giovedì - 25 Febbraio - 2021

Salute: Ecco il test da fare a casa per scoprire se sei a rischio infarto

Scoprire se il tuo cuore è in stato di sofferenza oppure no, è semplice. Quando il cuore è a rischio infarto manda dei segnali ben precisi ogni giorno e riconoscerli ci salverà la vita.

Il cuore, insieme alle arterie che si nutrono, è un grande muscolo. Quando inizia a soffrire, i sintomi possono comparire in molte parti del corpo, dice esperto.
Quello che possiamo fare pertanto, è anticipare la mossa. Come? Rivolgendoci ad un medico il prima possibile se notiamo qualcosa che non va.
Molti esperti consigliano di prendere in considerazione un test che permette appunto, di scoprire se siamo a rischio infarto, ovvero, se il cuore è talmente affaticato da non riuscire a superarlo.
Il test a 2 fasi

Fase 1: Da sempre considerate una sorta di ‘prova del 9’, le flessioni sono considerate oggi dalla scienza un vero e proprio indicatore di salute: secondo un nuovo studio dell’università di Harvard (Usa), pubblicato sulla rivista ‘Jama Network Open’, gli uomini di mezza età che non riescono a completare 10 piegamenti sulle braccia consecutivi hanno un rischio significativamente maggiore di infarti o ictus. Mentre essere in grado di farne più di 40 si associa a una riduzione del 97% del rischio di malattie cardiovascolari nei prossimi 10 anni.

Lo studio

Lo studio – riporta l”Independent’ – ha sfruttato i dati dei test di idoneità di oltre 1.000 vigili del fuoco nello Stato americano dell’Indiana, che si sono arruolati tra il 2000 e il 2007, oltre alle loro successive cartelle cliniche. Gli uomini avevano un’età media di 39,6 anni e un indice di massa corporea Bmi di 28,7 (quindi sovrappeso) ma erano tutti fisicamente attivi.

Anche a seconda delle diverse età (dai 21 ai 66 anni) e dei differenti pesi dei partecipanti alla ricerca, il team di scienziati ha rilevato un legame tra il fare più flessioni possibili e un buono stato di salute a lungo termine. In particolare, essere in grado di completarne tra 21 e 30 equivale a una riduzione di circa un quarto del rischio di malattie come la coronaropatia o l’insufficienza cardiaca, rispetto a chi non riusciva a piegarsi sulle braccia nemmeno 10 volte di seguito.

I nostri risultati dimostrano che la capacità di fare flessioni potrebbe essere un metodo semplice e gratuito per aiutare a valutare il rischio di malattie cardiovascolari in quasi tutte le condizioni” dice l’autore dello studio Justin Yang, della Th Chan School of Public Health di Harvard. “Sorprendentemente, la capacità di ‘flettersi’ sulle braccia risulta più fortemente associata al rischio di malattia cardiovascolare rispetto ai risultati dei test ottenuti con un tapis roulant”.

Fase 2: Oltre al test delle flessioni sulle braccia, è necessario verificare altri fattori.

Rispondete a queste domande:

Russi?

Avete gambe e piedi gonfi?

-Avete aritmia notturna?

Avvertite dolore alla spalla?

Se camminate, vi manca il respiro?

-Hai problemi di disfunzione erettile?

Se le tue risposte sono state tutte affermative o almeno 5 affermative e 1 negativa, il rischio di essere soggetti ad infarti o problemi cardiaci è molto alto.

Russare, apnea e altri problemi respiratori durante il sonno. L’apnea durante il sonno fa sì che la respirazione si fermi brevemente e possa causare attacchi cardiaci o cardiovascolari.

Gambe o piedi gonfie o infiammate. Se noti un gonfiore che non riesci nemmeno a infilare i piedi nelle scarpe potresti avere un problema con la ritenzione di liquidi. La ritenzione idrica, chiamata edema, può essere un segno di malattia coronarica, insufficienza cardiaca o qualche altra malattia cardiovascolare associata.

Aritmia. L’aritmia è la principale causa di morte improvvisa

Dolore alla spalla. Angina o dolore al petto è il sintomo più comune della malattia coronarica. Differisce dal dolore acuto che si percepisce prima che un infarto sia un dolore profondo, una contrazione al petto o una sensazione di pesantezza che piuttosto.

Questa oppressione, costrizione o dolore possono manifestarsi nella spalla, nel collo, nella mascella, nel braccio o nella parte superiore della schiena, dove a volte viene confusa con una trazione muscolare.

Mancanza di respiro. Uno dei segni più forti che indicano che qualcosa non va nel tuo cuore è l’agitazione e la mancanza di respiro quando fai esercizi, movimenti o qualche sforzo fisico.

 Disfunzione erettile. La disfunzione erettile è uno dei primi segni di una malattia cardiaca progressiva. I ricercatori della Mayo Clinic hanno condotto test su uomini tra 40 e 49 anni con disfunzione erettile. Hanno scoperto che avevano il doppio delle probabilità di sviluppare malattie cardiache rispetto a quelli che non avevano problemi di salute.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Bavarese al caffè con doppio strato di pan di spagna al cacao

Presentazione La bavarese è sempre il dessert perfetto per la stagione estiva, infatti, è fresca e molto gustosa. La ricetta che proponiamo oggi unisce uno strato...

Molti utilizzano male le mascherine: ecco 5 errori da non commettere mai se non vuoi contagiarti

Quante volte vi è venuto il dubbio che certe mascherine andrebbero buttate dopo l'utilizzo oppure sanificate? Quanto dureranno? Saranno tutte efficaci allo stesso modo?...

Granarolo assume diverse figure per l’azienda a tempo indeterminato: ecco come candidarsi

L'azienda Granarolo, nota per la produzione di latte e prodotti derivati, cerca personale per coprire diversi ruoli aziendali con contratti anche a tempo indeterminato L’azienda...

Crepes alla nutella

  Presentazione Le crepes o crespelle sono delle piccole frittelle fatte di uova, farina, latte o altro liquido, cotte in pentola antiaderente e la cottura consiste...

Vaccino Covid Romania: 4.000 positivi dopo la 1a dose e 446 dopo la 2a

In tutta Europa si è avviata la campagna di vaccinazione ma non tutti hanno riscontrato la totale o quasi copertura di quest'ultimo. In Romania, è...

Chi sono i soggetti che possono ottenere l’assegno di accompagnamento INPS di 938,35 euro mensili nel 2021

L'indennità di accompagnamento è una prestazione economica, erogata a domanda, in favore dei soggetti mutilati o invalidi totali per i quali è stata accertata...