venerdì - 23 Ottobre - 2020

Ora gli esami diagnostici si faranno dal medico di famiglia

Ci saranno grandi cambiamenti in arrivo per quanto riguarda le prestazioni specialistiche ed esami diagnostici di qualsiasi genere che si potranno effettuare presso il proprio medico di base

Si annunciano grandi novità in arrivo che saranno sicuramente apprezzate dai pazienti; presso il proprio medico di famiglia infatti, si potranno trovare spirometri, dermatoscopi, elettrocardiografi, utili per ottenere una diagnosi precoce senza recarsi in centri specializzati ma, direttamente dal proprio medico di base.

Quali esami diagnostici si potranno fare presso il proprio medico d famiglia?

L’elenco è molto vasto…Potrete effettuare l’holter, l’elettrocardiogramma, il BPCO, la dermoscopia, la spirometria e altro ancora. Ci sarà del personale specializzato presso ciascun medico di base che effettuerà i dovuti controlli tra quelli elencati.

Attualmente questa realtà non sembra così tanto lontana: già ora 2 dottori su 10, infatti, usano lo spirometro ed elettrocardiografo nei loro studi.

Massimo Magi, coordinatore del progetto afferma: «In generale, ben 8 su 10 utilizzano o sono interessati a impiegare dispositivi diagnostici nei loro studi»

Un iniziativa che non piace a tutti

L’iniziativa non ha raccolto attualmente molti consensi e fa discutere molto.

Il Governo è pronto a stanziare 235 milioni di euro per l’acquisto di apparecchiature sanitarie da parte dei medici di base.

E’ una riforma che cambierebbe la visione della sanità pubblica, dando la possibilità di effettuare esami diagnostici di base dal proprio medico o a dirittura, anche presso il proprio domicilio.

Pazienti felici e dottori pagati di più

Se la riforma sarà attuata in tutte le regioni, come previsto dal Ministero della Sanità, i pazienti potranno beneficiare di visite specialistiche senza pagare nessun costo e i dottori riceveranno un compenso economico in più in busta paga.

Il Governo è pronto a stanziare 235 milioni di euro per l’acquisto di apparecchiature sanitarie da parte dei medici di base, quindi, cosa aspettano le regioni ad attuare il piano proposto?

Prima regione al dare il via al progetto: la Puglia

Lo scopo di questo progetto mira a fare più prevenzione possibile. Si potrà verificare, ad esempio, se si è affetti da broncopolmonite tramite l’esame che effettuerà il medico stesso presso il proprio domicilio.

Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg afferma: “Da tempo ci spendiamo affinché la medicina di famiglia possa essere dotata di un pacchetto modulabile di strumenti diagnostici che possano integrare l’intelligenza artificiale, la digitalizzazione e la telemedicina, a seconda delle esigenze del singolo professionista e della forma associativa secondo la logica del micro-team professionale.

La sperimentazione voluta dal ministro Roberto Speranza dovrebbe partire dalla Puglia. Il microteam composto dal medico, dall’infermiere e dal collaboratore di studio sono già realtà nella nostra regione.  Gruppi di lavoro di questo tipo esistono infatti già dal 2007, quando introducemmo 2.000 collaboratori e 700 infermieri sono all’interno degli studi di medicina generale».

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Parla il figlio di Corona: «Papà non ha il Covid, mi picchia e mi dà psicofarmaci»

Una videochiamata alla mamma Nina Moric in cui Carlos Corona, 18enne figlio di Fabrizio Corona, parla del padre, parla in lacrime mettendo in evidenza...

Separati dal Coronavirus dopo 53 anni di matrimonio, marito e moglie muoiono mano nella mano

Storia davvero molto commovente quella raccontata su diverse riviste internazionali che hanno come protagonista Betty e Curtis, marito e moglie, separati per sempre dal...

Bimba finisce 8 volte in ospedale ma per i dottori era sana: nessun medico si è accorto del suo tumore

“Per sette mesi mia figlia è stata senza alcun trattamento, è semplicemente orribile. Abbiamo scoperto la malattia solo perché ero consapevole che non stava...

Il Papa dice si: «Favorevole alle unioni civili per le coppie omosessuali»

Arriva la conferma da parte di Papa Francesco che in un documentario mostrato alla Festa del Cinema di Roma ha dichiarato: «Gli omosessuali sono...

Ecco quali sono le 5 cose, suggerite dai medici, da non fare mai dopo aver mangiato perchè molto dannosi per la salute

Cattive abitudini eseguite dopo pranzo possono mettere a repentaglio la salute, pertanto, sarebbe opportuno evitarle per salvaguardare il nostro benessere. Scopriamo insieme quali cattive...

Al Policlinico Gemelli di Roma il primo farmaco per il tumore più aggressivo e silente che esiste: il tumore al pancreas

Novità in campo della medicina. Arriva al policlinico di Roma il primo farmaco per il tumore al pancreas, uno dei tumori più silenti e...