martedì - 2 Marzo - 2021

Conte e il nuovo Decreto Ristori: Nuovo Reddito d’emergenza e nuovi bonus per i lavoratori. Ecco chi può richiederli e data in cui arriveranno

Come pre-annunciato durante la Conferenza Stampa, In questo periodo di chiusura di attività, Conte e il Governo, si impegnano a sostenere economicamente le fami glie e i lavoratori in difficoltà.

Approvato ieri sera il decreto Ristori, per dare un aiuto immediato alle categorie colpite dall’ultimo dpcm, come ristoranti e teatri e a tutti coloro che vivono il disagio economico da pandemia. Sarà l’Agenzia delle entrate a erogare le somme dovute direttamente sul conto corrente bancario o postale: entro il 15 novembre riceveranno il contributo le aziende che lo hanno già avuto in passato, le altre lo riceveranno entro la fine del 2020.
Per alcune categorie di lavoratori più in difficoltà a seguito del mini lockdown è  previsto il Bonus 1000 euro.

Si tratta di un decreto che mobilita una massa consistente di risorse, si tratta per la precisione 5,4 miliardi di indebitamento netto, 6,2 miliardi in termini di saldo netto da finanziare”, ha spiegato il titolare del Mef Gualtieri.

Si va dal fondo da 30 milioni per permettere a medici di base e pediatri di effettuare i tamponi antigenici rapidi, alle misure per la didattica a distanza, dai rimborsi per gli spettacoli dal vivo ai fondi per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche. Previste inoltre altre 6 settimane di Cig Covid-19 e il blocco licenziamenti fino al 31 gennaio.

I ristori a fondo perduto, misura che da sola vale 2,4 miliardi, “arriveranno sul conto con bonifico dell’Agenzia delle Entrate”, ha spiegato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa. “È il modo più efficace, confidiamo che a metà novembre chi ha aderito alla prima edizione potrà riceverlo, subito dopo anche gli altri“, ha aggiunto.

Chi può accedere ai ristori a fondo perduto

I ristori a fondo perduto sono destinati ai soggetti titolari di partita Iva che svolgono attività sospese o parzialmente interessate da nuovo decreto. L’ammontare del contributo non può superare 150.000 mila euro. La norma stabilisce che la somma venga accreditata direttamente sul conto corrente bancario o postale dei soggetti che hanno già ricevuto il contributo a fondo perduto previsto dal decreto legge Rilancio di maggio. Questa volta però il contributo economico andrà anche alle imprese con fatturato superiore ai 5 milioni di euro. Esclusi dal ristoro i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 25 ottobre o quelli che hanno già cessato l’attività prima di questa data. Scrive il ‘Corriere della Sera’:

Riceveranno “il 100% di quanto preso col dl Rilancio, cioè lo stesso importo, tassisti e noleggiatori. Il 150%, ovvero una volta e mezzo rispetto all’altra volta, bar, gelaterie, pasticcerie, alberghi e case vacanze. Per esempio, un piccolo bar che aveva ricevuto 2mila euro ora ne prenderà 3mila. Un hotel con ricavi fino a 400mila euro riceverà in media 4.153 euro. Il 200% di quanto già ricevuto andrà invece a ristoranti, cinema, teatri, palestre, piscine e altri impianti sportivi, sale da gioco, centri benessere e termali. Un grande ristorante, che col dl Rilancio aveva avuto 13mila euro, ora ne prenderà 26 mila. Il 400% è infine previsto per discoteche e sale da ballo, per via della chiusura prolungata”.

Aiuti ai ristoranti

L’importo medio che arriverà ristoranti fino a 400 mila euro di fatturato è di 5,172 euro, quello per ristoranti di fascia maggiore, fino a un milione di fatturato, sarà di 13.390 euro e quello per ristoranti fino a 5 milioni di fatturato sarà di 25 mila euro.

Aiuti ai teatri

Per quanto riguarda le sale da concerto e teatri, l’importo del contributo per la fascia più bassa sarà di 5mila euro, per la fascia media di 13,900 euro, per quelli di fascia più alta di 30 mila euro. Il ristoro sarà immediato per i teatri e i cinema chiusi dal dpcm, 1.000 euro per tutti i lavoratori autonomi e intermittenti dello spettacolo, proroga della cassa integrazione e indennità speciali per i settori del turismo.

Aiuti ai taxi

Riceveranno un  i tassisti e i titolari di noleggio con conducente. Queste due categorie potranno usufruire di un indennizzo pari al 100% di quanto hanno ottenuto con il dl Rilancio.

Decreto Conte, in arrivo nuove mensilità del Reddito di Emergenza

Il Decreto Ristori approvato dal CdM prevede l’erogazione di 2 mensilità del Reddito di Emergenza, una misura di sostegno economico istituita con l’articolo 82 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio).

L’importo totale del Reddito di emergenza verrà calcolato in base al numero dei componenti del nucleo richiedente e varia dagli 800 ai 1.600 euro.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Come rigenerare la cartilagine delle ginocchia per dire addio ai dolori

Quando la cartilagine del ginocchio si consuma, si avvertono dolori molto forti e difficoltà a camminare. Ecco dei semplici rimedi naturali che possono aiutare...

Bimba di 8 anni muore di tumore: per i medici erano solo dolori di crescita

Morire a soli 8 anni per un tumore alle ossa: la piccola Darcy, deceduta domenica scorsa, era affetta da un tumore molto aggressivo alle...

Un nuovo esame del sangue può prevedere il rischio di morte fino a 10 anni prima con una precisione dell’80%

Gli scienziati hanno stilato un indice di 14 biomarcatori che includono diversi aminoacidi, livelli di colesterolo buono e cattivo, bilancio degli acidi grassi e...

Coronavirus, se ricevi su whatsApp questo messaggio vocale, non condividerlo

  Nonostante l'infezione da Coronavirus stia diventando un'emergenza nazionale ed internazionale, sono troppe le bufale che circolano in rete e che arrivano anche su whatsApp,...

“Papà, sto morendo”: le ultime parole di una bambina di 9 anni pubblicate su TikTok prima di essere uccisa dal vicino

A Čita, una città russa, una bambina di 9 anni è stata uccisa subito dopo aver girato un video su Tik Tok in cui...

Truffa WhatsApp molto pericolosa: ecco il messaggio a cui non rispondere

Occhio alla truffa WhatsApp che potrebbe essere molto pericolosa e a cui non dovete mai rispondere. “Ciao, ti ho inviato un codice per sbaglio, potresti...