lunedì - 26 Ottobre - 2020

Ogni donna dovrebbe farlo una volta al mese! Devi solo stare davanti a uno specchio…

Nonostante il cancro al seno sia la patologia oncologica più comune e pericolosa nel sesso femminile, se la malattia viene rilevata nella sua fase iniziale e viene avviata una terapia tempestiva, può essere superata con successo dalla maggior parte delle donne. Da qui l’importanza di saper esaminare te stessa!

Ti aiuteremo a capire la procedura di autoesame della ghiandola mammaria. Se sei una donna, presta particolare attenzione.

Come eseguire un autoesame del seno

I medici insistono sul fatto che, per rilevare precocemente il cancro al seno e prevenire lo sviluppo della malattia, è necessario non fare ecografie regolari, ma anche sottoporsi a un autoesame mensile del seno.

Si consiglia di eseguire un autoesame della ghiandola mammaria una volta al mese, preferibilmente tra il 6 ° e l’8 ° giorno dall’inizio del ciclo mestruale. Nel periodo della menopausa, l’indagine deve essere effettuata anche una volta al mese, preferibilmente nella stessa data.

ALGORITMO DI AUTOESAME DEL SENO
Passaggio 1

Inizia esaminando la tua biancheria intima. Ispeziona il reggiseno dove tocca i capezzoli e assicurati che non ci siano macchie. La presenza di macchie può indicare uno scarico dalle ghiandole mammarie.

Passaggio 2

Spogliati fino alla vita, mettiti davanti allo specchio e incrocia le braccia dietro la testa. Esamina la forma e la simmetria delle ghiandole mammarie. Esamina la pelle e le areole, assicurati che non ci siano zone che assomigliano a una buccia di limone, che non ci siano arrossamenti, desquamazioni, retrazioni o altri difetti.

L’asimmetria mammaria non indica sempre un processo patologico. Spesso la forma e la dimensione dei due seni variano, e questo è normale. In natura non c’è simmetria. Ma se l’asimmetria progredisce, non dovresti ignorare questo sintomo, dovresti contattare immediatamente uno specialista.

Passaggio 3

Tenere il capezzolo destro e sinistro del seno alternativamente con l’indice e il pollice. Se il fluido viene rilasciato dalla ghiandola mammaria, prestare attenzione alla sua natura: se è lattiginosi, sanguinante o purulento.

Passaggio 4

Il prossimo è l’esame delle ghiandole mammarie in posizione prona. Sdraiati sulla schiena e rilassati. Posizionare un piccolo cuscino sotto la scapola, dal lato del seno in esame, in modo che il seno si sollevi e la ghiandola mammaria si estenda su di esso. Con l’aiuto di 3 o 4 dita della mano sinistra, sondare la ghiandola mammaria destra, con movimenti circolari, centimetro per centimetro, su e giù o in segmenti.

Ogni mese, l’esame dovrebbe essere lo stesso, per assicurarsi che non ci siano cambiamenti patologici. Allo stesso modo, esaminare la ghiandola mammaria sinistra, per rilevare la presenza di siti di compattazione o ammorbidimento evidente, dolore al tatto o qualsiasi altro cambiamento nella consistenza della ghiandola.

Passaggio 5

Con le dita, esamina i linfonodi nella regione dell’ascella. Fai attenzione alle zone dolorose, ai linfonodi ingrossati o all’arrossamento della pelle. In questo caso, è necessario consultare un medico per un esame più dettagliato.

Passaggio 6

È necessario eseguire un controllo delle ghiandole mammarie sotto la doccia. Con le dita insaponate a volte è molto più facile rilevare i cambiamenti patologici nel petto.

Infine, ricorda che è molto importante eseguire regolarmente l’esame del seno. Questo ti aiuterà a studiare la normale struttura delle ghiandole mammarie e, nel caso di una neoplasia, a determinare facilmente quando è apparsa.

Non dimenticare di recarti da uno specialista in senologia o un ginecologo, una volta ogni sei mesi, e ricorda che stai facendo un autoesame solo per assicurarti di essere completamente sano e non per trovare una malattia.

Condividi questo consiglio con le tue amiche sui social network …

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Come pulire efficacemente le persiane di casa senza fatica e in breve tempo

Le persiane , insieme alle finestre, sono due degli oggetti domestici più sporchi e costosi da pulire. Il suo contatto con l'esterno è ciò...

Hai un gatto? 7 trucchi che dovresti conoscere se accudisci i tuoi felini

Il tuo felino è il re di casa, cammina tra i mobili, si affila le unghie con tutto ciò che trova e ama lasciare...

Usa il trucco del pannello di carta stagnola per riscaldare la casa

Con l'arrivo della stagione invernale, si sente il maggiore bisogno di riscaldare la casa, affinchè si crei quel tepore confortevole nell'ambiente. Che si tratti...

Proteggersi dal Coronavirus assumendo più vitamina D: ecco gli alimenti che si possono mangiare per ottenerla

La mancanza di vitamina D è spesso correlata alla mancanza di sole. In questo articolo vi diciamo come aumentarla in tempi di pandemia, visto...

Glicemia alta. 8 Segni premonitori, Cause e Rimedi Naturali

La glicemia alta, identificata con il termine medico iperglicemia, rappresenta una vera e propria patologia caratterizzata da elevati livelli di glucosio nel sangue che...

Niente più gastroscopia invasiva: da oggi c’è quella virtuale che scansiona lo stomaco con videocapsula

Gastroenterologia: diagnosi più veloci e precise con la videocapsula endoscopica. Il paziente non soffre più il disaggio della classica gastroscopia e per i medici...