mercoledì - 28 Ottobre - 2020

Omocisteina, l’esame che i medici non prescrivono mai ma che può salvare la vita. Indovinate perché?

Durante gli esami di routine siamo abituati a controllare valori quali: colesterolo, emoglobina, glicemia, ferritina, sideremia, colesterolo, ma perché mai nessun medico prescrive il conteggio dell’omocisteina?

Prescritto solo in gravidanza per valutare la possibilità di danni da spina bifida, dovrebbe essere controllato a tutti, costa solo 12 euro per chi non è esente da ticket eppure nonostante ciò, nessuno ne è a conoscenza di quanto questo esame sia importante. Controllare l’omocisteina significa potersi salvare la vita in tempo, infatti, rappresenta un campanello d’allarme che potrebbe metterci in guardia per tante patologie, aiutando ogni paziente a capire i veri fattori che lo influenzano.

Ma perche i cari medici non lo prescrivono se è un parametro cosi importante ed un vero salvavita? Cosa c’è sotto? Semplice distrazione o forse si coprono sporchi interessi di parte? Forse una prevenzione così facile porterebbe ad un tracollo economico sul campo delle medicine e visite?

Ebbene cari lettori, la risposta è molto semplice: noi poveri pazienti non dovremmo sapere che l’omocisteina è un vero killer per la salute, è un amminoacido che smaschera il business ed è per questo che non è prescritto, per sporchi interessi economici da chi ci guadagna ma che in realtà, allo stesso tempo, ci inganna a fare “falsa”prevenzione facendoci fare dei check-up non propriamente sufficienti.

Cerchiamo di capirne di più: fattori di rischio

L’Omocisteina è un amminoacido presente nelle proteine, presente in latticini e uova e quando è in eccesso causa danni superiori al colesterolo.

Rappresenta un valore ematico fondamentale, indica un fattore di rischio pericolosissimo perché genera trombosi, infarti, embolie, Alzheimer ed è causa di morte improvvisa per circa 400.000 casi solo in Italia.

E’un vero è proprio killer silente!

Alcuni danni causati da un aumento di omocisteina, iperomocisteinemia
  1. cancro
  2. alzheimer
  3. spina bifida
  4. ictus / trombosi
  5. malattie vascolari
  6. malattie cardiache
  7. depressione
Alcune cause che concorrono all’aumento di omocisteina
  1. Sedentarietà e lo stile di vita
  2. Caffeina
  3. Polveri sottili e l’inquinamento 
  4. Farmaci
  5. Carenza vitamine B2, B6, B12 ed acido folico  
  6. Vitamina D
  7. Difetto genetico
  8. Ipotiroidismo
  9. Psoriasi,
  10. Lupus eritematoso sistemico
  11. Artrite reumatoide
  12. Sindrome metabolica
  13. Sclerosi multipla
  14. SLA
  15. Alcolismo
  16. Tabagismo
Cari lettori, uomini e donne avvisati, mezzi salvati!

© Riproduzione riservata

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

La nuotatrice Federica Pellegrini viola la quarantena ed esce con sua madre: ora rischia grosso

Tante le critiche lanciate contro Federica Pellegrini, che questa mattina ha postato su instagram le foto mentre accompagna sua madre a fare il tampone....

Come eliminare umidità e muffa in modo assolutamente naturale

Muffa ed umidità in casa? Che orrore! Certo, ci sono molti prodotti che eliminano la muffa, ma alcuni di essi sono altamente tossici da usare...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

Parla il figlio di Corona: «Papà non ha il Covid, mi picchia e mi dà psicofarmaci»

Una videochiamata alla mamma Nina Moric in cui Carlos Corona, 18enne figlio di Fabrizio Corona, parla del padre, parla in lacrime mettendo in evidenza...

Come rigenerare la cartilagine delle ginocchia per dire addio ai dolori

Quando la cartilagine del ginocchio si consuma, si avvertono dolori molto forti e difficoltà a camminare. Ecco dei semplici rimedi naturali che possono aiutare...

Il cancro al seno può essere causato da un prodotto che si trova in casa e che usiamo tutti i giorni

Notizie inaspettate sono state riportate da specialisti della Loma Linda University of Health negli Stati Uniti. Secondo loro, il consumo di latte è associato...