Un cane si è preso cura di un bambino tutta la notte e gli ha salvato la vita


 

Questa storia sorprendente (anche se non proveniente da animali non è sorprendente) è accaduta in Uruguay, dove un cane rottweiler si è preso cura di un bambino abbandonato tutta la notte e grazie al suo atteggiamento è stato in grado di salvargli la vita.

Questa è una situazione che si è verificata l’anno scorso, precisamente nel mese di maggio 2018, tuttavia è una situazione che dobbiamo ricordare, soprattutto per il valore che la compagnia di un animale domestico può avere e la sua importanza, come in questo caso , nel salvare la vita di un altro essere vivente.

Non c’è dubbio che gli animali non sono solo i nostri migliori amici, possono anche proteggerci e possono compiere atti eroici, anche se il più delle volte non sono pronunciati. Questa volta, un Rottwailer in Uruguay si è preso cura di un neonato, che era stato abbandonato alla nascita da una donna che non sapeva di essere incinta, e le ha salvato la vita.

Durante la notte, la giovane donna in questione, che secondo la stampa ha 22 anni, ha dato alla luce un bambino in un capannone, nella città di Canelones in Uruguay. Confuso e sanguinante è finito in ospedale. La sua famiglia non aveva idea della gravidanza.

Il destino del bambino avrebbe potuto essere tragico. Ma in quel posto c’era un cane della razza Rottweiler che, secondo i media locali, “si prendeva cura di tutta la notte” del neonato. Il cane era l’animale domestico di chi si rivelò essere il nonno del bambino. Secondo i suoi proprietari, il rottweiler è un cane “di buon carattere, molto devoto, obbediente e docile”.

Martedì mattina, il cane abbaiò al nonno del bambino e lo guidò nel luogo in cui si trovava, ancora attaccato al suo cordone ombelicale. L’uomo avvolse la creatura in una giacca e lo portò in un centro sanitario locale, dove arrivò con ipotermia. I medici che lo hanno assistito hanno stimato che il parto prematuro era avvenuto circa 16 ore prima.

Dopo aver partorito nel capanno, la madre si presentò in un centro sanitario e disse che aveva avuto un aborto spontaneo. La sua famiglia non era a conoscenza della sua gravidanza. Si sapeva che la giovane donna, che soffriva di disturbi psichiatrici, è ammessa nello stesso sanatorio del bambino.