Assumere vitamina D migliora l’asma e riduce il numero degli attacchi


 

“Gli integratori di vitamina D proteggono da gravi attacchi di asma”. Le ultime ricerche medico -scientifiche affermano che, coloro che soffrono di asma, potranno trovare beneficio assumendo integratori di vitamina D.

“Gli integratori di vitamina D proteggono da gravi attacchi di asma”, riferisce il Daily Telegraph.

Tante le ricerche effettuate e i risultati concordano tutti: assumere vitamina D rappresenta un ottimo beneficio per chi soffre di asma.

I ricercatori volevano constatare se la vitamina D riduceva il rischio di gravi episodi di asma che necessitavano di ricovero o trattamento con steroidi orali, indicati come “esacerbazioni dell’asma”.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che gli integratori di vitamina D hanno ridotto del 26% il rischio di attacchi d’asma. Ulteriori analisi hanno scoperto che l’effetto protettivo è tanto maggiore nelle persone che erano carenti di vitamina D all’inizio.

Lo studio

Lo studio è stato condotto da ricercatori della Barts e della London School of Medicine and Dentistry, della Queen Mary University di Londra e di altre istituzioni nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Irlanda, in Polonia e in Giappone.

I ricercatori hanno raccolto informazioni sull’età, il sesso, l’etnia, la concentrazione di vitamina D nel sangue dei partecipanti prescelti all’inizio dello studio e qualsiasi altro fattore che potrebbe influenzare i risultati (fattori confondenti).

Sono stato 987 i partecipanti a cui sono stati sottoposti dei test. Tutti erano soggetti che soffrivano da 2 a 5 attacchi d’asma giornalieri e alcuni di essi anche in modo molto grave. E’ stata iniettata loro una dose di vitamina D in una singola dose (iniezione o infusione) ogni due mesi (100.000 unità internazionali, UI) alla dose giornaliera (da 500 a 2.000 UI al giorno) o una miscela delle due. La durata del trattamento variava da 15 settimane a un anno.

Quali risultati ha prodotto l’esperimento?

Gli attacchi d’asma che necessitavano di un trattamento orale con steroidi erano diminuite. Alcuni di solo avevano massimo 2 o 3 attacchi d’asma quotidiani, altri di loro nessun attacco d’asma giornaliero.

Gli integratori di vitamina D hanno ridotto il numero di attacchi d’asma nelle persone con livelli di vitamina D inferiori a 25 nmol / l (0,33, IC 95% da 0,11 a 0,98).

Tra i 764 partecipanti che non erano carenti di vitamina D, non vi sono stati effetti significativi, indipendentemente dalla loro età, sesso ed etnia.

La vitamina D non ha aumentato il rischio di eventuali effetti collaterali e non sono stati riportati casi di  calcoli renali.

Vitamina D, un tesoro prezioso per la nostra salute

La vitamina D, nota anche come vitamina del sole, viene prodotta dall’organismo in risposta all’esposizione solare; può anche essere consumata in alimenti o integratori. Avere abbastanza vitamina D è importante per una serie di ragioni, tra cui la salute di ossa e denti sani; può anche proteggere da una serie di condizioni come il cancro , il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla .

Le attuali linee guida raccomandano a tutti di prendere in considerazione l’assunzione di un integratore di vitamina D di 10mcg al giorno nei mesi autunnali e invernali, quando c’è meno luce solare. Le persone possono ottenere tutta la vitamina D di cui hanno bisogno dalla luce solare e da alcune fonti alimentari in primavera e in estate.

Ai bambini allattati al seno, a tutti i bambini di età compresa tra uno e quattro anni, alle donne in gravidanza e in allattamento e alle persone a rischio (come quelle che sono molto al chiuso) si consiglia di assumere un supplemento tutto l’anno.

Gli integratori di vitamina D sono disponibili dalla maggior parte delle farmacie e di solito sono sicuri da assumere fino a quando non si assumono regolarmente più di 100mcg (4.000 UI) al giorno.

I bambini di età inferiore a 10 anni non dovrebbero assumere più di 50mcg al giorno, mentre i bambini di età inferiore a un anno non dovrebbero assumere più di 25mcg al giorno.