sabato - 24 Ottobre - 2020

28enne muore dopo bibita ghiacciata: i suggerimenti per evitare la congestione digestiva, anche dopo un bagno al mare

28enne di Roma, entra in un bar con suo padre, dopo una lunga e calda giornata di lavoro e ordina una bibita fresca. Muore dopo 2 ore per congestione digestiva.

La congestione è sempre provocata dal freddo, o meglio, dallo sbalzo termico nella zona addominale, infatti, tra le cause della congestione troviamo:

-colpo d’aria
-bagno al mare durante la fase digestiva
-bibita ghiacciata (a maggior ragione se bevuta con velocità)

Come si genera una congestione?

Durante la fase digestiva il sangue è concentrato nella zona addominale; quando si consuma una bibita ghiacciata e si è molto accaldati ad esempio, scatta automaticamente una funzione difensiva da parte dell’organismo: il cervello tenta di dirottare il sangue verso se stesso al fine di mantenere la temperatura basale; tutto ciò crea uno squilibrio circolatorio che causa sia l’interruzione del processo di digestione, sia uno shock con conseguenze pericolose che possono indurre sino al decesso.

Quali sono i sintomi di una congestione?

-colorito pallido
-tremori
-spossatezza
-pancia dolorante
– sudori freddi
-nausea a volte seguita da vomito

La congestione va soccorsa in tempi brevi perché potrebbe avere conseguenze gravi o gravissime poiché il sistema cardiocircolatorio potrebbe andare in tilt causando un collasso cardiaco.

Le situazioni più comuni in cui si verifica la congestione digestiva dopo un pasto abbondante e ricco di cibi grassi sono:
– Bere una bevanda ghiacciata quando si è molto accaldati
– Fare il bagno in acqua fredda
– Passare bruscamente dal caldo ad un ambiente freddo, lo stesso può accadere in inverno, uscendo all’esterno, senza coprirsi bene.
Chi soffre di malattie sistemiche come ad esempio il diabete o l’ipertensione ha maggiori rischi di andare incontro a congestione digestiva.

Fare il bagno dopo aver mangiato si può?

Risponde il dott. Berardino Vaira – Professore ordinario di Medicina Interna del Policlinico Sant’Orsola di Bologna

La fatidica domanda: “dopo mangiato quanto tempo bisogna aspettare prima di fare il bagno?”
La situazione più comune in cui si verifica una congestione è come abbiamo visto il bagno al mare o in piscina dopo mangiato. In questi casi generalmente lo sbalzo termico è maggiormente accentuato dal fatto di essere esposti al sole e dunque ancor più accaldati. Diciamo che la risposta a questa domanda dipende principalmente dal tipo e dalla quantità di cibo ingerita. Un altro fattore che può incidere è la temperatura dell’acqua in cui ci si immerge. In linea generale è bene dunque affidarsi al buon senso.

Se ci si sente appesantiti o si è consumato un pasto ricco di grassi è meglio aspettare 2 0 3 ore prima di fare un bagno, mentre altri alimenti, come i carboidrati, si assorbono più rapidamente. Se mangiamo un piatto di pasta al pomodoro, un pesce leggero, un panino non troppo farcito, un’insalata o la frutta 30/60 minuti di attesa sono sufficienti. Una regola comunque sempre utile da ricordare è quella di immergersi in acqua gradualmente, bagnandosi lentamente per abituarsi alla temperatura”.

Per i bambini il rischio è quello di non riconoscere per tempo i primi segnali di malessere e non uscire dall’acqua rischiando così di annegare. E’ importante dunque non lasciarli mai soli e non perderli di vista mentre fanno il bagno“.

In sintesi, quali sono le regole per evitare una congestione?

Dopo un pasto abbondante e ricco di cibi grassi evitare di passare bruscamente dal caldo al freddo e viceversa, di bere bevande ghiacciate, di svolgere attività fisica intensa e di fare il bagno. Se si vuole fare un bagno fare piccoli pasti leggeri, bere molta acqua, naturale e non fredda. L’acqua gassata in assoluto è un altro fattore determinante poiché riempie l’addome di gas. Per le persone che hanno problemi intestinali di qualsiasi genere è bene anche evitare cibi irritanti come caffè, cioccolato, vino bianco, pepe o peperoncino”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Le 15 patologie cardiache a cui l’INPS riconosce la pensione di invalidità civile

Nelle moderne democrazie si è affermato da tempo il principio della protezione dei cittadini affetti da minorazioni fisiche o psichiche. Un obiettivo solennemente affermato...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

Coronavirus: “Il mio vicino è in casa con più di sei persone”. E gli manda i carabinieri

Da quando il Presidente Conte ha introdotto nel nuovo DPCM la restrizione di non poter invitare in casa amici e parenti, limitando gli incontri...

Come eliminare umidità e muffa in modo assolutamente naturale

Muffa ed umidità in casa? Che orrore! Certo, ci sono molti prodotti che eliminano la muffa, ma alcuni di essi sono altamente tossici da usare...

Keytruda, il farmaco che “scioglie” il tumore ai polmoni. Addio chemio

Quando si parla di cancro, siamo sempre molti entusiasti nel sentire che ci sono progressi e innovazioni. Nasce già da diverso tempo il farmaco...

Consumare troppi farmaci può mettere a repentaglio la nostra salute.

Sono sempre di più i farmaci che vengono prescritti secondo un’Indagine dell’AIFA. Siamo sicuri che non ci siano effetti nocivi sulla salute? Scopriamolo! Sono tanti...