giovedì - 29 Ottobre - 2020

Buone notizie per i ”furbetti”che dopo una multa non vogliono perdere i punti dalla patente. La soluzione c’è, ed è pienamente legale: ecco come fare

Hai preso una multa ma non vuoi perdere punti dalla patente? Il metodo c’è ed è del tutto legale. Basterà effettuare una piccola modifica. Ecco come…

Ricevere una multa non è una notizia che piace tanto agli automobilisti, specialmente perchè, oltre alla somma di denaro da pagare, vi è anche la decurtazione dei punti dalla patente; non sempre però si debbano perforza perdere punti dalla patente. Come si legge su laleggepertutti.it. vi sono procedure del tutto legali per evitare tutto ciò; tale possibilità è del tutto legittima e non viola la Costituzione, stando a una recentissima ordinanza della Corte Costituzionale pronunciatasi proprio a riguardo.

Per cui, se hai ricevuto una multa e ti stai domandando come fare per non perdere i punti della patente la soluzione c’è ed è pienamente legale.

Come non farsi togliere punti dalla patente

Quando l’automobilista commette un’infrazione al codice della strada e il verbale non gli può essere contestato immediatamente, perché magari la circolazione avviene su una strada ad alto scorrimento o perché l’infrazione è stata captata da una fotocamera montata sul semaforo o sull’autovelox; la polizia invia la multa a casa del proprietario dell’automobile. Poiché non è detto che sia stato quest’ultimo l’effettivo responsabile della violazione del codice della strada (circostanza che la polizia, non avendolo fermato immediatamente, non è in grado ancora di sapere), il proprietario del mezzo, oltre a dover pagare la contravvenzione, è tenuto, entro 60 giorni, a comunicare il nominativo e i dati della patente dell’effettivo conducente; solo nei confronti di quest’ultimo verranno sottratti i punti.

Ma se la comunicazione dei dati non viene fornita, il titolare dell’auto subisce una seconda multa, pari a 286 euro, per non aver collaborato con la polizia e non aver indicato gli estremi del conducente. Per cui, se l’effettivo conducente è anche il proprietario del mezzo, per questi si aprono due possibilità: pagare la multa e comunicare i propri dati alla polizia, dichiarando di essere stato l’effettivo conducente: in tal caso egli non subisce la seconda multa di 286 euro, ma perde i punti della patente;  pagare la multa e non comunicare i dati alla polizia del conducente: in tal caso, si riceverà la seconda multa da 286 euro, ma non si subirà la decurtazione dei punti.

Quindi, chi vuole evitare di perdere i punti dalla patente ed è disposto a pagare 286 euro per mantenere intatta la propria licenza di guida, può liberamente farlo. Questo sistema, a detta della Corte Costituzionale, non è né ingiusto, né viola il principio di uguaglianza dei cittadini, benché favorisca chi ha la possibilità economica rispetto a chi, invece, non potendo sostenere una seconda multa, è costretto a comunicare i dati della propria patente.

Si salva la patente, ma l’entità della somma è tale da consentirlo solo a chi può permettersi di pagarla. Il che, comunque, rende questo sistema particolarmente utile quando si dispone di pochi punti e non si ha il tempo di recarsi a un’autoscuola per i corsi di recupero dei punti. Secondo la Consulta, dunque, è legittimo rimanere anonimi, evitando la sottrazione dei punti a condizione di essere disposti a pagare la sanzione di 286 euro prevista dal codice della strada per omessa comunicazione del conducente quando si riceve un verbale d’infrazione.

Comunicare di non poter ricordare chi era alla guida

Con una recente sentenza la Cassazione ha aperto le porte a una seconda possibilità per non perdere i punti della patente. Si tratterebbe di rispondere all’invito della polizia nei termini assegnati (60 giorni), tuttavia dichiarando di non essere in grado di ricordare chi fosse alla guida del mezzo. Il che succede quando è passato molto tempo dall’infrazione e l’auto è condivisa da più familiari. Non esiste una norma che obblighi di ricordare.

Ultimo consiglio che possiamo dare ai conducenti che non vogliono perdere punti poichè ne hanno pochi, è attribuire la multa a qualcun altro famigliare, e con il loro accordo, far decurtare dalla loro patente i punti, sempre sperando che costui abbia tutti i punti e che sia così generoso da aiutarci!

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Covid, la Puglia chiude tutte le scuole. Emiliano: «L’aumento dei contagi è colpa della riapertura»

La Puglia chiude tutte le scuole: dalle elementari a medie e superiori, sospesa la didattica in presenza. Lo ha annunciato il governatore pugliese Michele...

Cosa si prova fisicamente quando si è infetti da coronavirus? Testimonianza

Come capire se abbiamo contratto il Coronavirus? Quali sono i sintomi che ci avvertono e che dovrebbero allarmarci? A raccontare la sua esperienza è Mauro...

Come pulire efficacemente le persiane di casa senza fatica e in breve tempo

Le persiane , insieme alle finestre, sono due degli oggetti domestici più sporchi e costosi da pulire. Il suo contatto con l'esterno è ciò...

11 esercizi efficaci più dei farmaci per alleviare il dolore da artrite

L'esecuzione quotidiana di questa routine può aumentare la forza e migliorare il disagio causato dall'artrite, una malattia che colpisce le articolazioni del corpo. L'artrite reumatoide...

È di Napoli il miglior oncologo al mondo per la cura del cancro ai polmoni

Onore alla nostra Italia: è di Napoli il primo professionista di fama mondiale per la cura e la ricerca del cancro al polmone Immagine: Youtube Anche...

C’è posta per te: Maria De Filippi perde la pazienza e si lascia andare ad un duro sfogo

C'è Posta per te 2020: Maria De Filippi perde la pazienza e si sfoga, ma niente da fare Giovanni chiude la busta alla mamma...