martedì - 5 Luglio - 2022

Ritenzione idrica: sintomi, cause, rimedi e alimentazione per eliminare pesantezza e gonfiore

Colpisce 30 donne su 100 ed è la causa principale della tanto odiata cellulite

Sensazione di gambe gonfie, pesanti, aumento di peso senza aver modificato l’alimentazione sono tutti sintomi che avvertono che il nostro corpo sta trattenendo liquidi in eccesso e in modo sbagliato, come invece non dovrebbe.

- Advertisement -

Tutte le donne ne soffrono e in minore quantità anche gli uomini.

Con il termine “ritenzione idrica”s’intende un accumulo di liquidi negli spazi interstiziali cioè tra cellula e cellula che causano dei gonfiori fastidiosi che chiamiamo comunemente edemi. Di solito l’acqua in eccesso che non fuoriesce tende ad accumularsi sulle gambe, sull’addome, sui glutei e nelle caviglie.

La donna avverte questi fastidi in particolar modo a ridosso del ciclo mestruale o in gravidanza, allattamento, menopausa, momenti in cui ci sono squilibri ormonali importanti ma in questi casi è del tutto normale perché gli ormoni vanno a produrre maggiore o minore quantità di estrogeni e progesterone. Diventa un problema insolito e va indagata la causa quando non siamo in stato interessante o in menopausa.

La ritenzione idrica colpisce anche per altre cause e se individuate e curate, sarete felici di liberarvene per sempre. I motivi principali sono:

  • Dieta errata, ricca di sale e grassi
  • Insufficiente idratazione
  • Intolleranza al lattosio
  • Il fumo
  • Cattiva circolazione dovuta ad un malfunzionamento del sistema venoso e linfatico
  • Uso di farmaci cortisonici, antinfiammatori e anticoncezionali
  • Condizioni di insulino-resistenza
  • Ipertensione arteriosa
  • Sovrappeso
  • Insufficienza renale, epatica e cardiaca
Come capire se soffriamo di ritenzione idrica?

Per capire perfettamente se soffriamo di ritenzione idrica, basta compiere un gesto molto particolare; dovete premere il pollice sulla parte anteriore della gamba per 10 secondi. Se dopo averlo tolto, notate ben visibile l’impronta, siamo in presenza assicurata di ritenzione dei liquidi. Come abbiamo accennato prima, con la ritenzione idrica aumenta il peso corporeo nonostante una sana alimentazione, si ha doloro e gonfiore a piedi e caviglie e si presenta seria difficoltà a camminare con i tacchi per lunghi periodi.

Rimedi e alimentazione

Ci sono rimedi e regole che possono darci un valido sollievo a questo problema, specialmente in estate quando siamo soliti scoprirci di più.  Vi elenchiamo i consigli più efficaci.

  • Smettete di fumare.
  • Combattete la sedentarietà.
  • Dormite con dei cuscini sotto le gambe.
  • Evitate di indossare scarpe con tacchi che superano i 7 cm.
  • Aumentate la dieta di fibre.
  • Consumate almeno 3-5 porzioni di kiwi, fragole, ciliegie, ananas, spinaci, pomodori, peperoni, patate.
  • Bevete 2 litri di acqua al giorno.
  • Riducete il sale nella dieta.
  • A prima mattina bevete un bicchiere di acqua, limone e zenzero che funge da drenante.
  • Aumentare l’uso di prodotti che facilitano la diuresi: uva ursina, ippocastano, tarassaco.
  • Non utilizzate abbigliamento eccessivamente costrittivo.
  • Effettuate massaggi drenanti
  • Fate la doccia alternando su i punti critici getti caldi e freddi di acqua per aprire i pori e in seguito passate sulla pelle un olio ottenuto con 100 g di olio d’oliva, 5 g di sale grosso, 5 gocce di olio di cipresso, 5 gocce di limone, 5 gocce di olio di rosmarino.
  • Mangiate molto sedano, finocchio e ananas.

Curare se stessi e adottare abitudini sane, alimentazione genuina e servirsi di rimedi naturali per curare il nostro corpo significa sentirsi meglio e vivere più felici.

© Riproduzione riservata

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©