martedì - 27 Ottobre - 2020

Colite: cause e rimedi naturali per questo problema. Cibi si e cibi no

La colite può rappresentare un problema molto fastidioso e chi ne soffre potrà ben comprendere di cosa stiamo parlando: convivere quotidianamente con dolori addominali, defecazione mista tra stipsi e diarrea, nausea, vomito, mal di stomaco, non è facile. Ecco alcuni rimedi indicati per voi

Avete sicuramente più volte usato o sentito dire il termine colite ovvero si intende una infiammazione che colpisce il colon, ovvero il secondo tratto dell’intestino crasso. Come riferisce Wikipedia, i sintomi possono essere molteplici, tra cui dolore addominale, talvolta attenuato dalla defecazione, o variazione di consistenza delle feci. Tra i sintomi intestinali associati ricordiamo l’alitosi, la sensazione di bruciore in bocca o in gola, il sapore sgradevole di amaro e la difficoltà nella deglutizione (tutti sintomi normalmente legati alla pressione esercitata dell’intestino contro lo stomaco con la conseguente fuoriuscita verso l’esofago dei succhi gastrici), nauseavomito, il senso di sazietà precoce, mal di stomaco, borborigmi intestinali, e infine i dolori all’ano e al perineo.

Colite: una fastidiosa infiammazione con conseguenze

Un fastidio che può manifestarsi in sporadiche occasioni ma che può anche diventare un vero e proprio problema che se non curato può portare ad un’altra serie di problematiche.

La colite, ovvero l’infiammazione del colon ossia l’ultima porzione d’intestino adibita ad assorbire i nutrienti ed eliminare gli scarti, si presenta con forte dolore addominale e gonfiore, meteorismo, seguito da stipsi o diarrea, stanchezza e disturbi digestivi. Se ne imputano le cause all’ansia, allo stress ed alla cattiva alimentazione. Se non curata può comportare debolezza cronica, perdita di peso, anemia.

Colite: alimentazione

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale sulla cura della colite. Alcuni alimenti la possono rendere cronica mentre altri, possono aiutare a risolverla. Sarebbe opportuno, grazie all’aiuto di un nutrizionista, valutare se si hanno intolleranze alimentari che possono aggravare la patologia.

 

Solitamente ad esempio si sconsiglia il frumento, i latticini, la carne rossa che andrebbero sostituiti con  la carne bianca, il pesce, i cereali integrali, frutta e verdura sì ma con eccezioni.

Dunque no a: i kiwi, le prugne, le ciliegie, le banane, le fave, gli asparagi, la zucca, i peperoni, le melanzane, il caffè, gli insaccati e i porri che sono alimenti sconsigliati mentre sono ok invece lattuga, zucchine, patate, miele e yogurt.

Altri alimenti che possono acuire i sintomi:

  • alcol
  • caffeina
  • bevande gassate
  • latticini (nei casi d’intolleranza al lattosio)
  • fagioli, piselli, fave e in generale legumi secchi
  • frutta secca, di bosco, con polpa o semi
  • cibi contenenti zolfo o solfati
  • cibi con molta fibra, inclusi i prodotti in grano integrale
  • salse piccanti, pepe
  • noci e frutta secca, gli oli e i burri che se ne estraggono
  • popcorn
  • prodotti contenenti sorbitolo (gomme e caramelle senza zucchero)
  • verdure crude
  • zucchero bianco raffinato
  • semi
  • cibi piccanti e speziati
  • cioccolata
Colite: rimedi naturali per questo problema

Si consiglia di assumere come rimedio naturale alla colite i fermenti lattici, i lattobacilli ad esempio, con frequenza giornaliera ma anche di bere tisane a base di malva, coriandolo, tiglio, menta, anice, aneto, altea, melissa, achillea, camomilla cumino o finocchio che hanno la funzione di ridurre il gonfiore, gli spasmi e d’infondere relax nel caso si tratti di colite nervosa.

In alternativa a ciò possiamo ricorrere ai Fiori di Bach o all’argilla verde ventilata di cui si berrà l’infuso (un cucchiaino in un bicchiere d’acqua che deve riposare circa tre ore) oppure all’acqua del riso bollito che va bevuta nell’arco della giornata.

Rimedi con farmaci

Tra i farmaci spesso prescritti per il trattamento della colite si prevede la somministrazione di antibiotici e antinfiammatori non steroidei (FANS) come la mesalazina (Asacol) o i suoi derivati; azatioprina o simili immunosoppressori; steroidi come il prednisolone e il prednisone; uno o alcuni dei numerosi medicinali che alleviano l’infiammazione e il dolore (butilscopolamina). Dal momento che si tratta di una condizione cronica, la colite richiede un trattamento palliativo, più che una cura.

Alla chirurgia si ricorre soltanto se l’infiammazione è costante, specialmente in caso di colite fulminante.

Fonte consultata: Wikipedia

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Briatore replica a Galli: “Non si muore solo di virus. Si può morire anche di fame”

Lite televisiva tra il Professor Galli e l'imprenditore Flavio Briatore. La lotta alla pandemia crea spesso diverbi a causa di diversi modo di pensare:...

Aspirina dimezza rischio di morire per COVID nei pazienti ricoverati: “Nuove speranze, cauto ottimismo”

Covid e la lotta per sconfiggerlo: ricercatori di tutto il mondo sono alla continua ricerca di farmaci che possano bloccare o alleggerire le conseguenze...

Ritorna l’autocertificazione per spostarsi: scarica qui il modello

Il Coronavirus sta piombando nuovamente nelle nostre vite, dopo un estate apparentemente tranquilla e la situazione in Italia sembra peggiorare giorno dopo giorno. Le...

Separati dal Coronavirus dopo 53 anni di matrimonio, marito e moglie muoiono mano nella mano

Storia davvero molto commovente quella raccontata su diverse riviste internazionali che hanno come protagonista Betty e Curtis, marito e moglie, separati per sempre dal...

Fa venire diabete e cancro. Dott. Berrino: Non Mangiatela Più!

Il dott. Franco Berrino è un convinto sostenitore dell'utilità di una dieta corretta per evitare l'insorgere del cancro. Per questo motivo ha lanciato un...

Il consumo di tre tazze di caffè al giorno riduce le possibilità di infarto e ictus, afferma lo studio

  Il consumo di tre tazze di caffè al giorno riduce le possibilità di infarto e ictus, afferma lo studio Uno studio recentemente pubblicato sul British...