Uomo di 82 anni ha salvato la vita di oltre 2 milioni di bambini grazie alle sue donazioni di sangue


L’uomo che ha battuto il record di donazioni di sangue si chiama James Harrison, ha 81 anni ed è australiano.


Immagine: Facebook

In apparenza, James Harrison è solo un uomo normale. Ama la sua famiglia e i suoi nipoti, colleziona francobolli e fa passeggiate nella natura, sulla costa centrale dell’Australia. Ciò che possiede però, è molto molto speciale, e scorre nelle sue vene.

Conosciuto come “L’uomo con il braccio d’oro”, quasi ogni settimana negli ultimi 60 anni ha donato il suo preziosissimo sangue a due milioni di bambini. Le ragioni possono essere ricondotte a una grave procedura medica che ha subito da bambino.
“Nel 1951, ho subito un’operazione al torace in cui hanno rimosso un polmone – e avevo 14 anni”, ricorda Harrison, che ora ha 78 anni.
“Quando sono uscito dall’operazione, o un paio di giorni dopo, mio ​​padre stava spiegando cosa era successo. Ha detto che avevo (ricevuto) 13 unità (litri) di sangue e che la mia vita era stata salvata da persone sconosciute. Era lui  stesso un donatore, quindi mi sono promesso che quando sarei diventato abbastanza grande, sarei diventato un donatore di sangue “.

Un problema mortale

Poco dopo che Harrison è diventato un donatore, i medici lo hanno richiamato. Il suo sangue, hanno detto, era una soluzione a un problema mortale.
“In Australia, dal 1967, sono morti migliaia di bambini, e i dottori non sapevano perché, ed è stato un evento catastrofico”, spiega Jemma Falkenmire, dell’Australian Red Cross Blood Service . “Le donne hanno avuto numerosi aborti spontanei e i bambini sono nati con danni cerebrali”.

Era il risultato della malattia di Rhesus, una condizione in cui il sangue di una donna incinta inizia effettivamente ad attaccare le cellule del sangue del suo bambino non ancora nato. Nel peggiore dei casi può provocare danni cerebrali o morte ai bambini.
La malattia di Rhesus si verifica quando una donna incinta ha sangue Rh-negativo (RhD negativo) e il bambino nel suo grembo ha sangue Rh-positivo (RhD positivo), ereditato da suo padre. Se la madre è sensibile al sangue rh positivo , di solito durante una precedente gravidanza di un bambino rh positivo, inizia a produrre anticorpi che distruggono le cellule del sangue “estranee” del bambino.

La scoperta che ha salvato i bambini dalla morte

Fu scoperto che il Signor  Harrison aveva un anticorpo insolito nel sangue e negli anni ’60 pertanto collaborò con i medici per usare gli anticorpi che possedeva. La particolarità che rende unico il sangue del Sig. Harrison è un prezioso anticorpo, utilizzato per fare un farmaco capace di curare una forma di anemia: la malattia di Rhesus.

Ogni 15 giorni Harrison si è recato presso la banca del sangue della Croce Rossa Australiana ed è divenuto noto nel suo Paese per essere “l’uomo con il braccio d’oro”, in riferimento al volume di donazioni: ben 1.173. Numero che gli è valso il Guinness World Record e una Medaglia al merito.

“Ho salvato molte vite e sono nati tanti nuovi bambini nel mondo, quindi, questo mi fa sentire bene” ha detto Harrison giunto all’età massima in cui
si può donare il sangue.

Un contributo non da poco, come spiegato da Jemma Falkenmire – dell’Australian Red Cross Blood Service – alla CNN nel 2015: “In Australia, fino al 1967 circa, si stavano avendo numerosi aborti e nascevano bambini con danni cerebrali. L’Australia è stato uno dei primi paesi a scoprire un donatore di sangue con questo anticorpo, quindi all’epoca fu piuttosto rivoluzionario.”

I medici non sono sicuri del motivo per cui il signor Harrison abbia questo raro tipo di sangue, ma sospettano che possa essere stato causato dalle trasfusioni che ha ricevuto dopo l’operazione al polmone.

Jemma Falkenmire ha aggiunto: “ogni sacca di sangue è preziosa, ma quella di James è particolarmente straordinaria; ogni lotto Anti-D (somministrazione di immunoglobuline specifiche contro il fattore RH) fatto in Australia viene dal sangue di James. Più del 17% delle donne in Australia sono a rischio, per questo James con il suo gesto ha contribuito a salvare molte vite”.

Sono 2 milioni i bambini che continuano a vivere grazie a quest’uomo, che lo ringraziano continuamente.

Sono dolo 50 le persone in Australia conosciute per avere gli anticorpi di questo tipo, secondo il servizio del sangue della Croce Rossa australiana.
“Penso che James sia insostituibile per noi”, afferma Falkenmire.
“Non credo che nessuno sarà in grado di fare ciò che ha fatto, ma sicuramente abbiamo bisogno che le persone entrino nei suoi panni”, aggiunge.
Harrison è considerato un eroe nazionale e ha vinto numerosi premi. Ora ha donato il suo sangue più di 1.000 volte, ma non importa quante volte gli sia stato somministrato il sangue, c’è una cosa che non cambierà mai: “Mai una volta ho visto l’ago entrare nel mio braccio”, dice.
“Guardo il soffitto o le infermiere, forse parlo un po ‘con loro, ma mai una volta ho visto l’ago andare nel mio braccio. Non sopporto la vista del sangue e non sopporto il dolore.”

On the surface, James Harrison is just an average guy. But it's what's under the surface that makes him extraordinary — specifically, what's flowing in his veins. http://cnn.it/1B2RCWb

Pubblicato da CNN su Martedì 9 giugno 2015