giovedì - 26 Novembre - 2020

Occhio all’inganno: ci sono alimenti che non scadono mai! Ecco quali…

A volte ci liberiamo di alcuni cibi che sono stati a lungo in dispensa senza sapere che probabilmente si tratta di prodotti che non scadono mai. In caso di dubbio, tuttavia, è meglio “rispettare sempre la data di scadenza riportata sull’etichetta per non correre alcun rischio “. Questi sono alcuni degli alimenti che possiamo conservare a lungo, purché adeguatamente conservati, senza paura che si deteriorino.

Se le ditte produttrici mettono la data di scadenza, lo fanno semplicemente per ingannarvi:

Sale

La logica ci dice che se nella dispensa c’è un prodotto che possiamo comprare all’ingrosso senza timore che possa andare a male, è soprattutto il sale. “È il conservante naturale per eccellenza, quello che è stato utilizzato tutta la nostra vita prima dei metodi di conservazione che abbiamo ora, nelle salamoie o nel pesce sotto sale.

Puro cioccolato fondente

Finché viene conservato in un luogo fresco, asciutto e non soggetto a sbalzi termici che potrebbero danneggiarne la composizione, il cioccolato fondente non scadrà.

Zucchero

Se viene tenuto lontano dall’umidità , lo zucchero non scade, anche se l’esperto insiste sul fatto che il suo consumo è sconsigliato e sollecita “ad abituare gradualmente il palato al gusto del cibo non zuccherato“. Per fare questo consiglia anche di evitare i prodotti zuccherati e di ridurre progressivamente la quantità di zucchero che aggiungiamo a determinati alimenti (yogurt, caffè, infusi…) fino a quando il palato si abitua al suo sapore originale.

Spezia

Sebbene non siano molto deperibili, purché adeguatamente conservate in barattoli di vetro ermeticamente chiusi, non è consigliabile conservare le spezie per troppo tempo poiché “quello che succede è che perdono il loro aroma e sapore”.

Caffè

“Se il caffè appena macinato arriva in sacchetti totalmente opachi, ci sarà un motivo”, spiega Pérez, che consiglia di conservarlo sempr , macinato o in grani, al riparo dalla luce e dall’umidità. Il nutrizionista ricorda che il caffè non va mai conservato in frigorifero, poiché perde il suo aroma.

Aceto

Come il sale, l’ aceto è un conservante naturale che possiamo conservare a lungo senza timore che si rovini. Nel caso in cui avessimo qualche dubbio, possiamo sempre scartare il suo uso culinario e usarlo per pulire, in quanto è un potente disinfettante . Un altro prodotto con caratteristiche simili all’aceto, che pur scadendo ha una vita molto lunga, è la salsa di soia , le cui date di scadenza sono normalmente intorno ai tre anni purché adeguatamente conservata.

Legumi

Anche se è vero che non vanno a male, i legumi possono finire per indurirsi nel tempo, il che ci costringerebbe a cuocerli più a lungo, quindi Pérez sconsiglia di riporli in dispensa. “La cosa migliore che possiamo fare se ci piace consumare spesso i legumi è cucinarne una buona quantità , scolarli opportunamente e congelarli per incorporarli gradualmente nei diversi stufati”.

I legumi, infatti, sono tanto versatili quanto consigliati, poiché non funzionano solo nelle insalate o negli stufati al cucchiaio, ma anche nei paté o nell’hummus . León, da parte sua, consiglia di abbinarli il più possibile a cibi che contengono vitamina C, “poiché questa vitamina favorisce l’assorbimento del ferro presente nei legumi”.

Riso e pasta

Finché vengono conservati in barattoli di vetro ben chiusi, il riso e la pasta non scadono. È importante conservarli in un luogo fresco e asciutto, al riparo dall’umidità e senza sbalzi di temperatura sostanziali.

Olio d’oliva

Possiamo conservarlo fino a due o tre anni , anche se è importante tenere presente che “probabilmente perderà aroma e densità, anche se mai nutrienti“, spiega Pérez. Così, sebbene le sue proprietà nutritive rimangano intatte, le proprietà organolettiche, come nel caso delle spezie, si deteriorano con il passare del tempo, quindi non va conservato per molto tempo in dispensa, anche se è fresco e lontano dall’umidità.

Miele

Il suo alto contenuto di zucchero significa che microbi e batteri non proliferano , e Pérez raccomanda il suo uso occasionale come dolcificante in sostituzione di “qualsiasi dolcificante che non sia pura stevia e, naturalmente, sia zucchero raffinato che zucchero di canna”. Se si opta per un miele di qualità, spiega Pérez, “che non contenga acqua e zuccheri come accade in molti prodotti industrialmente”, il miele può essere consumato in quantità molto moderate , anche se il nutrizionista insiste, come nel caso dello zucchero , in cui “l’ideale è cercare di abituarsi progressivamente al sapore naturale del cibo”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Lasagne vegane con broccoli e spinaci

Presentazione Le lasagne con broccoli e spinaci sono un’alternativa vegetariana eccezionale della classica lasagna bolognose. Con l’arrivo dell’estate anche i nostri primi piatti si colorano di...

Bonus 500 euro Vodafone: come attivare l’offerta per avere internet, pc o tablet gratuiti

Vodafone offre un bonus da 500 euro per linea internet, per acquisto di tablet e pc. Scopriamo come attivarla. Vodafone, azienda leader nel campo della...

Bollo auto 2020: sconto del 15%. Scopriamo chi può richiederlo

  Da Gennaio 2020, tutti coloro che pagheranno il bollo tramite conto corrente, potranno beneficiare di uno sconto del 15%.  Per i cittadini che vogliono risparmiare...

Macchie scure della pelle: ecco il modo per eliminarle in modo naturale e a costo zero ma i dermatologi non lo dicono

Non solo le creme costose e miracolose possono eliminare le macchie sulla pelle ma anche rimedi naturali che risultano allo stesso modo efficaci. Dermatologi...

L’inaspettato effetto collaterale degli avocado che non conoscevi

E' possibile che un frutto come questo, apparentemente così sano, sia in grado di alterare la nostra routine del sonno e altri aspetti della...

Se non mangi frutta disidratata, fai un grosso errore: scopri perchè

Ci sono molti alimenti che supportano una dieta sana; tra questi alimenti ci sono i frutti disidratati. Quando si parla dei vari tipi di frutta, si...