lunedì - 19 Ottobre - 2020

Come eliminare i cattivi odori dalla lavastoviglie con rimedi ecologici

 

Se la tua lavastoviglie emana un cattivissimo odore dopo il lavaggio, probabilmente vi è un problema di ristagno dei cibi e sporco che non riescono ad essere drenati dalle tubature e rimangono intasati, si ammuffiscono e puzzano.  Per porre fine a questo problema, non serve un idraulico…quello che dovrai fare è semplicemente seguire i nostri consigli, totalmente naturali e a basso costo.

Rimedio dell’aceto bianco

Per eliminare i cattivi odori dalla lavastoviglie, si può ricorrere all’aceto bianco che, oltre all’uso culinario, può essere un ottimo alleato per igienizzare la lavastoviglie e rimuovere il tanfo determinato dai residui di cibo: esso, infatti, è un efficace battericida e un ottimo disinfettante.

A tal fine, è necessario svuotare l’elettrodomestico e inserirvi una ciotola riempita di aceto di vino bianco puro. In seguito, bisogna procedere con un ciclo di lavaggio a vuoto a una temperatura superiore ai 60 gradi. A questo punto, il gioco è fatto: la componente acida dell’aceto provvederà a disinfettare in profondità le pareti della lavastoviglie e ad annullare qualsiasi fastidioso lezzo.

Se lo desiderate, potrete anche aggiungere all’aceto un cucchiaino di bicarbonato di sodio, in modo tale da amplificare l’azione pulente e rinfrescante.

Rimedio del limone

Anche il limone è un ottimo profumatore naturale! In questo caso, è necessario effettuare il consueto lavaggio delle stoviglie con un detersivo ecologico (ad esempio a base di bicarbonato e di sapone di marsiglia liquido) e inserire all’interno dell’elettrodomestico un mezzo limone.

Si consiglia di avviare un ciclo di detersione di lunga durata e alla massima temperatura: alla fine del lavaggio, aprendo lo sportello della lavastoviglie, sarete avvolti da una gradevole fragranza di agrumi freschi!

Se non volete sprecare limoni esclusivamente per la pulizia dell’elettrodomestico, potete riciclarli in maniera smart: dopo averli spremuti per condire un determinato alimento, potrete eliminare i semini con un cucchiaino e, successivamente, riporli nel freezer. In questo modo, all’occorrenza, li avrete sempre a disposizione per la rimozione dei cattivi odori dalla lavastoviglie.

Grazie a questi due semplici metodi eco-friendly, il vostro prezioso apparecchio, senza ricorrere all’utilizzo di detergenti e profumatori chimici, non sarà mai più maleodorante e sarete riusciti nell’operazione di eliminare i cattivi odori dalla lavastoviglie una volta per tutte!

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Le donne amano vedere la loro casa pulita! Se prendi queste abitudini, avrai sempre una casa in ordine!

Consigli pratici per dedicare meno tempo alle faccende domestiche ma avere ugualmente una casa organizzata e profumata. Le donne lo sanno benissimo che quando c’è...

8 modi veloci ed economici per sbloccare uno scarico del lavello della cucina

Un ingorgo in cucina è uno dei problemi più comuni e fastidiosi che puoi avere in casa. Succede di tanto in tanto, interferendo seriamente...

Pulire le fughe delle piastrelle senza fatica e a costo zero

  Ogni casalinga sa perfettamente quanta fatica si fa per sbiancare le fughe delle piastrelle della propria casa che, dopo molti anni,  tendono ad annerirsi...

Come purificare l’aria di casa con i rimedi naturali

Serve davvero poco per purificare l’aria in casa, garantendo un ambiente fresco e salubre. Ecco come fare. A tutti piace avere una casa fresca, pulita...

Belgio: bambina di 3 anni muore dopo aver contratto il Covid-19. I medici: “nessuno è immune”

"Nessuno è immune", queste le parole dei medici che hanno dichiarato il decesso delle bambina di 3 anni, morta in Belgio dopo le complicanze...

“Prima di sparlare degli altri, prendi uno specchio e guardati, ti vergognerai”: le dure parole del Papa sul chiacchiericcio che genera odio

Risuonano forti le parole di Papa Bergoglio che, durante l’omelia, mette in evidenza quanto sia squallido parlare male degli altri, un atteggiamento anticristiano, che...