Addio estate, nella prima settimana di Settembre, grandine, temporali e nubifragi: ecco le regioni a rischio


 

Chi ama l’autunno può tirare un sospiro di sollievo: l’estate è agli sgoccioli e finite le vacanze, si dirà addio anche al caldo asfissiante che ha inondato l’Italia negli ultimi mesi. Dal 31 agosto, per tutto il weekend arriverà il maltempo prima sulle regioni del Nord e poi gradualmente su quelle del Centro Sud, con  grandine e nubifragi. Gran parte della penisola in breve tempo si ritroverà sotto la pioggia: mettete da parte l’ombrellone e munitevi di ombrello, l’estate è terminata.

Le previsioni parlano chiare: possiamo conservare i costumi e infradito, l’estate sta dando nelle ultime ore gli ultimi sprazzi di caldo per lasciar il posto ad ondate anche violente di temporali, piogge e grandine; previsti nubifragi a causa del forte vento in alcune zone del Nord Est. Previsto forte calo della temperatura.

Già nelle ultime ore la pioggia è caduta abbondante sulle regioni centro-settentrionali e su Sicilia e Sardegna, dove la Protezione civile ha anche diramato allerta gialla, ma il peggio deve ancora venire. Già da sabato 31 agosto masse d’aria fredda provenienti dal Nord Europa avvicineranno il maltempo, portando con sè nubifragi, acquazzoni e forti raffiche di vento.

Meteo, le regioni a rischio

Le prime piogge che diventeranno presto a carattere temporalesco, arriveranno già il 31 agosto tra Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, oltre che sulla Sardegna. Già nelle ultime ore si sono registrati in questi territori allagamenti e cadute di alberi a causa del forte maltempo. Sul resto dell’Italia ci sarà ancora cielo sereno per poche ore ancora; la vera svolta autunnale ci sarà a partire da domenica 1 settembre. Temporali, anche accompagnati da grandine, sono attesi sulle regioni centro-settentrionali, in particolare su Liguria, Toscana, Lazio e fin sulla Campania. Possibili nubifragi interesseranno Roma e Firenze. Tutta l’Italia comunque risentirà di un brusco calo delle temperature.

Meteo: attenzione alle raffiche di vento e ai naufragi
A causa di una corrente fredda proveniente dalla Francia, l’instabilità metereologica aumenterà nelle prossime ore: masse di aria fredda si scontreranno con l’anticiclone delle Azzorre, il che porterà temporali e un calo termico prima al Nord e poi nei giorni successivi anche al Centro e al Sud. Piogge consistenti già il 2 settembre  in Val Padana, soprattutto sulle aree centro-orientali, in Emilia e basso Piemonte, fino alla Liguria. Martedì 3 settembre il maltempo arriverà nelle regioni meridionali.