venerdì - 23 Ottobre - 2020

Sondaggio: un genitore su 4 non rifarebbe un figlio: troppi sacrifici

Gli italiani stanno diventando sempre meno propensi a fare figli e ciò lo rivela un sondaggio proposto a coppie di tutte le età: troppi sacrifici e rinunce quando si decide di diventare genitori.

E’ questo il motivo per cui, l’anno 2019 si candida a passare alla storia come l’anno dei record negativi. Non solo si è registrato il minor numero di nascite di sempre (appena 435 mila), ma è avvenuto anche il ricambio naturale più basso degli ultimi 102 anni.

Mediamente è stato calcolato che le donne generano in Italia 1,29 figli.

Poco lavoro, tassi molto alti di disoccupazione,incertezze per il futuro, età sempre più elevata di fare figli, mancanza di solide opportunità che possano garantire alle coppie di generare una famiglia: queste le problematiche principali che le i neo sposi o conviventi affrontano e che non danno loro possibilità di pensare a mettere al mondo un figlio. Ma non solo…quando si diventa genitori, si deve rinunciare alla tanto cara vita mondana, agli aperitivi, alle feste, al tempo libero e si viene travolti da un “ciclone” fatto di pannolini e poppate, mettendo in secondo piano tutte quelle che fino ad allora erano state delle priorità. Sarà perché non si ha intenzione di rinunciare ai propri bisogni o perché il periodo storico attuale impedisce di mettere su famiglia senza pensare a potenziali problemi economici a cui si va incontro, ma la cosa certa è che in Italia sono sempre meno le persone che decidono di diventare genitori.

A dimostrarlo sono i dati Istat, secondo i quali la generazione “di mezzo”, ovvero quella dei 25-44-enni, ha smesso di fare figli. Un successivo sondaggio Swg ha inoltre fatto emergere qualcosa di ancora più eclatante: un genitore su quattro, ovvero una coppia su 6, non rifarebbe un figlio se potesse tornare indietro perché è una scelta che comporta troppi sacrifici, primo tra tutti il dover rinunciare al tempo da dedicare a se stessi. Allo stesso tempo, però, il 67% degli intervistati ha dichiarato che senza un figlio la vita di una persona è incompleta, percentuale che scende al 57% per la generazione tra i 25 e i 44 anni.

È chiaro dunque che gli italiani non considerano la crisi demografica un’emergenza ma, piuttosto che associare la loro scelta di non essere mamma e papà all’irresponsabilità, sarebbe bene pensare all’insicurezza economica e alla precarietà lavorativa che caratterizza le loro vite, impedendogli di pensare in modo sereno a un possibile allargamento della famiglia.

La soluzione che gli intervistati hanno proposto per vedere il numero di nascite crescere? Innanzitutto concedere maggiori sgravi fiscali alle famiglie con figli, rendere i servizi per bambini economicamente accessibili e creare più servizi per le famiglie. Insomma, nonostante in molti si sentano degli “eterni Peter Pan”, è chiaro che esistono anche altri tipi di problemi quando si pensa a una vita da genitore. Quello che rimane da chiedersi è: è davvero responsabile mettere al mondo un bambino a tutti i costi, anche quando questo significa non potergli assicurare un’infanzia serena dal punto di vista economico?

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Se possiedi questa banconota da 50 euro, sei ricco!

Prima cosa: prendi le tue banconote da 50 euro e controllale attentamente perchè potrebbero valere una vera fortuna. Ci sono banconote infatti, che hanno un...

Coronavirus: “Il mio vicino è in casa con più di sei persone”. E gli manda i carabinieri

Da quando il Presidente Conte ha introdotto nel nuovo DPCM la restrizione di non poter invitare in casa amici e parenti, limitando gli incontri...

Hai un gatto? 7 trucchi che dovresti conoscere se accudisci i tuoi felini

Il tuo felino è il re di casa, cammina tra i mobili, si affila le unghie con tutto ciò che trova e ama lasciare...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

Stare a casa con i figli può essere più pesante che andare a lavorare: ad affermarlo è uno studio

  Stare a casa con i figli è più difficile e pesante che andare a lavorare, dicono un terzo dei neo genitori in un sondaggio...

Reddito di maternità: 1.000 euro al mese per 8 anni e dopo il 4° figlio diventa vitalizio. La proposta

Chi ha detto che le donne non possano essere "premiate" per il loro grande lavoro che svolgono tutti i giorni nel ruolo di madri?...