lunedì - 3 Ottobre - 2022

8 test clinici che il tuo medico dovrebbe sempre prescriverti per sapere che sei in salute (e se non lo fa, hai il diritto di richiederli)

 

- Advertisement -

Sembra strano ma molti medici sono restii a prescrivere esami che possano essere solo di prevenzione ma preferiscono talvolta, far eseguire delle indagini solo in presenza di sintomi eclatanti. Nessun medico si rende conto che, per un paziente attento e magari un pò ipocondriaco, fare esami di prevenzione significa anche stare più tranquillo, assicurandosi di avere un ottima salute. Quelli che vi proponiamo sono i 9 esami che ogni medico dovrebbe prescrivervi se voi avete intenzione di “darvi una controllata”generale, senza il presupposto o la scusa che si possa rifiutare.

8 test clinici che un medico dovrebbe sempre prescrivere

“La prevenzione delle malattie è nelle tue mani”, afferma David Sandmire, professore di scienze biologiche all’Università del New England a Biddeford, nel Maine, e coautore di test medici che possono salvarti la vita . “Devi essere un partecipante attivo, non passivo, devi agire, non subire”- ha affermato . Esiste una quantità significativa di test medici che i medici non possono prescrivere a meno che non vengano richiesti. Successivamente, ci sono nove test di cui vi parleremo che dovrebbero essere eseguiti di routine per alcuni pazienti. Tutti devono avere come obbiettivo “il salvarsi la vita”, dice Sandmire.

Test di proteine ​​reattive C ad alta sensibilità

Cosa fa: misura i livelli di una proteina nel sangue che è indicativa di infiammazione, che può indicare se a livelli alti, che c’è il rischio di ictus e malattie cardiache.

La procedura: esami del sangue.

Richiedilo se: hai più di 35 anni e hai almeno un alto fattore di rischio per malattie cardiache o ictus, da fumo, ipertensione, colesterolo alto, obesità, diabete o una storia familiare di malattie cardiache o ictus.

Ultrasuoni duplex

Cosa fa: esamina le arterie carotidi (i due principali vasi sanguigni nel cervello) con immagini in modalità B, che creano un’immagine 3D di ciascuna parete arteriosa e una scansione Doppler pulsata, che misura la velocità del flusso sanguigno attraverso arterie

La procedura: un tecnico sposta una sonda ad ultrasuoni portatile sulle arterie carotidi.

Richiedilo se: hai più di 50 anni e hai altri importanti fattori di rischio per malattie cardiache o ictus o hai manifestato i sintomi di un ictus (attacco ischemico transitorio).

Tomografia computerizzata a fascio di elettroni

Cosa fa: valuta la quantità di calcio nelle arterie coronarie, un fattore predittivo di malattie cardiache.

La procedura: una macchina per imaging ad alta tecnologia esegue la scansione del torace e produce immagini dei tuoi organi molto più velocemente rispetto alle tradizionali scansioni TC e alla risonanza magnetica.

Richiedilo se: hai più di 35 anni e hai due o più importanti fattori di rischio per le malattie cardiache.

Test dell’omocisteina

Cosa fa: controlla i livelli ematici di omocisteina, un amminoacido naturale legato ad un aumentato rischio di sviluppare placca nelle arterie.

La procedura: il digiuno per almeno 8 ore prima di un esame del sangue.

Richiedilo se: hai più di 35 anni e hai almeno un importante fattore di rischio per malattie cardiache o ictus.

Test della glicemia a digiuno

Cosa fa : misura il livello di glucosio nel sangue per determinare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

La procedura: digiuno da 8 a 12 ore prima di prelevare il sangue.

Richiedilo se: hai 30 anni o più e hai qualche fattore di rischio, come l’obesità, uno stile di vita sedentario, una famiglia con diabete di tipo 2 o un’etnia afroamericana, nativa americana o ispanica.

Colonscopia

Cosa fa: cerca infiammazione, escrescenze anormali e primi segni di cancro nel colon.

La procedura: un medico passa un colonscopio in tutto il colon. Ti darà un sedativo in modo da sentirti a tuo agio durante l’esame per 15-30 minuti. La parte più difficile è bere un liquido lassativo il giorno prima per pulire l’intestino.

Richiedilo se: Hai 50 anni o più o 40 anni con fattori di rischio come la malattia infiammatoria intestinale, una storia di polipi del colon, fumo, consumo eccessivo di alcol o familiari che hanno avuto il cancro al colon.

Scansione DEXA

Cosa fa: valutare la densità della massa ossea per determinare la forza delle ossa e il rischio di osteoporosi (porosità delle ossa).

La procedura: sdraiati su una piattaforma imbottita per alcuni minuti mentre un dispositivo di imaging passa sul tuo corpo.

Richiedila  se: hai più di 50 anni e hai due o più fattori di rischio per l’osteoporosi, o fumo, alcol o caffeina in eccesso, una dieta povera di calcio e vitamina D e una storia familiare.

Test PSA

Cosa fa: misura una proteina nel sangue che rileva il cancro alla prostata a determinati livelli.

La procedura: considerare un test di velocità PSA, in cui il sangue viene analizzato tre volte in 24 mesi. Un aumento significativo del PSA totale può giustificare un’indagine.

Richiedilo se: hai 50 anni o più. Inizia il test all’età di 45 anni se hai fattori di rischio come fumo, etnia afro-americana, una storia familiare di cancro alla prostata o una dieta ricca di grassi animali.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©