venerdì - 23 Aprile - 2021

Un nuovo esame del sangue può prevedere il rischio di morte fino a 10 anni prima con una precisione dell’80%

Gli scienziati hanno stilato un indice di 14 biomarcatori che includono diversi aminoacidi, livelli di colesterolo buono e cattivo, bilancio degli acidi grassi e infiammazione, che possono rivelare con un anticipo di 10 anni, il rischio di morte, con una precisione dell’80%.

I ricercatori del Max Planck Institute for Aging Biology e del Medical Center dell’Università di Leiden (LUMC) hanno scoperto una combinazione di biomarcatori nel sangue in grado di prevedere il rischio di morte fino a un decennio prima con una precisione dell’80%. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista «Nature Communications».

Gli scienziati hanno esaminato campioni di sangue di 44.168 individui (età all’inizio dello studio 18-109), di cui 5.512 morti durante il follow-up, biomarcatori che sono indicativi dell’aspettativa di vita di una persona. Dopo un’analisi approfondita, gli scienziati sono arrivati ​​a una serie di 14 biomarcatori che includono, ad esempio, diversi aminoacidi, che sono i componenti di base delle proteine; e livelli di colesterolo buono e cattivo, bilancio degli acidi grassi e infiammazione i cui valori possono rivelare il rischio di morte fino a 10 anni prima.

“ L’età del calendario semplicemente non dice molto sullo stato generale di salute degli anziani: uno su 70 è sano, mentre un altro potrebbe già soffrire di tre malattie. Ora abbiamo una serie di biomarcatori che possono aiutarci fino a 10 anni prima a identificare patologie silenti, che potrebbero essere successivamente trattate ”, afferma la professoressa Eline Slagboom del Medical Center dell’Università di Leiden nei Paesi Bassi.

La ricerca sull’invecchiamento negli organismi presi come modello è in anticipo rispetto a quella umana. Per utilizzare questa conoscenza, abbiamo bisogno di strumenti per confrontare gli studi sull’uomo e sugli animali, e questo potrebbe essere uno di questi. Stiamo attualmente esaminando se le sostanze identificate possono essere trovate nel sangue di organismi modello tipici come i topi e se sono interessate da processi sull’invecchiamento“, spiega Slagboom. I ricercatori stanno ora lavorando per rispondere a queste domande insieme al Cluster di eccellenza per la ricerca sull’invecchiamento presso l’Università di Colonia.

Sebbene la scoperta sia promettente, sono necessarie molte più ricerche prima che uno di questi test possa essere utilizzato nella vita reale per dare conferma che questi esami siano efficaci e sicuri al 100%.

Attualmente solo per l’80% sono identificati attendibili.

Potrebbe anche interessarti: 

– Omocisteina: l’esame che i medici non prescrivono mai ma che può salvare la vita. Indovinate perché?
– 8 test clinici che il tuo medico dovrebbe sempre prescriverti per sapere che sei in salute (e se non lo fa, hai il diritto di richiederli)

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti