Racconto buddista che ci insegna che per essere felici occorre ignorare tante cose e persone


Le relazioni tra noi e gli altri sono una piacevole e gradita fonte di soddisfazione e felicità. Sono anche la principale causa di insoddisfazione e infelicità. Questo racconto buddhista che leggerete insegna che spesso, per trovare la vera felicità, bisogna ignorare e allontanarsi da cose e persone tossiche e nocive, bisogna imparare ad ignorare.

Spesso le azioni che facciamo e quelle che subiamo, durante la vita quotidiana hanno due facce opposte: una stessa situazione può rivelarsi positiva in un contesto e negativa in un altro contesto. Pertanto, una delle chiavi per essere felici è imparare a ignorare le parole, gli atteggiamenti e i comportamenti di molte persone.

Molti lo sanno però che, ci sono momenti in cui l’ignorare è una questione di salute mentale perché ci sono atteggiamenti che possono destabilizzarci o ostacolarci così tanto da impedirci di andare avanti e di essere sereni e felici come dovremmo o come vorremmo. Rendersi conto che siamo intrappolati in relazioni tossiche, in cui noi stessi siamo i principali danni, è il primo passo per uscire dalla ragnatela in cui siamo entrati.

Ignorare è un’arte: il racconto Buddhista che ci fa comprendere il vero significato

Si dice che in un’occasione un uomo si avvicinò al Buddha e, senza dire una parola, si sputò in faccia. I suoi discepoli erano infuriati.

Ananda, il discepolo più vicino, chiese a Buddha:

– Dammi il permesso di dare a quest’uomo il dovuto!

Buddha si asciugò il viso serenamente e rispose ad Ananda:




– No. Gli parlerò.

E unendo i palmi delle mani in segno di riverenza, disse all’uomo:

– Grazie Con il tuo gesto mi hai permesso di verificare che la rabbia mi ha lasciato. Sono tremendamente grato. Il tuo gesto ha anche dimostrato che Ananda e gli altri discepoli possono ancora essere riempiti di rabbia. Mille Grazie! Siamo molto grati!

Ovviamente, l’uomo non ha dato credito a ciò che ha sentito, si è sentito scioccato e rattristato.

Questa parabola ci mostra cosa significa esattamente ignorare, una parola che spesso ha un significato negativo e che può farci sentire “cattive persone” ignorando gli altri.

Ignorare è semplicemente non lasciare che le parole, gli atteggiamenti e i comportamenti dannosi degli altri facciano ammaccare il nostro equilibrio interiore. Non è necessario ricorrere alla violenza velata o fare cattive azioni, è semplicemente creare uno strato protettivo intorno a te.

Si tratta di imparare a ignorare certe persone in determinati momenti, non è nemmeno necessario allontanarsi da loro perché, dopo tutto, abbiamo tutti luci e ombre. Ignorare non è una forma di vendetta o un modo per far sentire quello inferiore, è solo un modo per proteggersi.

Le 3 situazioni che devi imparare a ignorare

1 . La critica distruttiva. Quando le critiche non intendono aiutarci a migliorare, ma solo per demotivarci o farci sentire inferiori, dovremmo ignorarle. Non lasciare che altre persone ti giudichino senza aver camminato con le scarpe. E tanto meno lascia che le tue critiche ti danneggino.




2 . Azioni sbagliate. Se una persona  fa una cattiva azione, non lasciare che cambi il tuo equilibrio psicologico perché allora avrai raggiunto il tuo obiettivo. Ricorda che solo ciò che conferisci potere può farti del male. Annota le cattive azioni, ristruttura le tue aspettative su quella persona e vai avanti.

3 . Manipolazioni. Alcune persone cercheranno di controllarti attraverso la manipolazione emotiva. È importante che tu ne sia consapevole e che impari a ignorare i commenti che non gradisci.

Costruisci il tuo scudo protettivo attraverso “Accettazione radicale”

Siamo così abituati a reagire che troviamo spontaneo arrabbiarci quando qualcuno fa una brutta azione o ci rattrista quando ci criticano. In effetti, queste reazioni sono normali, né pretendiamo di essere come il Buddha della storia, il problema è quando durano più a lungo di quanto dovrebbero e finiscono per farci del male.

Imparare a ignorare è un processo che richiede formazione, nonché un profondo cambiamento di atteggiamento. Sebbene possa sembrare una contraddizione, per ignorare efficacemente non è necessario confinarsi in se stesso ma piuttosto il contrario: aprirsi completamente al mondo. Una tecnica semplice e molto potente per raggiungere questo obiettivo è “l’accettazione radicale”.