua e poi mordi ancora una volta. La sensazione di sazietà arriverà molto più velocemente.

5. Inizia la giornata con le proteine.

Gli alimenti ricchi di proteine riducono i livelli dell ‘”ormone della fame” – la grelina. Ecco perché uova, petto di pollo e yogurt greco possono aiutarti a sentirti pieno fino a pranzo in modo più efficace di una colazione a base di carboidrati.

6. Cammina 2 minuti ogni ora.

Se devi essere seduto mentre lavori, cerca di camminare 1–2 minuti per ogni ora che passi seduto. Puoi sempre trovare un motivo per visitare un altro reparto, camminare fino al piano sopra o andare fuori per un minuto. Questo ti aiuterà a rimanere attivo per l’intera giornata.

7. Non mangiare mai spuntini da un pacchetto.

Puoi mangiare rapidamente una grande quantità di patatine, biscotti o caramelle da un grosso pacchetto in 5 minuti. Metti gli snack su un piatto o ordinali in sacchetti più piccoli : questo ti aiuterà a controllare quanto hai mangiato e quando è il momento di smettere.

8. Usa la “regola dei 10 minuti”.

Questa regola funziona per qualsiasi buona abitudine . Se vuoi andare a letto prima, vai a dormire 10 minuti prima del previsto. Se vuoi fare yoga ma non trovi tempo libero, inizia con 10 minuti al giorno.

9. Scegli i pasti abbondanti.

Un professore della Pennsylvania ha condotto uno studio ed è giunto a questa conclusione: grandi porzioni di cibo o pasti contenenti molta acqua sono un ottimo modo per non mangiare troppo. Una grande ciotola di insalata ti riempirà lo stomaco molto più velocemente di una manciata di noci, e questo ti farà sentire sazio.

10. Riduci il consumo di zucchero a 6 cucchiaini.

Un’enorme quantità di zucchero nel cibo aumenta le possibilità di aumentare il diabete di tipo 2 . Porta anche all’obesità. Gli esperti sanitari hanno formulato raccomandazioni per il consumo giornaliero di zucchero: 6 cucchiaini al giorno per le donne e 9 per gli uomini.

11. Sii egoista.

Essere egoisti significa pensare di essere la persona più importante.



L’esperta di dieta Ann Fletcher consiglia di mettersi al primo posto e di prendersi cura di se stessi e del proprio corpo. Sii egoista: smetti di regalare cose agli altri. Prendi qualcosa per te prima.

12. Avvicina la scrivania alla finestra.

La ricerca mostra che una grande quantità di luce solare ha un’influenza positiva su 2 cose: la qualità del sonno e la produttività . Per essere in salute, trova un modo per lavorare illuminato da luce naturale.

13. Bevi bevande calde.

Le bevande calde riducono la quantità di rifiuti metabolici, quindi rallenta il processo di invecchiamento . Il tè o un bicchiere di acqua calda (idealmente 30 minuti prima di un pasto) accelerano la digestione, aumentano la produttività del metabolismo e migliorano la circolazione sanguigna.

14. Non lavarti i denti dopo aver mangiato.

Gli specialisti non raccomandano di lavarsi i denti subito dopo il cibo – dovresti farlo almeno 30 minuti dopo. Se hai mangiato o bevuto qualcosa di acido, non lavarti i denti dopo aver mangiato per non danneggiare lo smalto.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Proteggersi dal Coronavirus assumendo più vitamina D: ecco gli alimenti che si possono mangiare per ottenerla

La mancanza di vitamina D è spesso correlata alla mancanza di sole. In questo articolo vi diciamo come aumentarla in tempi di pandemia, visto...

Bollo auto, dal 1 Gennaio cambia tutto e arriva anche l’ aumento

Il bollo auto, spesso definito anche come il "calcolo della tassa regionale automobilistica" è un tributo regionale il cui versamento spetta a tutti i...

Con 2300 ricoverati in terapia intensiva scatterà il lockdown: ad oggi sono 1000

La situazione sembra peggiorare giorno per giorno e oggi si sono registrati ancora una volta 16.000 nuovi positivi. Il dato che fa più timore...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

6 alimenti che possono causare borse sotto gli occhi e 4 che possono risolvere il problema

Hai dormito bene la notte, ma ti svegli ancora la mattina con le borse sotto gli occhi e ti chiedi perché? Bene, a parte...

Olio extra vergine d’oliva comprato a 3€ nei supermercati? Ecco cosa c’è dentro e da dove proviene

Olio extra vergine venduto a 3 euro a litro nei supermercati: forse pochi sanno che, per poter produrre olio extra vergine di oliva, sussiste...