domenica - 25 Ottobre - 2020

Emicrania oculare: il mal di testa accompagnato da disturbi visivi. Come trattarla e quando rivolgersi ad un medico

Se soffri di  emicrania, sai che esistono forti  differenze tra mal di testa ed emicrania .Ma sapevate che esistono diversi  tipi  di emicrania che possono variare notevolmente in base a sintomi, gravità e frequenza?

Le emicranie sono generalmente divise in due tipi: emicrania con aura ed emicrania senza aura“, afferma il chirurgo oculista con sede a Nashville.

L’aura include diversi sintomi visivi: vedere onde, stelle, zig-zag, lampi di luce o persino punti mancanti nella vista. In media, questi sintomi possono durare da cinque a 60 minuti, spiega il Dr. Wang. Le Aure in genere appaiono all’improvviso, durano per un breve periodo e poi vanno via“, aggiunge. “Possono verificarsi con o senza mal di testa. I malati di emicrania senza aura non hanno alcun sintomo visivo, solo il mal di testa.”

Ma uno dei tipi di emicrania più allarmanti è l’emicrania oculare: i tuoi occhi avvertono gli effetti più di ogni altra cosa. (Questo non vuol dire che non avrai anche mal di testa, però).

Questo tipo di emicrania potrebbe spaventare chi ne è affetto.

Che cos’è un’emicrania oculare?

Un’emicrania oculare è un mal di testa che è accompagnato da disturbi visivi (zig-zag, lampi di luce, ecc.), Secondo la  Mayo Clinic . Ma un’emicrania oculare è diversa da un’emicrania con aura, afferma il Dr. Wang. “Una vera emicrania oculare è rara ma particolarmente fastidiosa”. Come suggerisce il nome, le emicranie oculari colpiscono l’occhio.




Esatto, in genere è coinvolto solo un occhio, afferma  Ajeet Sodhi MD , neurologo e direttore del Neuro Critical Care presso il California Institute of Neuroscience. “I sintomi possono includere una perdita parziale o completa della vista dell’occhio interessato, mal di testa, nausea, vomito e sensibilità alla luce e al suono. In definitiva, i sintomi si risolvono senza deficit permanenti“, spiega il dott. Sodhi.

Perché alcune persone non soffrono di mal di testa con emicrania oculare?

Non c’è una predisposizione per delle persone piuttosto che per altre di soffrire di questo disturbo. Potrebbe coinvolgere chiunque.

Quanto sono comuni le emicranie oculari?

Nel complesso, le emicranie colpiscono 39 milioni di persone negli Stati Uniti e 1 miliardo di persone in tutto il mondo (ovvero circa il 10-13% delle persone), secondo la  Migraine Research Foundation .

Circa il 25 percento di tutti i malati di emicrania soffre di emicrania con aura, afferma il dott. Sodhi. Ma l’  incidenza dell’emicrania oculare è molto meno frequente , aggiunge. “Molte persone che soffrono di emicrania oculare non si rivolgono al medico, poiché i sintomi tendono a risolversi spontaneamente senza trattamento”, spiega.

Le emicranie oculari sono così rare che la frequenza non è descritta“, conferma il Dr. Wang. “Molto, molto meno dell’1 percento della popolazione soffre di emicrania oculare.”  Sebbene siano relativamente rari, l’emicrania oculare può colpire chiunque, compresi quelli che già soffrono di emicrania in generale, osserva il dottor Wang.

Emicranie di qualsiasi tipo (comprese le emicranie oculari) possono verificarsi per una serie di motivi. Di solito sono provocati dallo stress, spiega il Dr. Wang. “I fattori scatenanti più comuni sono lo stress, i riflessi di luce, alcuni sapori o odori, i cambiamenti climatici o gli ormoni“, afferma. “Incoraggio i pazienti a tenere un diario e vedere se possono collegare ciò che accade nella loro vita quando sperimentano un’emicrania per vedere se sono in grado di determinare un fattore scatenante”.




Alcuni fattori possono aumentare le possibilità di sperimentare emicranie in generale, così come emicranie oculari, tra cui disidratazione, basso livello di zucchero nel sangue, calore eccessivo e altitudine, aggiunge il dott. Sodhi.

Quando è necessario consultare un medico

Se sospetti di avere un’emicrania di qualsiasi tipo, oculare o di altro tipo, dovresti rivolgerti al tuo medico, afferma il Dr. Wang. “Un medico di base può curarli e spesso li curerà con successo“, spiega. “Un neurologo è una buona risorsa e fonte di trattamento per casi più gravi.

L‘emicrania oculare, in particolare, viene di solito diagnosticata dopo una risonanza o Tac e la valutazione da parte di un neurologo, spiega il dott. Sodhi. “La valutazione è molto importante al fine di escludere condizioni pericolose che possono essere simili alle emicranie come ictus, infiammazione, tumori cerebrali o altri gravi problemi medici“, afferma. “La diagnosi e il trattamento variano da persona a persona e ogni paziente deve collaborare con il proprio medico per creare un piano di trattamento che sia il migliore di altri.”

Se si verificano sintomi neurologici, come vertigini, debolezza o linguaggio confuso, con mal di testa, è meglio consultare un medico immediatamente, in grado di valutare i sintomi e potenzialmente indirizzarti a uno specialista, come un neurologo, un oculista , a seconda dell’esatta presenza dei sintomi, spiega il Dr. Wang. In generale, “i pazienti dovrebbero consultare un neurologo per emicranie frequenti o gravi o per sintomi di emicrania che non si risolvono da soli”, aggiunge il dott. Sodhi.

Come vengono trattate le emicranie oculari?






Il trattamento per l’emicrania, in generale, può includere farmaci (come i beta-bloccanti per ridurre la pressione sanguigna, basse dosi di alcuni farmaci per l’epilessia, nonché antidolorifici da banco per sintomi meno gravi),  iniezioni , cambiamenti nello stile di vita (compresi dieta, sonno ed esercizio fisico) e  allenamento progressivo di rilassamento muscolare, che spesso fornisce un sollievo immediato, spiega il dott. Sodhi.

Per quanto riguarda le emicranie oculari, in particolare, sia il Dr. Sodhi che il Dr. Wang affermano che il trattamento dipende fortemente dai sintomi di una persona. Ancora una volta, il trattamento non è nemmeno necessario, poiché i sintomi dell’emicrania oculare tendono a risolversi da soli, spiega il dott. Sodhi.

In termini di ricerca di sollievo per le emicranie oculari: “Chiudere e riposare gli occhi può aiutare, oltre a evitare la luce blu e intensa e gli schermi tecnologici“, afferma il dott. Sodhi.

In alcuni casi, i farmaci anti-nausea e / o i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, possono fornire anche sollievo, aggiunge il dott. Sodhi.

Naturalmente, se si verifica un’improvvisa perdita della vista in un occhio o entrambi o eventuali sintomi preoccupanti che non si sono mai verificati prima, si consiglia di consultare un medico al più presto per escludere una condizione più grave come un ictus o ischemia, che entrambi richiedono cure mediche immediate.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Separati dal Coronavirus dopo 53 anni di matrimonio, marito e moglie muoiono mano nella mano

Storia davvero molto commovente quella raccontata su diverse riviste internazionali che hanno come protagonista Betty e Curtis, marito e moglie, separati per sempre dal...

Coronavirus: “Il mio vicino è in casa con più di sei persone”. E gli manda i carabinieri

Da quando il Presidente Conte ha introdotto nel nuovo DPCM la restrizione di non poter invitare in casa amici e parenti, limitando gli incontri...

Perugia, dopo 20 anni scopre che i figli non sono suoi: l’ex moglie dovrà risarcirlo con 150 mila euro

Dramma per un imprenditore umbro che, dopo 20 anni ha scoperto di aver mantenuto, cresciuto ed amato dei figli che in realtà non erano...

Ti trema l’occhio? Scopri i suoi significati spirituali nascosti di buoni e cattivi presagi

Mentre ci sono problemi di salute che giustificano contrazioni involontarie delle palpebre, ci sono anche spiegazioni spirituali che vengono discusse raramente, legate a questo...

Un nuovo esame del sangue può prevedere il rischio di morte fino a 10 anni prima con una precisione dell’80%

Gli scienziati hanno stilato un indice di 14 biomarcatori che includono diversi aminoacidi, livelli di colesterolo buono e cattivo, bilancio degli acidi grassi e...

Prurito costante sul nostro corpo? può essere il campanello d’allarme del tumore o di altre patologie

  Hai un prurito costante che non capisci da quale causa possa derivare? Hai escluso eventuali allergie al bagno schiuma che usi o all'ammorbidente dei...