martedì - 29 Novembre - 2022

Ritorno a scuola: aiuto, ricompaiono i pidocchi! Ecco come prevenire

Grandi e piccoli, nessuno può sfuggire a questi insetti che invadono la testa e causano grande disagio. La scuola è uno dei luoghi per eccellenza in cui si propagano “pidocchi” o pediculosi come viene chiamato in gergo accademico. In questo articolo descriviamo in dettaglio come combatterli e prevenirli.  

Quando si pensa al ritorno a scuola, i genitori riacquistano il sorriso: finite le vacanze, si ritorna al solito tram tram giornaliero e tra mille preoccupazioni, ci saranno anche i tanto odiati pidocchi!

- Advertisement -

Questi insetti sono ematofagi (si nutrono di sangue), quindi gli esseri umani sono un ospite abituale.

I bambini sono la loro principale fonte di cibo. L’infestazione prevale, in misura maggiore, nei bambini tra i 3 ei 10 anni, con una leggera predominanza nelle ragazze.

Che cosa fanno i pidocchi?

Il cuoio capelluto è un ambiente caldo e umido, in particolare per l’adattamento del pidocchio, che ha una durata di circa un mese. Ogni femmina è in grado di deporre da 6 a 10 uova al giorno sulla testa, che una settimana dopo diventano adulti.

La trasmissione può essere diretta (testa a testa) e può anche essere diffusa dalla sua presenza in cuscini, cappelli, sciarpe, fasce per la testa e pettini.

Prevenzione

Prima delle lezioni, aumentano le vendite di prodotti per prevenire o sradicare i pidocchi. Il boom del marketing è maggiore in inverno, anche se ci sono già alcuni genitori che non aspettano che i casi aumentino e sono già andati ad acquistare gli articoli necessari anche se mancano poche settimane all’inizio delle lezioni.

Il pidocchio: ecco la sua vita

I pidocchi possono camminare tranquillamente nella testa dei tuoi bambini 365 giorni all’anno. Durante l’anno scolastico vivono e si muovono testa a testa. E le femmine depongono 3-4 uova al giorno, seminando tutte le ciocche vicino al collo e dietro le orecchie, ma quando è il momento dei pidocchi?

E sebbene non possiamo circoscrivere la pediculosi alcuni mesi all’anno, è vero che ci sono momenti in cui i pidocchi sono più attivi. Le femmine depongono più uova; questi si aprono e le ninfe crescono più facilmente. È quella che potremmo chiamare “la stagione dei pidocchi”.

Il momento d’oro per la crescita del Pediculus humanus capitis è durante l’estate. Il caldo di questi mesi ama i pidocchi, le zanzare e molti altri insetti. Ecco perché è importante prendere misure per tenerli a bada.

Secondo la ricerca, il calore facilita l’apertura delle lendini. E anche se i bambini sono già fuori dalla scuola, ci sono altri posti dove possono anche ottenere la pediculosi.

Uno spazio con la sabbia, ad esempio, favorisce il contagio. La sabbia consente alle lendini di continuare la loro incubazione fino a 15 ore dopo aver staccato i capelli.

La piscina o l’acqua di mare non è un problema. I pidocchi non nuotano sebbene possano sopravvivere in acqua clorata per circa 24 ore. Il pidocchio nell’acqua rimane immobile (aggrappato ai capelli) perché non sa nuotare. Ed è improbabile che si stacchi a meno che non muoia. Le sei zampe del Pediculus humanus capitis sono corte ma con una struttura e giunti che le fanno funzionare come ganci di fissaggio perfetti.


Luoghi in cui i bambini possono essere contagiati

Il pidocchio non salta e non vola perché non ha ali. Pertanto, il contagio si verifica attraverso il contatto diretto di una persona infestata con un altro. Ciò rende i seguenti siti adatti alla propagazione:

Classi: dove giocano tutti insieme e senza restrizioni con eccessiva vicinanza tra le loro teste.

Campi: anche per i giochi e l’uso in comune di letti, vestiti, cappelli, pettini e spazzole che potrebbero trasportare l’insetto parassitario.

Le spiagge: per la sabbia ma principalmente per l’uso condiviso degli asciugamani per asciugare corpo e capelli.

Le piscine: più per indumenti condivisi che per acqua clorata.

Attività di gruppo con altri bambini.

La scuola, il parco.

Rimedi

Esistono tre tipi di prodotti che possono essere acquistati. La lozione, che di solito viene utilizzata con un pettine di metallo sottile. Prima di usare la lozione, i medici suggeriscono di leggere il foglio.

I prodotti preventivi sono anche venduti in contenitori spray, che vengono applicati dietro le orecchie. Ci sono anche shampoo e balsami che aiutano nella prevenzione.

Possono essere utilizzate maschere protettive: funzionano come complemento dello shampoo. Nutrono i capelli. Lo rendono più setoso e allo stesso tempo evitano la pediculosi.

Oli repellenti per pidocchi: di solito contengono olio dell’albero del tè o eucalipto. Sono sostanze di origine naturale che tengono lontani i pidocchi.

Schiume repellenti spray e pidocchi: sono prodotti senza risciacquo. Contengono dimeticone, oli naturali repellenti e altri ingredienti attivi.

Cere per la pettinatura: includono le stesse sostanze attive degli spray e sono ideali per modellare i capelli secchi e ribelli.

Almeno una o due volte al mese, per verificare che tutto vada bene, è consigliabile utilizzare il pettine fine, progettato per trascinare le lendini attaccate ai capelli. Il suo utilizzo è fondamentale se vogliamo uccidere i pidocchi o escludere un’infestazione.

Le misure di prevenzione funzionano anche per tutti gli adulti in casa.

I pidocchi preferiscono i capelli puliti. In questo modo, trovano più facile andare sul cuoio capelluto e nutrirsi quattro e cinque volte al giorno. Pensa che se tutto è pulito, se non ci sono forfora o grasso e sporco attaccati alla pelle, si nutrirà meglio.


Tema: la scuola, luogo a rischio

Nella scuola ci sono pidocchi tutto l’anno e in molte istituzioni informano con una nota se questi intrusi erano presenti in classe.

In alcune scuole raccomandano che lo studente interessato rimanga a casa, il che provoca un grande disturbo ai genitori, che molte volte devono perdere ore di lavoro, se entrambi lavorano, per stare con il bambino e fare il trattamento appropriato.

Altri genitori portano i loro figli a scuola sapendo di essere infestati e involontariamente fanno sì che i loro figli fungano da vettori per i pidocchi e quindi causino la diffusione di altri bambini. Le infestazioni per questo motivo sono spesso frequenti.  La pediculosi è dopo l’influenza e il raffreddore, il problema di salute più comune nei bambini. E sebbene non causi infezioni o problemi di salute rilevanti, richiede un trattamento adeguato.

Quando la scuola avverte di questa situazione, la prima cosa da fare è controllare la testa di tuo figlio o tua figlia. È molto probabile, anche se non ci credi, che tuo figlio sia il portatore di pidocchi.  In ogni caso, quando controlli il tuo bambino fallo a fondo, guardando in particolare dietro la nuca e ai lati della testa.

Guarda da vicino il cuoio capelluto e soprattutto nei primi 5 mm., dei capelli, che è dove i pidocchi di solito depositano le lendini. Se dopo una recensione tuo figlio non ha i pidocchi, puoi rilassarti, ma non abbassare la guardia, perché i pidocchi sono sempre in cerca di preda. Se hai la sfortuna di avere il bambino infetto, non disperare. Segui la nostra piccola guida per la rimozione di pidocchi e lendini e sii paziente.  Come dovresti agire se nella recensione osservi …

Trattamento

Effettua un trattamento usando il pettine fine, almeno due volte a settimana fino a quando non rimangono più le lendini e non vi è alcuna possibilità che una ninfa abbia lasciato un uovo eventualmente rimasto. Puoi anche andare in un centro specializzato, dove personale specializzato rimuoverà le lendini usando potenti lenti di ingrandimento e lendini di alta qualità.

Prurito ma non si osservano lendini o pidocchi. Non è necessario alcun trattamento, ma si consiglia di consultare il medico per una possibile dermatite, forfora o infezione fungina. In ogni caso, continua a guardare se ti sono sfuggiti. Il prurito è un sintomo di qualcosa.

Altri modi per prevenire i pidocchi:

– Non condividere oggetti come asciugamani, fasce per capelli e spazzole

– Evita il contatto testa a testa mentre i pidocchi saltano da una testa all’altra con grande facilità.

– Non condividere abiti come cappelli, sciarpe e pigiami.

– Non sdraiarsi nel letto o sul divano con persone che hanno i pidocchi.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©