sabato - 24 Ottobre - 2020

Coronavirus o influenza? scopriamo le differenze prima della riapertura delle scuole e dell’autunno

 

Immagine: Facebook

Con la riapertura delle scuole e l’arrivo della stagione autunnale, le malattie respiratorie come l’influenza, potranno essere confuse con il Coronavirus, generando panico e caos ovunque: in famiglia, in classe, a lavoro.

Imparando a differenziare i sintomi dell’influenza e del Coronavirus, potremmo evitare di correre dal medico ogni qual volta c’è tosse o cola naso.

Sintomi di influenza e di Covid 19.

Come già spiegato da tutte le maggiori organizzazioni sanitarie mondiali, tra cui il CDC americano (Center for Disease Control and Prevention), ovvero il centro specializzato nel controllo e nella prevenzione delle malattie infettive, i principali sintomi di un’infezione da Covid-19 sono la febbre, la tosse, le difficoltà respiratorie, la stanchezza, il naso che cola, il mal di gola, il mal di testa, i dolori muscolari e il vomito o diarrea, soprattutto nei bambini.

L’influenza ha un periodo medio di incubazione più breve (dall’infezione alla comparsa dei sintomi) e un intervallo seriale più breve (il tempo tra i casi successivi) rispetto al virus SARSCoV2 che causa COVID-19. L’intervallo seriale per il virus SARSCoV2 è stimato in 5-6 giorni, mentre per il virus dell’influenza, l’intervallo seriale è di 3 giorni. Ciò significa che l’influenza può diffondersi più velocemente di COVID19.

I sintomi sono ricollegabili anche a una normale influenza di stagione e, per questo motivo, bisogna allarmarsi soltanto quando si manifestano insieme, ma stando molto attenti all’ordine in cui compaiono, perché potrebbe essere decisivo nella diagnosi. In ogni caso, per stare tranquilli, sarà importante confrontarsi subito col proprio pediatra ed evitare di prendere decisioni da soli, come il ricorrere subito all’automedicazione con sciroppi o medicinali antipiretici.

Secondo uno studio della University of Southern California, infatti, l’infezione da Covid-19 è caratterizzata da un preciso ordine di disturbi, ovvero la febbre, la tosse, i dolori muscolari, la nausea con conseguente vomito o diarrea e la perdita di olfatto e gusto. Quando, invece, si tratta di influenza, il primo sintomo che solitamente si manifesta è la tosse, seguita da altri sintomi e, soprattutto, dalla febbre che, a differenza del coronavirus, compare in un secondo momento.

Un’altra differenza individuata da questo studio è la nausea : infatti in caso di influenza intestinale colpisce prima il tratto gastrointestinale superiore, mentre in caso di Covid-19 quello inferiore. Inoltre, nel caso di coronavirus si manifestano contemporaneamente anche febbre e difficoltà respiratorie. Quindi, se il vostro bambino prima vomita è probabile che si tratti di influenza, mentre se viene colpito da scariche di diarrea, febbre e tosse, il caso è più dubbio ed è quindi consigliabile sentire immediatamente il pediatra.

In definitiva, il fattore decisivo per capire se si tratta di influenza o coronavirus è la comparsa dei primi due sintomi, ovvero febbre e tosse. Se nel vostro bambino di manifesta subito la febbre e solo in un secondo momento la tosse, allora è possibile che si sia infettato; se, invece, è la tosse a comparire come primo sintomo, è probabile che si tratti di una normale influenza.

✳️ In the past 24 hours, 5 new countries / territories reported #COVID19 cases: #Colombia #HolySee #Peru #Serbia #Togo …

Pubblicato da Melvin J. Sanicas su Sabato 7 marzo 2020

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Dormi con i capelli raccolti? Smetti di farlo, è molto pericoloso

Tutte le ragazze si preoccupano molto di come appaiono i loro capelli e questo si basa fondamentalmente sul fatto che è una parte molto...

Il Papa dice si: «Favorevole alle unioni civili per le coppie omosessuali»

Arriva la conferma da parte di Papa Francesco che in un documentario mostrato alla Festa del Cinema di Roma ha dichiarato: «Gli omosessuali sono...

L’INPS concede un assegno di invalidità di 515 euro al mese per queste 3 patologie del sangue

Nessuno di noi vorrebbe ammalarsi ma, quando accade, è importante non sentirsi soli ed abbandonati. Per questo motivo il Governo offre un piccolo sostegno...

Ritorna l’autocertificazione per spostarsi in alcune regioni: scarica qui il modello

Il Coronavirus sta piombando nuovamente nelle nostre vite, dopo un estate apparentemente tranquilla e la situazione in Italia sembra peggiorare giorno dopo giorno. Le...

Il sovrappeso e l’obesità compromettono la tua salute e i soggetti vivono meno

Il sovrappeso e l'obesità possono aumentare il rischio di sviluppare determinati problemi di salute e possono essere collegati ad alcuni problemi emotivi e sociali. QUALI...

Un nuovo esame del sangue può prevedere il rischio di morte fino a 10 anni prima con una precisione dell’80%

Gli scienziati hanno stilato un indice di 14 biomarcatori che includono diversi aminoacidi, livelli di colesterolo buono e cattivo, bilancio degli acidi grassi e...