venerdì - 22 Gennaio - 2021

Coronavirus e sostanze nutritive: cosa aiuta davvero contro COVID-19?

Il numero di studi che analizzano l’effetto dei micronutrienti sull’evoluzione dei pazienti con COVID-19 è in aumento. La vitamina D, ad esempio, sembra essere un candidato promettente. Cosa è vero?

La vitamina D è uno degli elementi di ricerca più popolari ai tempi di COVID-19. Uno degli studi più promettenti pubblicati a questo proposito appartiene alla pneumologa spagnola Marta Castillo.

Questo è uno degli studi che viene utilizzato più e più volte per dimostrare l’efficacia della vitamina D“, afferma Martin Smollich, farmacologo e professore presso l’Istituto di medicina nutrizionale presso il Centro medico dell’Università dello Schleswig-Holstein a Lubecca.

Smollich ha analizzato micronutrienti e integratori alimentari e cerca di mostrare un’immagine differenziata su questo argomento, proprio in un momento in cui l’influenza delle vitamine e degli integratori alimentari è, per ragioni ideologiche ed economiche, esagerata o ridicolizzata.

Prova scientifica 

A prima vista, il risultato dello studio di Castillo sembra ottimista: dei 50 pazienti COVID-19 a cui è stata somministrata vitamina D, solo uno era in terapia intensiva. Tuttavia, circa il 50% di coloro che non avevano assunto vitamina D, finivano in terapia intensiva.

Il primo passo in questi studi è osservare come è la composizione di entrambi i gruppi“, afferma Smollich. Per rispondere all’efficacia della vitamina D, i gruppi devono essere il più simili possibile.

Metodo completo?

Come capire se funziona davvero? Lo studio elenca alcuni fattori di rischio e fornisce informazioni su quanti pazienti hanno determinate malattie preesistenti, come ad esempio il diabete di tipo 2.

“Solo il sei per cento dei partecipanti che hanno ricevuto vitamina D erano diabetici, ma il 19 per cento dei pazienti hanno ricevuto placebo”, afferma Smollich.

La differenza tra le persone con ipertensione è ancora più sorprendente: il 57% dei partecipanti che non hanno ricevuto vitamina D aveva la pressione alta. Nell’altro gruppo, solo il 24 per cento. “Ciò significa che i pazienti erano nel gruppo ma non assumevano vitamina D“, riassume il farmacologo. L’esperto è certo che gruppi così eterogenei distorcano chiaramente i risultati dello studio.

Ma non è tutto: “Nel caso del COVID-19, sappiamo che sia il diabete che l’ipertensione sono fattori di rischio che favoriscono una grave evoluzione”, afferma Smollich. “Pertanto, non sorprende che i pazienti del gruppo che non assumevano vitamina D, finivano più frequentemente nell’unità di terapia intensiva”, conclude.

Uno studio condotto con una metodologia così imprecisa non chiarisce se i partecipanti al gruppo di controllo dovessero ricevere cure mediche intensive più spesso, perché mancavano di vitamina D o perché avevano malattie precedenti più gravi.

Relazione tra malattie legate al cibo e COVID-19

Numerosi studi hanno concluso che la vitamina D non ha un’influenza significativa sull’evoluzione di un paziente con COVID-19. Tuttavia, il diabete di tipo 2, l’obesità o l’ipertensione hanno qualcosa in comune: sono tutte malattie legate alla dieta.

Secondo Anika Wagner, professore di nutrizione e sistema immunitario presso l’Università di Giessen, “i nutrienti sono importanti per il sistema immunitario“. In altre parole, la mancanza di nutrienti indebolisce i vari meccanismi di difesa del sistema immunitario, il che rende più facile per i patogeni causare danni.

Wagner aggiunge che “in linea di principio, raccomanda di soddisfare le esigenze nutrizionali con la dieta quotidiana“. Tuttavia, l’aumento del tasso di persone in sovrappeso è un chiaro segno che la mancanza di una dieta sana va di pari passo con la mancanza di sostanze nutritive.

Le persone obese tendono a consumare più cibi ad alto contenuto energetico, ma con pochi micronutrienti”, spiega Wagner. Cioè, bevande zuccherate, prodotti trasformati e dolci. La carenza nutrizionale indebolisce il sistema immunitario e nelle persone obese, ipertese e diabetiche può portare a una grave evoluzione di COVID-19.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Dieta dell’uva, per sgonfiare, depurare l’organismo e perdere peso

  La dieta dell'uva è una delle più antiche: tramandata dalle nostre nonne, ma non solo. Si trovano tracce della dieta dell'uva anche nei testi...

5 alimenti che puoi mangiare per combattere l’Alzheimer e 3 da evitare

  Ci sono molte cose che possono aiutarti a esercitare il cervello e mantenerlo sano, ma pochi sanno che anche la tua dieta svolge un...

20 adorabili situazioni in cui gli animali cercano di andare d’accordo

Tutti noi creiamo legami di reciproco affetto, così come gli animali. Gli studi hanno dimostrato che l'amicizia non è una caratteristica esclusivamente umana, poiché...

Crostata con cioccolato e nocciole intere

  Presentazione Preparare la crostata al cioccolato e nocciole è facile, veloce ed economico. Il risultato è eccezionale e credo rappresenti uno dei dolci che vale...

Una moglie mangia ogni giorno un boccone del pranzo al sacco del marito: la ragione ti scioglierà il cuore

Ciascuno di noi dimostra il proprio amore verso il partner in maniera diversa, talvolta in modo bizzarro. La storia che vi raccontiamo fa tanta...

Un dono dal cielo: per la prima volta dopo 800 anni si vedrà la “Stella di Natale”. Ecco quando

L'anno 2020 volge al termine. Non c'è dubbio che sia stato un anno burrascoso, a causa della pandemia e altri eventi. Tuttavia, per finire,...