giovedì - 29 Ottobre - 2020

Gastrite nervosa, causata da stress e nervosismo. Ecco come curarla prima che diventi cronica

Vuoi curare la gastrite nervosa? C’è chi afferma che questa malattia è cronica e, quindi, non c’è altra scelta che conviverci per tutta la vita. Altri affermano che i loro sintomi sono totalmente transitori. La verità è che alcuni semplici atteggiamenti, e cambiando alcune abitudini, possono risolvere questo problema.

Che cos’è la gastrite nervosa?

Come spiega VIX , il chirurgo digestivo Amir Charruf dell’ospedale Moriah di San Paolo, la gastrite nervosa è quel tipo di gastrite causata dallo stress. Il batterio Helicobacter Pylori è solitamente responsabile della gastrite comune, ma non è questo il caso della gastrite da ansia. In questo caso, lo stato di stress corporeo provoca sbalzi d’umore che causano una maggiore segregazione di acido nello stomaco, che diminuisce il volume della mucosa, il rivestimento naturale dello stomaco, creando infiammazione.

Lo stress fa sì che alcune persone alterino negativamente le loro abitudini alimentari, trascorrendo troppe ore senza mangiare, mangiando troppo contemporaneamente o consumando grandi quantità di cibi ricchi di grassi e zuccheri. Tutto ciò crea una situazione favorevole allo sviluppo della gastrite. Inoltre, l’uso di farmaci che indeboliscono lo stomaco , ad esempio gli antinfiammatori, facilita anche l’emergere del problema.

Quali sono i  sintomi?

Secondo il chirurgo, questi sono i principali sintomi della gastrite :



-forte dolore e bruciore nella fossa dello stomaco, principalmente dopo aver mangiato,
-sentirsi pieno, anche se è stata consumata una piccola porzione di cibo,
-nausea, vomito,
-perdita di appetito,
-difficoltà digestive
-gastrite
La malattia può essere diagnosticata solo da un gastroenterologo. Di solito non sono necessari troppi esami, poiché il rapporto sui sintomi è sufficiente per determinare la diagnosi. Quando il trattamento della gastrite non produce una risposta, è necessaria un’endoscopia digestiva per escludere la possibilità di altre malattie.

Come si cura?

Il trattamento della gastrite nervosa è più semplice dei casi gravi di ansia e depressione, che richiedono cure mediche e psicologiche professionali da trattare. Ma, a differenza del trattamento della gastrite comune, devi controllare maggiormente ciò che mangi: devi cambiare completamente il tuo stile di vita. Come spiega il sito PsicoActiva , è importante trattare questo problema il prima possibile, poiché se non viene curato in tempo, potrebbe portare a gastrite cronica .

1. Controlla lo stress

Poiché questo tipo di gastrite è strettamente correlato a stress, ansia e sbalzi d’umore, devi imparare a gestire meglio le situazioni stressanti per iniziare la ricerca di uno stomaco più sano.



La prima cosa è consultare un gastroenterologo. Dopo la diagnosi e il trattamento raccomandati da questo professionista, è meglio fare una terapia psicologica o consultare uno psichiatra. Queste sono misure importanti per organizzare una tranquilla routine quotidiana.

Inoltre, è consigliabile iniziare l’esercizio, andare a lezioni di yoga, meditare o andare a sessioni di agopuntura o altre terapie alternative che aiutano a far fronte allo stress e alle situazioni difficili.

2. Cambia le tue abitudini

Cambiando le tue abitudini, potrai  risolvere il problema. Lascia da parte i vizi: le sigarette e l’alcool irritano il rivestimento dello stomaco e dovrebbero essere evitati.

3. Cambia la tua dieta

Scegli una dieta sana e leggera . Frutta, verdura, legumi, cereali, carboidrati interi e carni magre dovrebbero essere inclusi nel menu, poiché sono una fonte di fibre e proteine, oltre ad avere proprietà antiossidanti, eccellenti per aiutare a recuperare la mucosa dello stomaco. Lo yogurt, inoltre, essendo un probiotico, faciliterà la digestione e migliorerà il tuo umore . Per quanto riguarda la carne, evita le fritture: scegli la versione cotta, arrosto o grigliata.

Tuttavia, alcuni alimenti causano disagio nella maggior parte delle persone, poiché sono noti per irritare le pareti dello stomaco:



-cibi fritti,
-cibi piccanti,
-alimenti industriali in scatola,
-caffè,
-cioccolato,
-alcuni tipi di tè, come il nero o il verde, oltre al compagno,
-pepe,
-dolci e carboidrati raffinati in eccesso,
-pasta,
-salsa di pomodoro.

Si discute se raccomandare o meno il consumo di agrumi per i pazienti con gastrite nervosa: da un lato, alcuni sostengono che l’acidità di questi alimenti influenzerebbe la mucosa gastrica (il chirurgo Amir Charruf concorda con questa idea); dall’altra, la nutrizionista Gabriela Reis spiega che non esiste alcuna relazione tra l’acidità degli agrumi e l’indebolimento della mucosa, poiché non esiste cibo più acido dello stomaco stesso.

Fai attenzione alle dimensioni delle porzioni: mangiare troppo espande lo stomaco e, di conseguenza, espanderà le ferite della mucosa. Ma cerca anche di evitare il digiuno: passare troppo tempo senza mangiare peggiora anche la situazione. Abituati a mangiare uno spuntino ogni tre ore: frutta, verdura, biscotti leggeri o tè leggero (come la foglia di limone).

4. Prendi i farmaci

Secondo il chirurgo, quando non vi è alcun miglioramento dei sintomi attraverso gli altri tre trattamenti, è necessario ricorrere a farmaci che riducono la secrezione acida dello stomaco , che è ciò che fa male al suo rivestimento. Possono anche essere prescritti farmaci che fungono da barriera per la protezione della mucosa gastrica.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Le 15 patologie cardiache a cui l’INPS riconosce la pensione di invalidità civile

Nelle moderne democrazie si è affermato da tempo il principio della protezione dei cittadini affetti da minorazioni fisiche o psichiche. Un obiettivo solennemente affermato...

11 esercizi efficaci più dei farmaci per alleviare il dolore da artrite

L'esecuzione quotidiana di questa routine può aumentare la forza e migliorare il disagio causato dall'artrite, una malattia che colpisce le articolazioni del corpo. L'artrite reumatoide...

Aspirina dimezza rischio di morire per COVID nei pazienti ricoverati: “Nuove speranze, cauto ottimismo”

Covid e la lotta per sconfiggerlo: ricercatori di tutto il mondo sono alla continua ricerca di farmaci che possano bloccare o alleggerire le conseguenze...

Covid, 100 scienziati scrivono a Mattarella e Conte: «Misure drastiche in 2-3 giorni o ci sarà una strage»

Sono 100 gli scienziati che si sono rivolti a Mattarella e a Giuseppe Conte, per far emergere una situazione preoccupante e potrebbe diventare fuori...

L’atteggiamento è contagioso: circondati di chi tira fuori il meglio di te

  Il nostro atteggiamento rappresenta una percentuale molto alta della capacità di influenzare ciò che ci accade. E’ necessario proteggerla da chi cerca di sminuire...

7 semplici modi per fermare un attacco di ansia velocemente!

L'ansia è un problema estremamente comune oggi, che colpisce 40 milioni di adulti . Mentre l'ansia occasionale non è insolita, l'ansia cronica può peggiorare...