martedì - 27 Ottobre - 2020

Bando per borse di studio Inps: domande entro il 25 ottobre

Buone notizie per chi avrà la possibilità di ricevere la borsa di studio nell’anno 2019. L’INPS ha dato il via al bando e le domande saranno accolte entro il 25 Ottobre

Si avvia il progetto denominato Supermedia, che ha la finalità di assegnare borse di studio a giovani studenti residenti in Italia.

Le borse di studio sono rivolte ai figli (e orfani o loro equiparati) di:

  • iscritti (dipendenti o pensionati) alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici.

Le borse di studio per la scuola di primo e secondo grado e l’università sono rivolte anche a figli (e orfani o equiparati) di:

  • iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale;
  • dipendenti del Gruppo Poste Italiane SpA, dipendenti ex IPOST (sottoposti alla trattenuta mensile dello 0,40% di cui alla legge 27 marzo 1952, n. 208), pensionati già dipendenti del Gruppo Poste Italiane SpA e già dipendenti ex IPOST.

Ricordiamo che il valore della borsa di studio stanziata dall’ente INPS  va da un valore di 750 euro ai 1300.

Requisiti di partecipazione

L’Istituto assegna le borse di studio attraverso bandi di concorso separati: uno per le scuole secondarie di primo e secondo grado, uno per la formazione di livello post-secondario, universitario, post-universitario e professionale e uno per la frequenza di studenti fuori sede di Istituti Tecnici Superiori (ITS). Sono considerati fuori sede gli studenti che frequentano una sede scolastica situata in un comune che disti almeno 100 chilometri e in provincia diversa da quella di residenza, calcolata in riferimento alla tratta più breve tra quelle possibili, compresi i mezzi pubblici.

I bandi vengono pubblicati generalmente tra il penultimo trimestre dell’anno e il primo trimestre dell’anno successivo e sono consultabili nella sezione Borse di studio.

Ma come concorrere per l’attribuzione della borsa di studio Inps?

Gli studenti di scuola secondaria di primo grado dovranno avere i seguenti requisiti:

  • aver conseguito per l’anno in questione una votazione pari o superiore a 8/10; in caso di soggetto portatore di handicap o invalido al cento per cento, la media è ridotta a 6/10;
  • non essere indietro nella carriera scolastica da più di un anno;
  • non aver beneficiato di iniziative analoghe proposte dall’Inps.

Invece, per concorrere all’assegnazione di un contributo economico per il conseguimento della promozione alle classi successive nella scuola secondaria di secondo grado è necessario che lo studente:

  • abbia conseguito la promozione con una media pari o superiore a 8/10;
  • non essere in ritardo sulla carriera scolastica di oltre un anno;
  • non aver usufruito di benefici analoghi.

In ultimo, per partecipare all’assegnazione di una borsa di studio per il conseguimento del titolo di studio relativo al ciclo scolastico della scuola secondaria di secondo grado, il soggetto interessato:

  • deve aver completato il proprio corso di studi con una votazione finale di almeno 80 su 100:
  • non essere in ritardo sulla carriera scolastica da più di un anno;
  • non aver usufruito di prestazioni economiche analoghe.

È utile sapere che:

  • la scelta dei vincitori si basa sulle valutazioni scolastiche dei concorrenti e sul valore dell’indicatore: quanto migliore è stato il rendimento scolastico e minore il reddito, tanto più alto è il posto occupato in graduatoria;
  • nella redazione delle graduatorie nazionali è prevista riserva assoluta per le categorie particolari indicate nel bando (orfani, equiparati orfani, disabili ecc.).

Sono esclusi i concorrenti che già ricevono o hanno ricevuto per l’anno scolastico o accademico in concorso un altro beneficio dall’INPS, dallo Stato o da altre istituzioni, di valore superiore alla metà dell’ammontare della borsa di studio.

Come partecipare

Partecipare è molto semplice: sarà sufficiente essere iscritti nella banca dati dell’Inps e nel caso in cui non si è già iscritti, bisognerà compilare un modulo di accesso e vi verrà assegnato un pin: il modulo per fare tale richiesta è reperibile sul sito web dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Le domande devono essere trasmesse online all’INPS, attraverso il servizio dedicato, dal:

  • genitore iscritto in servizio o in pensione (in qualità di titolare/richiedente);
  • genitore superstite o dal tutore (in qualità di richiedenti);
  • studente se maggiorenne (in qualità di richiedente/beneficiario).

Potrete consultare direttamente il sito INPS per maggiori informazioni accedendo all’area BANDI ATTIVI presso il seguente indirizzo: inps bandi

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Ti trema l’occhio? Scopri i suoi significati spirituali nascosti di buoni e cattivi presagi

Mentre ci sono problemi di salute che giustificano contrazioni involontarie delle palpebre, ci sono anche spiegazioni spirituali che vengono discusse raramente, legate a questo...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

A te che ti senti abbandonato e disperato, leggi, Dio non ti abbandona mai

Anche le giornate migliori hanno momenti di malinconia: c'è chi ricorda una persona che non c'è più, c'è chi affronta i problemi economici legati...

Pensione in anticipo per le mamme che hanno iniziato a lavorare dopo il ’96. Ecco le novità

Sei una donna che ha iniziato a lavorare dopo il 1996 e sei madre? Se si, c'è una grossa novità che potrebbe interessarti. Le donne...

Il Coronavirus si può curare, il tasso di guarigione in Cina ha superato il 10%

  Dal nuovo Coronavirus, ribattezzato COVID-19 dall’organizzazione mondiale della sanità, si può essere infettati ma si può anche guarire. A ribadirlo sono le autorità sanitarie...

Bollo auto 2020: sconto del 15%. Scopriamo chi può richiederlo

  Da Gennaio 2020, tutti coloro che pagheranno il bollo tramite conto corrente, potranno beneficiare di uno sconto del 15%.  Per i cittadini che vogliono risparmiare...