giovedì - 22 Ottobre - 2020

Un 17enne ha inventato un reggiseno che rivela il cancro al seno dopo aver perso sua madre di tumore

 

Nel nostro secolo, il cancro è diventato una malattia così comune. Non significa che è diventato più facile da accettare; non lo è mai. La percentuale di tumori sale vertiginosamente tutti i giorni e ogni famiglia ha almeno un componente malato di cancro. O l’abbiamo attraversato da soli o conosciamo qualcuno che è passato o lo sta attraversando, indipendentemente da ciò, il cancro è un male estremo. Purtroppo, il numero di diagnosi sembra aumentare.

I consigli dei medici

Per prevenire il cancro, i medici incitano i pazienti a fare prevenzione.

Prenderlo in tempo

Per fortuna, anche il numero di persone che sconfiggono il cancro è cresciuto. Tecnologia, ricerca e farmaci sono tutti elementi che ci aiutano a sconfiggere questa malattia. Ma anche con tutti i progressi che sono stati fatti, niente è meglio che prendere il cancro prima che sia troppo tardi.

Controlli regolari

Ma prenderlo presto ci impone di fare controlli regolari. E sebbene ci sia così tanta consapevolezza nella prevenzione, molti di noi evitano ancora quel temuto appuntamento del medico. Bene, ora, grazie a un brillante ragazzo di 17 anni , potremmo essere in grado di saltare quel controllo e allo stesso tempo rilevare il cancro.

Obiettivo: salvare le donne dal cancro al seno

È iniziato quando a sua madre è stato diagnosticato il cancro al seno per la seconda volta. Julian Rios Cantu, messicano, ha visto sua madre affrontare ancora una volta il tumore. Ha affrontato con lei il dolore dell’esportazione di entrambi i seni e anche di essere vicina alla morte.

Fu allora che Cantu seppe che doveva fare qualcosa. Ha creato un reggiseno in grado di rilevare il cancro al seno nelle sue fasi iniziali. Questa importantev scoperta degna di ammirazione gli ha fatto vincere  il primo premio ai Global Student Entrepreneur Awards.

Il reggiseno Eva, salva vita

https://www.instagram.com/p/BW0t82MBRtF/

Il reggiseno, chiamato “Eva” , può potenzialmente salvare la vita a molte donne. In un video aziendale, Cantu ha parlato della sua invenzione e di ciò che lo ha portato a questa idea. “Quando avevo 13 anni, a mia madre fu diagnosticato per la seconda volta un tumore al seno“, ha spiegato Cantu.  “Il tumore ha raggiunto le dimensioni dapprima di un chicco di riso a poi quello di una pallina da golf in meno di sei mesi“, ha aggiunto Cantu . “La diagnosi è arrivata troppo tardi e mia madre ha perso entrambi i seni e, quasi, la sua vita.” A differenza di altri adolescenti normali, tuttavia, Cantu non sopportava che il male potesse divorare sua madre e tante altre donne.

 

Così Cantu, insieme a tre dei suoi amici, progettò il reggiseno ancora 17enne. Il reggiseno è dotato di sensori per “mappare la superficie del seno e misurare consistenza, colore e temperatura“. Inoltre, il reggiseno è pensato per qualsiasi donna, con qualsiasi tipo di seno.

Tumore e genetica

Cantu trasse ispirazione dalle condizioni di sua madre per dar vita a questo progetto. Sua madre purtroppo era geneticamente predisposta a contrarre il cancro al seno. E così, quando si trattava di progettare il reggiseno, Cantu si è assicurato che fosse fatto per le donne che sono geneticamente predisposte a questa forma di cancro.

Come funziona?

Il reggiseno funziona insieme a un’app . La donna può indossare il reggiseno come qualsiasi reggiseno normale. Quindi, le sue condizioni vengono monitorate attraverso l’app e rilevano cambiamenti in tempo reale.

Parlando del reggiseno, Cantu ha spiegato come rileva il cancro. “Quando c’è un tumore al seno c’è più sangue, più calore“, ha spiegato Cantu. Ciò porterebbe a “cambiamenti di temperatura e struttura“.

“Se vediamo un cambiamento persistente“, ha aggiunto Cantu , “consigliamo la donna di andare dal dottore“. Da noi, Cantu intende la sua compagnia. Questo reggiseno non è stato progettato per essere dimenticato, ma per diagnosticare subito un male che potrebbe uccidere.

Il successo del 17enne

L’invenzione di questo reggiseno ha aperto un nuovo mondo per questo ragazzo. Cantu è il CEO della propria azienda di tecnologie. Chiamata Higia Technologies, l’azienda ha già una tecnologia potenzialmente salvavita al suo attivo e lo assumerà come tecnico di sperimentazione.

Per ora, il reggiseno è ancora un prototipo . Tuttavia, Cantu spera che tra circa due anni il reggiseno diventerà certificato per l’uso. Sembra proprio che questo ragazzo abbia creato un futuro impressionante per se stesso e per le donne.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Come eliminare umidità e muffa in modo assolutamente naturale

Muffa ed umidità in casa? Che orrore! Certo, ci sono molti prodotti che eliminano la muffa, ma alcuni di essi sono altamente tossici da usare...

Multe fino a 500 euro per i genitori che non compiranno questa azione entro il 31 ottobre

Genitori, se non volete pagare multe vi consigliamo di agire presto e di tener presente che la data ultima per compiere questa operazione è...

Il Papa dice si: «Favorevole alle unioni civili per le coppie omosessuali»

Arriva la conferma da parte di Papa Francesco che in un documentario mostrato alla Festa del Cinema di Roma ha dichiarato: «Gli omosessuali sono...

Lockdown a Natale in Italia, Conte: possibili misure restrittive nelle Regioni

Il numero dei contagi continua a crescere di giorno in giorno e gli esperti pensano che nei prossimi mesi, la situazione potrà aggravarsi a...

I diversi tipi di cancro al seno

Sapevi che esistono diversi tipi di carcinoma mammario e che queste diverse classificazioni sono dovute al tipo di complessità, evoluzione e gravità dei tumori?...

Come rafforzare le difese immunitarie prima dell’inverno

Agire in netto anticipo serve per affrontare meglio i malanni stagionali e sono molte le soluzioni per rinforzare il nostro organismo Sembra ieri che eravamo...