Conoscere i sintomi dell’Alzheimer per combatterlo in tempo


 

L’ Alzheimer è una malattia localizzata nel cervello che causa la perdita progressiva della memoria, il pensiero e l’incoerenza di inviare segnali  al corpo. È una normale condizione che può associarsi all’avanzamento dell’età. Poiché può succedere a chiunque, oggi prevediamo di mostrarti quali sono i segnali in modo che tu possa scoprire se hai il morbo di Alzheimer o se stai presentando i primi segni.

Secondo l’ Associazione Alzheimer , questa malattia è la prima causa di demenza nelle persone di età superiore ai 65 anni. In termini più concreti, colpisce oltre 44 milioni di persone in tutto il mondo, si stima che nel 2050 le persone colpite saranno 135 milioni.

Cosa fa l’Alzheimer al cervello?

Da un punto di vista biochimico, l’ Alzheimer provoca la morte dei neuroni (che non possono più essere rigenerati) nel cervello. La sua diminuzione provoca il progressivo restringimento del cervello interessato, quindi tutte le sue funzioni. Non dobbiamo dimenticare che i neuroni sono i trasmettitori di segnali verso il resto del corpo, sono i messaggeri di ordini dal cervello, in caso contrario, il sistema nervoso centrale non invia tutti i segnali e la coordinazione motoria è ampiamente annullata


Segni per sapere se hai l’Alzheimer

Questi sono alcuni dei principali segni che possono indicare che si soffre di malattia di Alzheimer , anche se possono verificarsi somiglianze con quelli della demenza senile, problemi di memoria o persino aterosclerosi.

Risolvere i problemi diventa più difficile

Questo è uno dei segni caratteristici dell’Alzheimer, con il passare dei giorni e delle settimane, quei problemi cognitivi che erano semplici da risolvere ora comportano più sforzi. Preparare una ricetta, eseguire un’operazione aritmetica, tra le altre attività simili diventa complicato ed è persino impossibile da risolvere.

Cambiamenti della memoria

A questo punto si tratta di aspetti diversi come la dimenticanza di eventi, informazioni e date appena apprese. Questi sono i primi e più noti segni di questa malattia. Nel tempo la persona inizia a dipendere dal blocco di note, ordini del giorno, programma su smartphone e promemoria in vari luoghi della casa.

La conversazione non è coerente

L’alterazione del cervello da parte dell’Alzheimer provoca variazioni nella fluidità delle parole. Se questa malattia progredisce maggiormente sul lato sinistro, la persona non sarà in grado di esprimere i propri pensieri con finezza. L’area della lingua si trova sul lato sinistro e la sua pronuncia viene eseguita sul lato destro del cervello, quando la condizione è in fase avanzata, la persona perde la capacità di esprimersi.

Come accennato, la malattia appare dopo i 65 anni, ma se hai una storia familiare simile, può presentarsi dall’età di 40 anni. Ma questo è un vantaggio poiché alcune attività possono essere implementate per prevenirne il verificarsi, mangiare diversi alimenti contenenti Omega 3, ad esempio o svolgere attività per migliorare la capacità del cervello .

Il tempo e il luogo sii annullano

Come gli altri segni, la malattia di Alzheimer provoca la perdita di orientamento nel tempo , la persona non sa che giorno è e se lo sa lo dimentica immediatamente. I luoghi in cui ha vissuto tutta la sua vita diventano sconosciuti, a volte viene trasportato in un luogo e non sa come arrivare a quel punto.


La vista è influenzata

Non rileva più la tonalità dei colori , la lettura è difficile, le immagini sono confuse con altre parti e la distrazione appare immediatamente. Inoltre, gli occhi sono danneggiati dalla secchezza quando si tenta di aprirli per periodi più lunghi.

Il buon senso diminuisce e gli sbalzi d’umore

Prendere decisioni sagge diventa un problema. Le  persone con la malattia di Alzheimer non riescono a gestire i soldi, sono disturbate da decisioni a loro vantaggio, non amano le attività rilassanti.

Suggerimenti per evitare l’Alzheimer
  • Socializzare: la pratica del linguaggio stimola la connessione sinaptica e li copre di mielina (necessaria affinché i segnali passino tra di loro), in questo modo sono più rafforzati.
  • Una dieta sana: dobbiamo occuparci di questo aspetto, soprattutto se ha già superato i 40 anni. Cerca di includere Omega 3 e antiossidanti, entrambi i componenti aiutano il cervello. Si consiglia inoltre di evitare grassi trans o saturi.
  • Esercizio fisico: quando si esegue attività fisica  la pressione sanguigna diminuisce e lo stress scompare. Allo stesso tempo, l’irrigazione nelle vene del cervello aumenta e ciò si traduce in una migliore attività per entrambi gli emisferi.