martedì - 27 Ottobre - 2020

I cardiologi avvisano: ecco qual’è l’ingrediente che può aiutare a fermare un infarto in un minuto

 

Quando una persona sta avendo un infarto, è opportuno agire con rapidità poichè potremmo salvargli la vita. Oltre al 118 che deve essere chiamato immediatamente, in assenza di farmaci, si può utilizzare un rimedio in grado di bloccare l’infarto: il pepe di Cayenna.

Quando qualcuno sta avendo un infarto, è opportuno chiamare immediatamente i soccorsi. Tuttavia, se l’arrivo dell’ambulanza dovesse tardare e non ci fossero in casa farmaci adeguati, esiste un alimento in grado di impedire che la situazione possa peggiorare e si tratta del pepe di Cayenna, una spezia che deriva dall’omonimo peperoncino rosso.

Pepe di Cayenna e proprietà

Il peperoncino di Cayenna è ricco di vitamina A; contiene inoltre le vitamine B6, E e C (sebbene quest’ultima sia presente in quantità minime); la riboflavina, potassio e manganese.[5] Tra gli alcaloidi contenuti nel peperoncino di Cayenna vi è la capsaicina, che stimola i recettori del calore e del dolore dell’epidermide, causando quindi un afflusso di sangue più intenso e una migliore ossigenazione dello stesso.

In risposta all’irritazione, il cervello secerne le endorfine, un oppiaceo naturale che provoca un senso di benessere e soddisfazione. La capsaicina ha anche effetto scialagogo, cioè stimola la secrezione di saliva, facilitando la digestione. 

È stato anche dimostrato che il peperoncino di Cayenna aiuta nella ossidoriduzione del grasso, regolando la pressione alta, promuovendo un sano funzionamento del fegato e del tessuto produttivo, aiutando nel contempo a regolare il sistema digestivo e la produzione sana di muco nella mucosa”. (Wikipedia)

Secondo il dottor John Raymond Christopher, noto erborista americano, il pepe di Cayenna è efficace nel momento in cui l’individuo sta avendo l’infarto, infatti, somministrandolo, si può bloccare il malore in corso.

Secondo il dottore, bisognerà sciogliere in un bicchiere di acqua calda, un cucchiaino di pepe di Cayenna e somministrarlo al soggetto con sintomi d’infarto. Nel caso, invece, questa fosse in stato di incoscienza, alcune gocce di questa soluzione andrebbero poste sotto la lingua.

 

Questo metodo fa sì che il peperoncino di Cayenna, grazie alle sue proprietà, aumenti rapidamente la frequenza cardiaca e riesca in questo modo ad equilibrare la circolazione sanguigna.

Perchè tenere in casa il pepe di Cayenna è fondamentale

Avere il pepe di Cayenna in casa è pertanto fondamentale.

Naturalmente questo procedimento, ovvero la somministrazione della bevanda al pepe, NON DEVE SOSTITUIRE il soccorso medico. Esso verrà somministrato nel frattempo in cui si attenda l’arrivo il personale del Pronto soccorso.

Moltissimi cardiologi concordano sull’efficacia del pepe di Cayenne, che nutre il cuore con il suo alto contenuto di potassio, uno dei suoi elementi essenziali ed è noto per la sua proprietà di essere un potente stimolante del sangue attraverso un particolare ingrediente, la capsaicina. Questa sostanza è generalmente efficace per proteggere il nostro sistema circolatorio e persino ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi.

I soggetti che usano regolarmente pepe di Cayenna hanno in genere ridotto significativamente i livelli di infarto associando una dieta vegetariana.

La sua efficacia è simile a quella di una pillola o farmaco: il pepe di Cayenna apre la struttura cellulare e permette di espandersi molto rapidamente, arrivando direttamente nel cuore.

Sintomi infarto

Per capire se il soggetto sta avendo un infarto, osserviamo i sintomi:

-fastidio al torace (un senso di pressione o dolore),
-fiato corto,
-disagio nella parte superiore del corpo (può colpire braccia, spalle, collo, schiena),
-nausea, vomito, vertigini, stordimento, aumento della sudorazione.
Nelle donne, a differenza degli uomini, si verificano con più facilità

-mancanza di respiro,
-nausea/vomito
e dolore alla schiena o alla mascella

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Pensione in anticipo per le mamme che hanno iniziato a lavorare dopo il ’96. Ecco le novità

Sei una donna che ha iniziato a lavorare dopo il 1996 e sei madre? Se si, c'è una grossa novità che potrebbe interessarti. Le donne...

La polizia multa ragazzi davanti a scuola senza mascherina: genitori imbestialiti

Un modo per sensibilizzare i giovani ad indossare la mascherina: multarli con una sanzione di 400 euro. Questo è ciò che è successo all'ingresso...

Hai un gatto? 7 trucchi che dovresti conoscere se accudisci i tuoi felini

Il tuo felino è il re di casa, cammina tra i mobili, si affila le unghie con tutto ciò che trova e ama lasciare...

Coronavirus, Bassetti propone lockdown per over 65 “La chiusura totale sarebbe la fine”

Dopo la firma del Presidente Conte che ha approvato il nuovo Dpcm valido fino al 24 Novembre, la paura di non riuscire a contenere...

L’amianto ci uccide: ecco cosa fare se il nostro vicino di casa ha il tetto in Eternit

L’amianto contenuto nelle tettoie eternit è altamente cancerogeno ed è obbligatorio eliminarle quanto prima, anche se non siamo noi ad averli in casa ma...

Ti alzi sempre per fare pipì di notte? Occhio: ecco il disturbo da non sottovalutare

Vi capita di alzarvi la notte per fare pipì con una certa frequenza, disturbando il vostro sonno e alterando il ritmo sonno veglia? Se...