sabato - 24 Ottobre - 2020

Infarto e rughe sulla fronte: campanello d’allarme, spia di cuore a rischio

Il cuore è il nostro motore di vita, fondamentale perno della circolazione sanguigna, un meraviglioso meccanismo che consente di trasportare l’ossigeno ricevuto dai polmoni, indirizzandolo verso le cellule di tessuti e organi, nutrendoli e scambiando l’anidride carbonica. La nostra salute dipende dal nostro cuore ma, spesso e volentieri, si manifestano troppo tardi i segnali che ci indicano che il nostro cuore non gode di buona salute.

Strano ma vero, ma molto spesso ad accorgersi dei problemi del nostro cuore è il dermatologo che, durante una visita di controllo di routine, diagnostica e riconosce che il cuore sta soffrendo.

Tanti i sintomi che indicano problemi cardiaci. Per citarne alcuni:

– Quando il colesterolo è in eccesso, si formano dei depositi che hanno diversa sede. I depositi di colesterolo si formano agli angoli degli occhi, dietro ai polpacci, dietro le cosce, sulle mani: noterete gruppi di bolle bianche che non sono verruche, ma bolle, che indicano eccesso di grassi o zuccheri nel sangue.

– Durante l’inverno a causa del forte freddo la pelle appare biancastra o sfumata di viola: questa è una condizione normale. Dovrete preoccuparvi, invece, quando la pelle appare bluastra nonostante non ci sono temperature rigide, poiché, questo indica che un vaso sanguigno può essere bloccato o ostruito. Il motivo è molto semplice: la pelle cambia colore a causa della mancanza di ossigeno.

Cuore e rughe

Anche la presenza di eccesso di colesterolo nel sangue può causare il cambiamento del colorito della pelle. Noterete macchie scure sulla pelle, simili a macchie di caffè, e se non spariscono, consultate immediatamente un medico.

Per avere un’idea di come sta il nostro cuore, la prima cosa da fare è guardarsi allo specchio. La seconda è concentrarsi sulla fronte: più rughe ci sono, e più sono profonde, più è il caso di preoccuparsi e di correre ai ripari con dieta ed esercizio fisico. I solchi orizzontali fra le sopracciglia e l’attaccatura dei capelli, infatti, non sono solo l’impronta dell’età che avanza. Sono anche la ‘firma’ di un maggior rischio di infarto e di morte cardiovascolare. Un fattore spia scritto in faccia, “un possibile nuovo marker di aterosclerosi”.

Lo hanno scoperto Yolande Esquirol e colleghi del Centro ospedaliero universitario di Tolosa in Francia, autori di uno studio presentato al Congresso della Società europea di cardiologia Esc, in corso in Germania a Monaco di Baviera. Siccome “non puoi vedere o sentire fattori di rischio cardiovascolare come il colesterolo alto o l’ipertensione”, spiegano, gli scienziati si sono messi a caccia di un campanello d’allarme meno classico ma più evidente, di qualcosa che si potesse cogliere al primo sguardo. L’hanno trovato sul viso: “Le rughe della fronte rappresentano una ‘red flag‘”, una bandierina rossa che dovrebbe far scattare l’allarme e accertamenti più approfonditi su pressione arteriosa, grassi nel sangue, glicemia. Nonché cambiamenti nello stile di vita.

Rughe sulla fronte spia di cuore a rischio: i sintomi dell’infarto

La ricerca ha coinvolto 3.200 adulti lavoratori, che all’inizio dello studio erano tutti sani e in diverse decadi d’età (32, 42, 52 e 62 anni).

Per definire l’entità delle loro rughe frontali, gli autori hanno utilizzato uno score con punteggi da zero (niente rughe) a 3 (tante rughe profonde). I partecipanti sono stati seguiti per 20 anni, durante i quali 233 sono morti per varie cause. Fra quelli deceduti, il 15,2% aveva uno ‘score rughe’ di 2 o 3, il 6,6% uno score pari a 1 e il 2,1% a zero.

Dopo avere corretto le analisi tenendo conto di tutti i possibili fattori confondenti (età, sesso, scolarità, tipo di lavoro, abitudine al fumo, pressione, frequenza cardiaca, diabete, livelli lipidici), gli scienziati hanno calcolato che le persone con score 1 erano lievemente più ad alto rischio di morte cardiovascolare rispetto a quelle con score zero. E che quelle con score a 2 o 3 avevano un rischio di decesso circa 10 volte superiore rispetto a quelli senza rughe. “Più alto è lo score-rughe – sentenzia Esquirol – più il rischio di mortalità cardiovascolare cresce”.

Rughe sulla fronte, legame con arterosclerosi

Perché? La ragione è ancora da capire, ma l’ipotesi è che le rughe sulla fronte siano in qualche modo legate all’aterosclerosi (l’indurimento delle ‘autostrade del sangue’ provocato dall’accumulo di placca), prima responsabile di infarto e altri eventi cardiovascolari. Da un lato c’è in effetti il fatto che i cambiamenti nel collagene e lo stress ossidativo sembrano giocare un ruolo sia nell’aterosclerosi sia nella formazione delle rughe.

D’altra parte i vasi sanguigni sulla fronte, essendo particolarmente sottili, potrebbero essere più sensibili all’ingrossamento della placca aterosclerotica e funzionare dunque come segno precoce si invecchiamento vascolare. “Questa è la prima volta che viene stabilito un legame tra rughe frontali e rischio cardiovascolare”, puntualizza Esquirol, aggiungendo con prudenza che “i nostri risultati andranno confermati da future ricerche”. Ciò premesso, la misurazione dei solchi sulla fronte è “semplice ed economica”, e secondo i cardiologi “potrebbe essere utilizzata dai medici in ambulatorio e in ospedale” per meglio mirare gli interventi di prevenzione. “La sfida – ammonisconoè quella di arrivare abbastanza in anticipo per poter fare la differenza”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Con questi 5 trucchi puoi dimagrire mentre dormi: non è uno scherzo, la scienza lo dimostra

Vorresti perdere qualche chilo senza tanta fatica? Se segui questi 5 suggerimenti basati su studi scientifici recenti, puoi ottenere risultati senza andare in palestra. Sappiamo...

Con 2300 ricoverati in terapia intensiva scatterà il lockdown: ad oggi sono 1000

La situazione sembra peggiorare giorno per giorno e oggi si sono registrati ancora una volta 16.000 nuovi positivi. Il dato che fa più timore...

Ritorna l’autocertificazione per spostarsi in alcune regioni: scarica qui il modello

Il Coronavirus sta piombando nuovamente nelle nostre vite, dopo un estate apparentemente tranquilla e la situazione in Italia sembra peggiorare giorno dopo giorno. Le...

Neonato dichiarato morto: sopravvive 6 ore nella cella frigorifera dell’obitorio

Neonato viene dichiarato morto ma in realtà non lo era. A poche ore di distanza dal decesso dichiarato, i medici si sono accorti che...

Inventato tatuaggio che cambia colore quando aumenta la glicemia nel sangue

Ti piacciono i tatuaggi ma hai il diabete? Sicuramente sai già che il diabete è una malattia silenziosa che, se non curata adeguatamente, può...

Scopri perché non dovresti mai trattenere uno starnuto

Lo starnuto è un'azione naturale del corpo quando ha bisogno di espellere i microrganismi dannosi Se di solito trattieni lo starnuto, o perché non vuoi...