Mamma versa acqua bollente sul figlio di 3 anni: aveva fatto la pipì sul tappeto


 

E’accaduto purtroppo anche se è difficile da credere: una donna di 29 anni ha versato sul suo bambino di 3 un secchio di acqua bollente per punirlo di aver fatto la pipì sul tappeto

Una madre di quattro figli ha ammesso di aver bruciato il suo bambino di solo tre anni versandogli addosso acqua bollente nella loro casa del New Jersey, chiamata “casa degli orrori” dai pubblici ministeri. Patricia Buchan, 29 anni, ha ammesso venerdì di aver ordinato al bambino di spogliarsi, gli ha ordinato di andare in bagno e ha versato sul suo corpicino nudo una pentola di acqua bollente su tutto il corpo.

Il motivo? da quello che racconta la madre, è una “punizione” per aver urinato sul pavimento della camera da letto dove il bimbo dormiva.

Questo bambino ha vissuto i suoi primi tre anni di vita in una casa di orrori“, ha dichiarato in una nota il procuratore aggiunto della contea dell’Essex Michael Morris.

Il motivo di oggi risolve il caso senza che possa continuare il calvario dei bambini

Buchan viveva con altri cinque adulti, tra cui sua madre Mary, 55 anni, e la sorella Bridget, 23 anni, in una proprietà in Clinton Place dove hanno iniziato sistematicamente a maltrattare del bambino da luglio 2018.




I pubblici ministeri hanno affermato che il maltrattamento includeva un “pestaggio sistematico e coordinato” ovvero il bambino veniva spesso punito con frustrate, pugni e acqua bollente.

l bambino di tre anni è stato curato per le sue numerose ferite prima di essere preso in custodia protettiva.

La polizia ha detto che l’infermiera della sua scuola materna ha scoperto ustioni e vesciche sulle gambe del bambino, e aveva da tempo avvisato la scuola, secondo quanto riferito dalla NBC New York .

Il bambino riportava anche lividi allo stomaco, alla schiena e al viso.

Altri cinque bambini vivevano nello stesso appartamento, tutti ora anche in custodia dei servizi di protezione dei minori. Non è chiaro chi siano i genitori di questi bambini.

Tutti gli altri bambini che vivevano nella loro casa vivevano ugualmente in condizioni disumane.

Searcy, che non è il padre del bambino, era già stato arrestato per abusi sullo stesso bambino.