lunedì - 17 Maggio - 2021

Gattoterapia: i benefici psicoterapeutici del vivere con un gatto

La gattoterapia è un trattamento contro i problemi di ansia, stress e depressione. Migliora la qualità della vita e crea una connessione molto speciale fra il felino e il suo padrone. Basandosi su diversi studi, le persone che soffrono di una cardiopatia mostrano un miglioramento progressivo a seguito della convivenza con un gatto.

È abbastanza curioso che la stessa ricerca condotta con i cani porti a risultati completamente diversi. I padroni dei cani, a differenza di quelli dei felini, mantengono costanti i loro parametri. Questo significa che chi possiede dei gatti corre un rischio minore di morire di infarto rispetto a chi non ne ha.

I felini sono animali molto consigliati alle persone che vivono da sole, soprattutto per quanto riguarda gli anziani. Un individuo che soffre di demenza, ad esempio di Alzheimer, può persino rivivere alcuni ricordi accarezzando un gatto, ritardando così la degenerazione neuronale di cui soffre. Le fusa di questo animale, a loro volta, stimolano alcune terminazioni nervose fondamentali per evocare storie o eventi passati.

“Se dovessi scegliere un suono fondamentale per la pace, voterei per le fusa”
(B.D. Diamond)

Fa bene al cuore e allontana il cattivo umore

Innanzitutto, in barba a qualsiasi terapia farmacologica, la presenza di Micio può giovare a corpo e mente, tenere lontano il cattivo umore e far bene al cuore. Tutto merito del contatto con il pelo, che produce ossitocina, l’ormone della felicità e che ci dona serenità. Non solo i cani migliorano la salute di ogni singolo componente di una famiglia, ma anche i felini hanno quindi, la capacità di aiutarci in caso di depressione e di ansia.

Potremmo dire che i gatti allungano la vita perché fanno bene alla salute del cuore, riducendo la mortalità nei pazienti cardiologici. Tutto questo lo dice la scienza che da tempo utilizza la pet therapy anche in ospedale.

“Non è possibile possedere un gatto. Nella migliore delle ipotesi si può essere con loro soci alla pari.”
(Sir Harry Swanson)

Effetti positivi della presenza di un gatto sono stati poi riscontrati in anziani soli, in malati di malattia di Alzheimer, andando a ridurre i livelli di ansia generati dalla degenerazione della malattia, in malati cronici, tra le persone con disabilità e tra chi soffre di insonnia

Riduce lo stress e allunga la vita

Una ricerca in particolare, quella pubblicata qualche tempo fa sull’American Journal of Cardiology ha proprio dimostrato che chi possiede un gatto ha un tasso di sopravvivenza superiore di chi non ha un felino.

Ai motivi già elencati si aggiunge che il contatto col pelo del gatto è piacevole e distensivo, agisce positivamente sul battito e sulla frequenza cardiaca e sulla pressione arteriosa. Stesso effetto per le fusa.
Ma non solo, il gatto per natura è più diffidente del cane, quindi stimola maggiore autocontrollo nel proprietario.

Il gatto sembra l’incarnazione di ogni cosa soffice, setosa, priva, nella sua composizione, di qualsiasi asperità: un sognatore la cui filosofia è “Dormi e lascia dormire”.
(Saki)

Rende responsabile i più piccoli

Avere un gatto in casa è una grande responsabilità per i bambini perché dovranno prendersene cura, dargli da mangiare ed educarlo, che non è sempre un compito facile. È importante parlare con i più piccoli dell’argomento, affinché siano consapevoli dell’importantissimo compito che devono svolgere.

Non dimentichiamoci di mettere in chiaro con loro che un animale NON è un giocattolo. Non deve essere picchiato, non deve essere spinto a terra e non gli si deve tirare la coda. Gli esseri viventi devono essere rispettati e amati, e il nostro animale domestico sarà molto più felice se verrà trattato in modo corretto.

Hanno bisogno di poche cure

A differenza di altri animali, i gatti hanno bisogno di pochissime cure. Tralasciando i vaccini e il cibo, sono esseri viventi molto puliti. Non appena imparano a usare la lettiera, la utilizzano sempre; lavano se stessi e i loro cuccioli e non hanno bisogno di attenzioni costanti.

Dunque, fategli il bagno ogni tanto, accertatevi che il cibo sia adatto a loro e non dimenticatevi di portarli agli appuntamenti con il veterinario. Ricordatevi che un gatto sano corrisponde a un essere umano in salute.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti