La donna che “è morta” per 27 minuti scrive ciò che ha visto nell’aldilà


 

Vi raccontiamo la storia di una donna americana che, dopo 27 minuti di decesso, si è risvegliata e ha voluto raccontare al mondo intero quello che ha visto nell’aldilà.

Si è parlato tanto di questa donna americana “morta” per 27 minuti, poi resuscitata che ha rivelato ciò che ha visto nell’aldilà .

La vita oltre la morte esiste: ecco il racconto di questa donna

Hai mai sentito parlare di un’esperienza pre-morte o (NDE)?

Il termine esperienza pre -morte (o NDE ) si riferisce a una serie di visioni e sensazioni spesso associate a situazioni di morte imminente, le più note delle quali sono la proiezione della coscienza (chiamata anche “proiezione astrale“, “esperienza esterna del corpo“,”sviluppo spirituale“,”emancipazione dell’anima“), la “sensazione di serenità“e l ‘”esperienza del tunnel “.

Questi fenomeni sono generalmente riportati dopo che la persona è stata dichiarata clinicamente morta o molto vicina alla morte.

L’esperienza è stata vissuta da Tina Hines h e sua nipote, Madie Johnson, ha deciso di condividere sui social network ciò che Tina ha riportato al risveglio.

La sua storia è troppo reale per essere condivisa e mi ha dato più fiducia in una fede che spesso non può essere vista“, ha scritto Madie.

La storia di Tina che ha vissuto nell’aldilà per poco

Sua zia, di Phoenix, negli Stati Uniti, si stava preparando a scalare una montagna, con suo marito quando è caduta all’improvviso.

Diventò cianotica ben presto e suo marito ha riferito che non respirava più.



Suo marito, Brian Hines, è riuscito a rianimare sua moglie poco prima che i paramedici arrivassero sul posto.

Ma mentre si recavano in ospedale, la donna ha subito diversi attacchi di cuore.

In totale, l’abbiamo defibrillato tre volte sul posto e due volte sulla strada“, ha detto uno dei pompieri di Phoenix.

Non avevo mai defibrillato qualcuno così tante volte.”

Miracolosamente, Tina Hines, una madre di quattro figli, si svegliò e chiese immediatamente di scrivere il seguente messaggio: “È reale“, disse indicando il cielo con le lacrime agli occhi.

Ha aggiunto: “Era così reale, i colori erano così vibranti“, ha detto la donna, riferendosi alla sua visione.

Afferma che Gesù era in piedi davanti a porte nere e con un bagliore dorato dietro di lui.

Ecco perché Madie ha deciso di tatuarsi tutto ciò, per avere un ricordo permanente del viaggio di sua zia Tina nell’aldilà.

Il tatuaggio che rappresenta la vita olttre la morte

L’artista che ha fatto il tatuaggio, Suede Silver, ha condiviso una foto del suo lavoro su Facebook, accompagnata dalla storia che lo giustifica.

Da allora, questo post è stato condiviso più volte e ha raccolto migliaia di reazioni e commenti da parte di persone che affermano di aver avuto simili esperienze pre-morte.

Incredibile, vero?

Secondo uno studio del fenomeno, pubblicato nel 2013 negli Atti della National Academy of Science degli Stati Uniti , è emerso che alti livelli di onde cerebrali presenti nei ratti al momento della morte potrebbero spiegare questo tipo di esperienza descritta dai sopravvissuti.

Molte persone pensano che il cervello, dopo la morte clinica, sia inattivo o ipoattivo, con meno attività dello stato di veglia.

“Tuttavia, abbiamo dimostrato che questo non è assolutamente un caso isolato e unico “, ha spiegato il dott. Jimo Borjigin, autore principale dello studio.

In effetti, [il cervello] è più attivo durante il processo di morte che nello stato di veglia“.