venerdì - 30 Ottobre - 2020

INPS, premi ai medici che negano la malattia e l’invalidità ai pazienti

L’INPS promette premi ai medici che negano la malattia o l’invalidità ai pazienti che, affetti da diverse patologie, ne fanno richiesta. A rispondere con un durissimo attacco vi è il presidente dei medici, Filippo Anelli, che definisce tutto ciò come una vera aberrazione per chi indossa il camice bianco ovvero i medici

Sicuramente questa notizia non piacerà a tutti coloro che, avendo delle patologie, stanno pensando di rivolgersi all’INPS per chiedere una piccola risorsa economica, una pensione, che possa sostenerli nelle difficoltà quotidiane dettate dalla malattia. Questo non significa che l’Inps non vuol più pagare pensioni d’invalidità…cerchiamo di chiarire i dettagli nel seguente articolo.

INPS, malattia e invalidità: i dottori pagati per negarli

Cara Inps, il medico non si compra. Questo incentivo, se confermato, è un’aberrazione per la professione medica e segna il tradimento di principi costituzionali. I medici non ne tengano conto. Chiunque debba valutare, sappia che siamo contrari” . Questo è il duro attacco di di Filippo Anelli, presidente dell’ordine dei 350mila camici bianchi sull’iniziativa dell’Inps di dare premi ai medici che negano malattia e revocano invalidità.




Sembra che l’INPS insomma, abbia richiesto una modifica di valutazione da parte dei medici, circa l’assegnazione della pensione di invalidità e un’ulteriore rivalutazione di quelle che vengono già erogate.

Fonti certe, come il sito Il Fatto Quotidiano, riferiscono che la delibera era stata già firmata direttamente dal presidente Tito Boeri a marzo 2018 ma la notizia emerge e fa scalpore in questi giorni, soprattutto grazie alla denuncia di Vittorio Agnoletto, medico, politico e attivista.

La vera novità, in parole povere è che i medici saranno pagati molto di più se negheranno prestazioni, invalidità o certificati di malattia.

Attraverso questo incentivo, secondo i calcoli dell’Inps, si otterranno così minori prestazioni per altri 10 milioni di euro, portando il totale 2018 sopra quota 81 milioni.

Filippo Anelli presidente dei 350mila medici laureati e attivi in Italia, spiega in un intervista: “In premessa – dico che forse oggi paghiamo il mancato rispetto delle norme da parte di qualcuno, cosa che purtroppo nella nostra società non è residuale ma abbastanza frequente. Diciamo che c’è un costume generale nel Paese che forse ha portato a fare questo.

Ma come Federazione ci siamo sempre posti e ci poniamo come problema il fatto che gli strumenti di carattere manageriale-economicistici molto spesso confliggono con la professione, cioè non sempre rispondono a bisogni e obiettivi convergenti. E questo riguarda tanti aspetti, ma per i medici prima vengono gli obiettivi di salute, poi quelli economici”.




Lo stesso Anelli continua: “Non ritengo possa avere come obiettivo quello del risparmio, ma quello del riconoscimento o meno di un giusto diritto. Credo che lo Stato oggi dovrebbe essere il maggior garante dei diritti, quindi mi fa specie che anteponga una questione di carattere economico a un diritto del cittadino. Da un punto di vista concettuale è difficile da accettare, lo dico da cittadino e non da medico. Io mi aspetterei che la mia Repubblica Italiana, fondata su determinati diritti, avesse come maggior garante lo Stato e i suoi organi. Nel momento in cui qualcuno mi incentiva a non applicare un diritto, allora è un vero e proprio tradimento della Carta costituzionale. In senso etico, credo, che questo problema debba essere posto. Non mi pare assolutamente possibile transigere”.

Chiarimenti fondamentali che il cittadino ha diritto di sapere

Ma se la delibera era stata già firmata nel 2018, che posizione hanno assunto i medici in tutti questi mesi?

Ha ragione quando dice che gli ordini dovrebbero dire la loro su scelte di carattere manageriale che confliggono su aspetti deontologici. Ma una volta era costume che l’Inps e non solo convocasse e sentisse l’Ordine sui rinnovi contrattuali e sulle misure che toccano aspetti deontologici della professione.




Era una sana abitudine che si è persa da quando i contratti non sono più stabiliti per decreto ma privatistici. E’ forse l’occasione per rilanciare la questione, perché l’Ordine è qui anche per questo.Vorrei poi vedere, stando sui numeri, quante sono le domande e le erogazioni negate e quanti contenziosi, con relativo costo, per le casse dello Stato. Quanto cioè questo voler ad ogni costo, anche pagando il medico perché lo faccia, questo rigettare la domanda dei cittadini comporti un beneficio. Non so, per così dire, se l’impresa valga la spesa”.

Se esistono regole morali che disciplinano l’esercizio di questa determinata professione, ovvero il medico, significa che non possono essere oppresse da enti o dallo Stato stesso. “Non si può anteporre il diritto del cittadino a un pur ragionevole incentivo del medico. Le due cose non possono essere confliggenti.

Puoi chiedere al medico di essere più efficiente sugli aspetti gestionali e operativi del suo lavoro, ma non di negare dei diritti. Se secondo loro le commissioni mediche non sono efficienti, trovino un modo per renderle tali, ma non agendo sul merito delle loro decisioni.

E’ insultante anche per il medico che dietro un promesso corrispettivo si trasformi da compiacente facilitatore degli abusi a rigido funzionario che finalmente applica norme già previste. E’ insultante che lo Stato assuma un punto di vista come questo sul medico. Non puoi svendere per qualche euro in più in busta paga l’autonomia di pensiero e di giudizio professionale”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Ilaria Capua: “Serve un lockdown solo per anziani”

La virologa Ilaria Capua è una veterinaria, saggista, virologa ed ex politica italiana, nota per i suoi studi sui virus influenzali e protagonista degli...

Bollo auto, dal 1 Gennaio cambia tutto e arriva anche l’ aumento

Il bollo auto, spesso definito anche come il "calcolo della tassa regionale automobilistica" è un tributo regionale il cui versamento spetta a tutti i...

Coronavirus, Bassetti propone lockdown per over 65 “La chiusura totale sarebbe la fine”

Dopo la firma del Presidente Conte che ha approvato il nuovo Dpcm valido fino al 24 Novembre, la paura di non riuscire a contenere...

11 esercizi efficaci più dei farmaci per alleviare il dolore da artrite

L'esecuzione quotidiana di questa routine può aumentare la forza e migliorare il disagio causato dall'artrite, una malattia che colpisce le articolazioni del corpo. L'artrite reumatoide...

Il Papa dice si: «Favorevole alle unioni civili per le coppie omosessuali»

Arriva la conferma da parte di Papa Francesco che in un documentario mostrato alla Festa del Cinema di Roma ha dichiarato: «Gli omosessuali sono...

Venezia, installati i POS in chiesa: da oggi si potranno fare offerte con Bancomat e carta di credito

  Le offerte in chiesa sono state da sempre una lunga e antica tradizione, durante la messa o semplicemente per accendere qualche candelina in chiesa...