lunedì - 30 Novembre - 2020

Scuola. Lopalco contro Azzollina: “Giusto chiuderla perché sono aumentati i casi nella fascia 6-18 anni”

Dopo la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado nella Puglia, la Ministra Azzollina è andata in escandescenza, chiedendo al Presidente Michele Emiliano di riaprirle immediatamente.

Botta e risposta del virologo Lopalco contro il Ministro dell’Istruzione.

“Decisione sofferta ma necessaria, affonda le sue motivazioni in questioni sia di carattere epidemiologico che pragmatico che vanno tutte nella direzione urgente di mitigare l’impatto della pandemia” ha riferito l’esperto pugliese.

Queste le parole del prof. Lopalco che giustificano tale necessità:

Onorevole Ministro Azzolina, la decisione presa dalla Regione Puglia di interrompere momentaneamente la didattica in presenza nelle scuole, sofferta quanto necessaria, affonda le sue motivazioni in questioni sia di carattere epidemiologico che pragmatico che vanno tutte nella direzione urgente di mitigare l’impatto della pandemia“, ha scritto l’esperto, che è anche assessore alle Politiche della Salute e al Welfare della Regione Puglia.

I contagi nella nostra regione hanno intrapreso un ritmo di crescita esponenziale estremamente preoccupante. Il numero di casi riportati nelle scuole, apparentemente, rispecchia la fotografia della distribuzione del virus nella popolazione esterna”.

In realtà – continua – da quando è partita la attività didattica ad oggi sono stati segnalati 1121 casi di positività fra la popolazione di età 6-18 anni, corrispondenti all’11% dei casi totali. Questa percentuale era del 6% nella settimana dal 17 al 22 settembre e dell’8% nella prima settimana di apertura della scuola. L’aumento della proporzione di casi in quella fascia di età è dunque sicuramente contemporaneo alla riapertura della scuola nella nostra Regione”.

Questo fenomeno non deve sorprendere – si legge – essendo la scuola un aggregatore sociale, a prescindere se il contagio avvenga nelle aule o al di fuori di esse, rappresenta comunque un fattore facilitante per la diffusione del virus. Quando in una epidemia come questa si osserva una curva in crescita, non ci si può permettere il rischio che tale crescita diventi incontrollabile. Bisogna intervenire precocemente con misure tempestive. Più tempestive sono le misure, minore potrebbe essere la durata delle stesse. È per questo motivo che noi monitoreremo la situazione costantemente e rivedremo la misura settimanalmente. Accanto a queste considerazioni di natura epidemiologica vi sono anche considerazioni di ordine pragmatico circa quello che ha rappresentato l’attività scolastica in termini di impatto sul servizio sanitario”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Dieta del riso e della mela: la dieta sprint per perdere 5kg in 7 giorni

La dieta del riso e della mela, la dieta lampo che ti permette di perdere fino a 5 kg in una settimana. Ecco lo...

Ogni ruga sul tuo viso indica un problema di salute: ecco come riconoscerli

Per quanto non ci piacciano le rughe, sono una parte naturale dell'invecchiamento. Sono un segno che stiamo lentamente ma inevitabilmente invecchiando. Ma oltre a...

10 cose che faresti meglio a smettere di fare prima di fare un esame diagnostico

Oltre il 30% delle diagnosi errate causa lesioni gravi o morte, secondo uno studio , e la ragione di alcune di queste è la...

Una mozzarella su quattro non è fatta con il latte

La mozzarella è uno dei latticini più amati dagli italiani: ottimo da mangiare come contorno o per condire pasta, pizza e pietanze di vario...

Covid, Orietta Berti annuncia sui social: “Sono positiva al Covid”. Ecco le sue condizioni

"Care amiche e cari amici, desidero condividere con voi che dopo un nuovo tampone sono risultata positiva al Covid-19. Sono a casa e sono...

Taglio della tredicesima per gli italiani causa Coronavirus

Arriva l'annuncio di Paolo Zabeo che scatenerà l'ira degli italiani, quando apprenderanno che la loro tredicesima, questo Natale, sarà molto più leggera: "Alcuni rischiano...