Tumore allo stomaco, il sintomo principale può presentarsi dopo mangiato


Il cancro allo stomaco è una malattia estremamente pericolosa, la cui individuazione precoce è sempre facile. Il dolore addominale e la nausea possono essere segni di gastrite o ulcera allo stomaco, e non sempre le persone con queste problematiche possono sospettare qualcosa di più serio. E in molti casi, il cancro allo stomaco inizia in modo completamente asintomatico. Per proteggersi da una grave malattia, è necessario sottoporsi regolarmente a gastroscopia e abbandonare cattive abitudini e cibi pesanti.

Qualsiasi cellula che riveste la parete dello stomaco dall’interno può subire degenerazione maligna. Un tumore canceroso è in grado di formare una proliferazione o ulcera sulla membrana interna di un organo o penetra attraverso tutti gli strati della parete gastrica. Il tipo più comune (oltre il 95%) di cancro allo stomaco è l’adenocarcinoma.

In genere, il cancro allo stomaco si sviluppa nelle persone di età compresa tra 50 e 70 anni. Di norma, questo tumore colpisce gli uomini.

Il cancro allo stomaco è uno di quei tumori che si sviluppa lentamente negli anni. Prima che il cancro si sviluppi, passa molto tempo durante il quale, spesso, si verificano cambiamenti nel rivestimento interno dello stomaco. Ma i primi sintomi sono davvero vaghi ed è difficilissimo associarli al cancro. Tuttavia c’è un sintomo importante del cancro allo stomaco e ha a che fare con la digestione.

Se dopo i pasti ti succede questa cosa, faresti meglio a correre dal medico. Sentire un senso di pesantezza dopo aver mangiato ma anche bruciori di stomaco sono segnali che non vanno trascurati. Anche aria nello stomaco, bisogno di eruttare, sensazione di sazietà dopo i pasti e dolore continuo allo stomaco sono altri segnali che vi devono spingere ad andare dal medico. Ma chi sono i soggetti più a rischio? Gli uomini oltre i 55 anni, le persone che fumano, chi segue una dieta con poche fibre, chi assume troppo sale e chi ha un’infezione allo stomaco.

Certi alimenti, poi, contribuiscono allo sviluppo della malattia. Quali?

Alimenti conservati mediante salatura come verdure in salamoia o pesce essiccato; carne lavorata (prosciutto, pancetta, salame); alimenti ricchi di sale. Gli esperti suggeriscono anche di ridurre il consumo di alcol, mantenere un peso nella media, essere fisicamente attivi quindi no alla vita sedentaria. “Con ciò che mangi – hanno detto gli esperti – puoi aumentare o diminuire le possibilità di sviluppare il cancro allo stomaco”, ha spiegato il Servizio sanitario inglese. Ma quali sono i sintomi da non sottovalutare? Continua a leggere dopo la foto

Senso di pesantezza, mancanza di appetito, perdita di peso inspiegabile, bisogno di eruttare, bruciore di stomaco, sensazione di pienezza subito dopo aver mangiato, gonfiore, dolore allo stomaco e allo sterno, sensazione di malessere, difficoltà a deglutire. Chi ha questi sintomi che non passano deve rivolgersi subito al medico. Il cancro allo stomaco, come tanti altri tumori, è più facile da trattare se diagnosticato precocemente.