martedì - 20 Ottobre - 2020

Grandi verdi e appetitose, le olive colorate con il solfato di rame: allarme olive cancerogene

Puglia, 85 tonnellate di olive pronte ad andare sulle nostre tavole, sequestrate dalla polizia forestale: venivano colorate con una sostanza verde E 141, 18 le persone denunciate. Cerchiamo di capire per quale motivo i produttori colorano le olive con il solfato di rame e la clorofilla ramata.

Un vero e proprio inganno a danno della salute dei consumatori, truffati nell’acquistare delle olive grosse, dal color verde vivo, intenso, ma che in realtà erano state colorate artificialmente per invogliare il cliente ad acquistarle.

18 imprenditori denunciati che ora dovranno rispondere di frode a danno dei consumatori e commercio di sostanze nocive non autorizzati dalla legge.

Le olive venivano colorate con lo scopo di eliminare e nascondere eventuali ammaccature, un processo che impiegava l’utilizzo la clorofilla ramata verde e del colorante E 141, vietati dalla legislazione nazionale perché entrambe le sostanze risultano nocive per la salute e sono altamente cancerogeni. I titolari delle aziende sono delle città di: San Ferdinando, Polignano a Mare, Bitetto, Bitritto, Bisceglie, Margherita di Savoia, Bari, Sannicandro di Bari, Modugno, Noicattaro, Andria, San Giovanni Rotondo, Cassano delle Murge e Lucera.
Il coordinatore delle indagini della guardia forestale, Giuliano Palomba, spiega  che di solito viene utilizzata soda caustica per rendere dolci le olive attraverso la “deamarizzazione”, processo che però tende ad ingiallire le olive; per evitare pertanto che venissero vendute di color giallastro, i produttori hanno deciso di colorarle senza pensare che avrebbero arricchito le loro tasche ma avrebbero procurato danni alla salute di chi le avrebbe acquistate e mangiate.

Oltre alla denuncia della falsa colorazione sono state riscontrate violazioni riguardo il falso made in Italy, ovvero importavano olive spagnole e greche facendo credere che fossero olive pugliesi.

Contraffazione, frode nell’esercizio di commercio, danni al consumatore, cattiva conservazione degli alimenti, queste le accuse di cui dovranno rispondere i produttori pugliesi. Diffidate dagli alimenti che sembrano artificiali perché i cibi genuini non devono essere belli ma buoni e salutari. Non fatevi ingannare dall’occhio.

© Riproduzione riservata

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Dieta antinfiammatoria: cosa mangiare per eliminare l’infiammazione di qualunque parte del corpo,senza usare farmaci

Dieta antinfiammatoria: cosa mangiare per eliminare l'infiammazione del tuo corpo senza dover ricorrere a farmaci che hanno effetti collaterali negativi Lo stress, la cattiva alimentazione...

3 motivi scioccanti che ti convinceranno a non comprare più succhi di frutta

E se ti dicessi che il succo di frutta non è più salutare di un bicchiere di coca cola? E' esattamente vero! Molti studi...

8 sintomi di allergia alimentare che non dovresti mai ignorare

I sintomi dell' allergia alimentare possono variare da lievi a gravi. Molte persone hanno familiarità con vari tipi di allergie alimentari, come arachidi o...

Ecco cosa succede al tuo corpo se mangi 4 anacardi ogni giorno

Gli anacardi sono ampiamente conosciuti per il loro gusto dolce e burroso e la forma inconfondibile. E anche se alla maggior parte di noi...

I 10 migliori esercizi per ridurre il doppio mento

La tensione e le rughe della pelle del collo influiscono drasticamente sull'aspetto generale, pertanto se sei insoddisfatto di come appare l'aspetto del tuo collo,...

Coronavirus: nonostante le indicazioni delle istituzioni e degli esperti Navigli e corso Buenos Aires presi d’assalto dai milanesi

Nonostante l’emergenza Coronavirus e la continua richiesta da parte delle istituzioni e degli esperti di evitare assembramenti e vita sociale, a Milano la gente...