domenica - 28 Febbraio - 2021

Perché il sistema immunitario delle donne le difende meglio dal COVID-19?

Sembra che le donne siano in grado di generare una risposta immunitaria contro SARS-CoV-2 molto più efficace degli uomini.

I dati c’erano, dall’inizio , ma qualcosa è passato inosservato tra tanti altri. Tutti gli studi che includevano serie di pazienti con COVID-19 ci dimostrano che il numero di uomini e donne affetti dalla malattia non era equo. Quindi, per ogni 6 uomini con la malattia c’erano 4 donne.

La cosa più sorprendente è che questa proporzione diventava ancora più evidente  quando le condizioni si aggravano a tal punto da determinare il decesso: 70% dei pazienti che non sopravvivevano erano uomini, mentre solo il 30% dei defunti erano donne. Sembra quindi che le donne siano in grado di determinare una risposta immunitaria molto più efficace contro la SARS-CoV-2 rispetto agli uomini.

Risposta diversa alle malattie infettive

Questa risposta irregolare alle malattie infettive basate sul sesso non è unica per il COVID-19. Lo vediamo anche nella leishmaniosi, nella tubercolosi, nella leptospirosi, nella meningite meningococcica o nell’epatite A , per indicare alcune malattie causate da agenti infettivi. Inoltre, le donne, in generale, ottengono una risposta immunitaria più forte rispetto agli uomini dopo un processo di vaccinazione . Senza dimenticare che ci sono molteplici esempi nel mondo degli animali , dagli uccelli agli invertebrati.

Le ragioni di queste differenze non sono chiare. In linea di principio, tutto indica che dobbiamo considerare i molteplici punti di contatto tra il sistema immunitario e gli ormoni sessuali, nonché le differenze genetiche – e la regolazione genica – tra uomini e donne.

Nel caso del COVID-19, uno studio molto recente condotto presso l’Università di Yale ha esaminato le diverse risposte immunitarie tra uomini e donne, cercando di scoprire quale sia la loro base molecolare. Per questo, sono stati reclutati 98 pazienti con una diagnosi confermata. L’analisi dettagliata di questi pazienti ha rivelato dati molto importanti. Sia gli uomini che le donne avevano una carica virale equivalente, da cui ne consegue che il virus ci infetta e si riproduce equamente in entrambi i sessi.

Per quanto riguarda il livello di anticorpi prodotti, era anche indistinguibile negli uomini e nelle donne. Pertanto, i ricercatori hanno concluso: le differenze sono dovute al sistema immunitario. Cioè, immunità innata o aspecifica e immunità cellulare specifica.

I componenti dell’immunità aspecifica rispondono molto rapidamente, ma fanno lo stesso contro tutti i patogeni. La risposta specifica, invece, impiega alcuni giorni per avviarsi, ed è svolta da elementi che riconoscono esclusivamente quel patogeno, e solo quello.

Ebbene, seguendo questo indizio si è scoperto che gli uomini avevano livelli più alti rispetto alle donne di alcuni componenti solubili (citochine e chemochine) coinvolti nella risposta infiammatoria. Inoltre, negli uomini viene ridotta l’attivazione dei linfociti T, le cellule principali della risposta immunitaria specifica. E negli uomini, ma non nelle donne, la progressiva diminuzione dell’attivazione dei linfociti T è sorprendentemente correlata al peggioramento della malattia.

In età avanzata, la situazione peggiora per gli uomini, perché la diminuzione dell’attivazione delle cellule citotossiche è maggiore. Infine, con l’aumentare degli indici di massa corporea – indicatore dell’obesità -, la malattia acquisisce una prognosi peggiore negli uomini, ma non nelle donne. In sintesi, essere un uomo, con età avanzata e obesità progressiva, implica una prognosi peggiore se SARS-CoV-2 ti attacca.

Al contrario, nel caso delle donne, la gravità è correlata all’aumento delle citochine proinfiammatorie che regolano la risposta aspecifica, in particolare quelle chiamate TNFSF10 e IL15.

Trattare il COVID-19 in modo personalizzato

L’analisi globale di questi dati complessi rivela che la progressione della malattia negli uomini è la conseguenza di una progressiva diminuzione della risposta immunitaria cellulare specifica. Al contrario, nel caso delle donne, la gravità del COVID-19 è associata ad alterazioni nell’altro braccio immunitario, immunità aspecifica. Inoltre, tutto indica che la prognosi sfavorevole nelle donne non è correlata a una risposta ridotta come avviene negli uomini. Al contrario, è legata a un’eccessiva produzione di citochine proinfiammatorie dall’immunità innata. In altre parole, affinché il sistema immunitario sia in grado di eliminare efficacemente il virus, è necessaria una risposta forte ma strettamente coordinata .tra tutte le nostre componenti di difesa. E questa coordinazione è interrotta in modo diverso negli uomini e nelle donne.

Questi risultati potrebbero aiutare a migliorare il trattamento per i pazienti COVID-19. Gli uomini avrebbero bisogno di un potenziamento delle loro specifiche risposte cellulari, mentre le donne trarrebbero beneficio dall’opposto, cioè dal blocco delle citochine pro-infiammatorie innate.

I risultati mostrano, ancora una volta, che dobbiamo curare i malati e non le malattie. Nel caso del COVID-19, sembra che il sesso possa essere un fattore chiave nel protocollo terapeutico che dovrebbe, quindi, orientare diversi approcci terapeutici.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Deliziosi biscotti al limone pronti in 7 minuti senza farina e uova, ideali per i pomeriggi autunnali

La ricetta che vi proponiamo è ideale per tutti coloro che non vogliono rinunciare al dolce ma, allo stesso tempo, vogliono restare in forma:...

8 malattie che possono modificare il colore delle tue urine.

Il colore delle urine può cambiare a causa dell'ingestione di determinati alimenti o medicinali e pertanto nella maggior parte dei casi non è un...

Coronavirus, non solo decessi e malati: adesso molti italiani non hanno i soldi per mangiare

Crisi coronavirus: le varie drammatiche facce della stessa medaglia. Ormai tutti lo sappiamo. Non possiamo aprire giornali, televisioni, social che non si parla di altro. E’...

Lupini meglio dei farmaci: il loro effetto sulla salute è sorprendente

I lupini, ricchi di proteine, potrebbero essere utilizzati in futuro per contrastare il diabete: recenti test hanno dimostrato la loro capacità di regolare il...

Vaccino Covid Romania: 4.000 positivi dopo la 1a dose e 446 dopo la 2a

In tutta Europa si è avviata la campagna di vaccinazione ma non tutti hanno riscontrato la totale o quasi copertura di quest'ultimo. In Romania, è...

Chi sono i soggetti che possono ottenere l’assegno di accompagnamento INPS di 938,35 euro mensili nel 2021

L'indennità di accompagnamento è una prestazione economica, erogata a domanda, in favore dei soggetti mutilati o invalidi totali per i quali è stata accertata...