domenica - 2 Ottobre - 2022

Noduli al seno: tutto quello che non sai sui loro tipi e diagnosi

Avere noduli al seno in alcuni casi è correlato al cancro al seno e, quindi, è conveniente avere le informazioni pertinenti.

- Advertisement -

È normale essere preoccupati quando a una donna sono stati diagnosticati noduli al seno . Ma prima devi prendere in considerazione tutto ciò che riguarda i loro tipi e la loro diagnosi, poiché è qualcosa di abbastanza frequente e non tutti sono cancerosi.

Ciò significa che i noduli potrebbero essere considerati benigni, soprattutto quando si tratta di donne più giovani. Tuttavia, è di grande importanza che uno specialista esegua una valutazione, per evitare problemi futuri.

Come vengono classificati i noduli al seno?

FIBROADENOMI

È un tipo di noduli mammari di forma ovale o tonda, solitamente non provocano dolore e la loro consistenza, oltre ad essere elastica, è soda; facendoli muovere un po ‘quando vengono premuti leggermente. Compaiono più frequentemente nelle donne sotto i 40 anni, la loro scomparsa potrebbe avvenire spontaneamente. Ci sono casi in cui le donne possono provare dolore o diventare troppo grandi, per cui devono essere rimossi chirurgicamente.

Quando i fibroadenomi non producono sintomi, di solito non si ricorre all’intervento chirurgico. La misura più comunemente utilizzata è quella di eseguire un ago puntura, al fine di stabilire una diagnosi migliore.

ASCESSI E MASTITI

Le infezioni sono le principali cause della comparsa dei noduli considerati mastiti e si verificano più frequentemente nelle donne in fase di allattamento. Di solito è dovuto all’accumulo di germi o batteri, che potrebbero entrare nel tessuto mammario. Ciò accade molto facilmente a causa delle crepe nei capezzoli, che possono causare ostruzioni nei condotti attraverso i quali deve passare il latte materno.

Il pus può accumularsi e possono formarsi ascessi. Sia questi che le infezioni potrebbero comparire anche nelle donne che non allattano. Queste infezioni in alcuni casi causano dolore e infiammazione nell’area interessata. Oltre ad arrossare la pelle, provoca mal di testa o addirittura sintomi molto simili a quelli dell’influenza. Per alleviare sintomi come questi, di solito vengono prescritti antidolorifici o vengono applicati impacchi di calore secco.

Nel caso in cui i sintomi che sono stati dettagliati non siano scomparsi in pochi giorni con il trattamento, sarà meglio che uno specialista valuti il caso.

CISTI

Si tratta di noduli al seno che contengono liquidi e colpiscono le donne di tutte le età, sebbene sia molto più comune nelle donne in fase di menopausa. Sono spesso noduli di forma rotonda o ovale, sodi e allo stesso tempo lisci. Si muovono leggermente quando viene applicata una certa pressione. Possono causare dolore se vengono palpati o si trovano in una parte del seno che entra in contatto con il reggiseno.

Compaiono molto spesso un paio di settimane prima dell’inizio delle mestruazioni e poi scompaiono. Per questi tipi di casi, il medico richiede solitamente che il paziente torni una volta terminate le mestruazioni, per confermare che i noduli sono scomparsi o meno.

Se i noduli che sono stati trovati sono palpabili e si avverte dolore, devono essere drenati. Un intervento come questo deve essere eseguito da un medico specialista e poi deve essere eseguita un’ecografia. Alcune misure, come indossare il reggiseno appropriato, somministrare calore secco o usare antidolorifici, migliorano i sintomi.

NODULI AL SENO CON NECROSI ADIPOSA

Chiamate anche cisti grasse, sono noduli causati dalla presenza di una ferita che ha colpito il tessuto adiposo del seno.  Di solito sono noduli che scompaiono spontaneamente ed è improbabile che debbano essere rimossi. Causano dolore, ma la cosa normale è che non lo producono. Tutta la pelle che ricopre i noduli tende ad apparire più spessa, ad avere infiammazioni o anche arrossamenti.

PAPILLOMI INTRADUTTALI

Sono tumori verrucosi benigni, che normalmente compaiono nei dotti attraverso i quali passa il latte. A seconda dei casi, sono abbastanza vicini al capezzolo o lontani. Quando questi tumori si sviluppano molto vicino al capezzolo, molto probabilmente espelleranno un fluido di colore chiaro o sanguinante. Qualcosa che macchia i vestiti, ma è molto comune in questa classe di tumori benigni.

In ogni caso, sono necessari studi medici attraverso biopsie, al fine di confermare la diagnosi. Il suo trattamento richiede la rimozione del tumore.

TUMORE MAMMARIO PHYLLODES

All’interno della classificazione dei noduli mammari ci sono i tumori dei fillodi, sebbene la loro presenza non sia molto comune, sono generalmente benigni. Tuttavia, se esiste la possibilità che in uno qualsiasi dei casi questi tumori siano maligni. La crescita di tumori come questi potrebbe essere molto rapida, causando dolore e quando si sentono, la loro dimensione è chiaramente determinata.

Come per il punto precedente, è necessario uno specialista per monitorare tramite biopsie e i tumori vengono rimossi.

ADENOSI AL SENO

Quei noduli noti come adenosi nel seno sono causati da un aumento significativo delle ghiandole che producono il latte materno. Di solito non hanno bisogno di cure.

LIPOMI

Si tratta di noduli mammari benigni, dovuti alla formazione di grasso, abbastanza simili a quelli che di solito compaiono in qualsiasi altra parte del corpo. La sua diagnosi è abbastanza semplice grazie alle ecografie e alle mammografie. Inoltre, non richiedono cure, a meno che non siano noduli eccessivamente grandi e causino disagio.

ECTASIA DUTTALE

Appaiono più che altro nelle donne che hanno più di 50 anni e sono noduli causati da un aumento dello spessore delle pareti che ricoprono i dotti mammari. Sebbene nella maggior parte dei casi non ci siano sintomi, in alcuni casi c’è suppurazione di liquidi. Che può essere nero o verde. Se c’è la presenza di infiammazione, l’area interessata diventa dolorosa e arrossata.

Raramente le ectasie duttali si sviluppano in noduli duri. Per questi casi, dovrebbe essere eseguita una biopsia, al fine di escludere possibili segni di cancro .

ALTRE CLASSIFICAZIONI DEI NODULI AL SENO

Esistono altri tipi di noduli al seno o noduli, ma questi sono casi rari.

Neurofibroma: sono tumori benigni causati da una crescita eccessiva delle cellule nervose che si trovano all’interno del seno.

Amartoma: noduli che si formano all’interno del tessuto mammario, spesso lisci e indolori.

Ematoma: si tratta di noduli che compaiono a causa di un accumulo di sangue, a causa di un forte trauma, che richiedono biopsie e molte volte un intervento chirurgico.

Emangioma: noduli o tumori benigni e rari, formati dai vasi sanguigni.

COME VENGONO DIAGNOSTICATI I NODULI AL SENO?

Una volta che il medico avrà analizzato i sintomi che la paziente sta vivendo, oltre all’anamnesi, effettuerà alcuni esami del seno. Verrà richiesta una mammografia, per aiutare nella diagnosi o anche un’ecografia della mammella colpita. Tenendo conto dei risultati che sono stati ottenuti dagli esami del seno, così come dagli altri test, verrà eseguita una biopsia.

QUALE PROCEDURA VIENE UTILIZZATA PER LA VALUTAZIONE DEI NODULI AL SENO?

Per una valutazione approfondita dei noduli al seno, il medico consiglia una serie di procedure, che sono state menzionate ma sono dettagliate di seguito:

Mammografie: sono radiografie specializzate del seno, che aiutano il medico a determinare la presenza di cambiamenti molto sospetti all’interno del seno. Queste radiografie sono prese da diverse angolazioni, in modo da avere una migliore visibilità dei noduli al seno .

Ultrasuoni del seno: le onde sonore sono responsabili della creazione di immagini che dettagliano l’interno del seno e vengono visualizzate su un monitor. Queste immagini sono ottenute tramite ultrasuoni, e sono molto utili per sapere se ci sono noduli solidi o se contengono liquido.

Risonanza magnetica per immagini del seno: questa è una macchina che utilizza un magnete, oltre alle onde radio, per ottenere immagini dell’interno del seno. Oltre a queste risonanze magnetiche, è molto probabile che procederai con l’iniezione di un colorante. Che servirà per avere un’immagine più dettagliata dei vasi sanguigni o dei tessuti.

BIOPSIE AL SENO

Per ottenere una migliore diagnosi dei noduli al seno , si consiglia sempre di eseguire una biopsia al seno. L’obiettivo di questo studio è rimuovere un minuscolo campione di tessuto, che verrà esaminato al microscopio. Sia le mammografie che gli ultrasuoni serviranno come guide per l’ago e anche per posizionare l’anestesia locale. Tra le opzioni più comuni per le biopsie mammarie ci sono:

Biopsia chirurgica: verrà praticata un’incisione abbastanza piccola sia nella cute che nel tessuto mammario, che servirà per asportare l’intero nodulo o solo una piccola parte.

Biopsia per aspirazione con ago sottile: utilizzando un ago abbastanza sottile che andrà collegato ad una siringa, si estrae un piccolo campione del nodulo da indagare a fondo.

Biopsia stereotassica: una mammografia mostra immagini dell’area interessata da diverse angolazioni, note anche come immagini stereo. Quindi lo specialista procederà all’estrazione del campione dai noduli utilizzando un ago.

Biopsia con ago spesso: in questo caso verrà utilizzato un ago leggermente più grande, dotato di una punta appositamente studiata per l’estrazione del tessuto mammario.

Biopsia assistita dal vuoto: una sonda sarà collegata ad un dispositivo che funziona sotto vuoto, utilizzato per l’estrazione del campione.

Quando è già stata eseguita la biopsia più appropriata, a seconda del caso di noduli mammari, il campione estratto verrà inviato a un laboratorio. Sarà il medico a indicare quanto tempo ci vorrà per ottenere i risultati e ne discuterà con il paziente, per dare una diagnosi più precisa e specifica.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©