martedì - 5 Luglio - 2022

Arriva l’ultima truffa del bancomat contactless: ecco come funziona e come difendersi

 

- Advertisement -

Le truffe non finiscono mai e ora, arriva l’ultima tecnica ideata da truffatori professionisti per svuotare i conti delle vittime, attraverso i bancomat e le carte di credito contactless.

Carta  contactless: facile la truffa

Con il termine contactless si indicano dei sistemi di pagamento che possono essere effettuati con un semplice contatto della carta con il POS, per pagare senza immettere il pin fino a 25 euro di acquisti.
Già da tempo, molti truffatori tentavano di creare metodi per truffare i clienti ed ora ci sono riusciti.

Come funziona la truffa

Un utente Facebook ha deciso di dare la sua testimonianza, spiegando in che modo ha visto agire i truffatori.
I luoghi preferiti dai truffatori sono sempre i più affollati come i mezzi pubblici, i treni, i bus, i ristoranti e centri commerciali.
L’uomo, che è stato filmato attraverso lo smartphone dell’utente Facebook, viene ripreso mentre si sposta con in mano un dispositivo simile a un POS (che si trova nei negozi e permette al cliente di pagare senza strisciare il bancomat). Per lui è necessario semplicemente appoggiarsi alle vittime, sfiorarli con il Pos fasullo per sottrarre denaro dal conto bancario o postale senza che questi se ne accorgano o possano reagire brutalmente.
Il tutto accade grazie all’utilizzo di POS abilitati per pagamenti senza contatto per sottrarre delle somme che non possono superare i €25 e che non necessitano di inserimento del PIN.

Cosa fare

Di certo non possiamo stare attenti a qualsiasi movimento di chi ci circonda poiché, in treno o in bus, spesso, si viene a contatto con molta gente che ci passa accanto o che siede al nostro fianco. L’unica soluzione che è stata ideata e risulta geniale, è un portafoglio in grado di schermare eventuali intrusioni, in modo da proteggere i propri dati e quelli del proprio Bancomat e che permette a questi POS fasulli di non percepire il codice della carta da truffare.

© Riproduzione riservata

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©