Maddie, in coma a 18 anni per una grave malattia ai polmoni causata dalla sigaretta elettronica

0
578
E’ finita in coma per un grave danno polmonare una giovane donna di 18 anni, dopo l’utilizzo per circa 3 anni della sigaretta elettronica. Polmonite eosinofila acuta è la patologia diagnosticale dal medico, secondo il quale la causa è attribuibile alla sigaretta elettronica che la giovane ha usato ogni giorno.

Dopo la prima morte causata dalle sigarette elettroniche negli Stati Uniti, sempre dagli States giunge un’altra inquietante  storia.

Un adolescente ha subito un danno polmonare gravissimo dopo aver svapato (fumato la sigaretta elettronica) ogni giorno per tre anni.

Maddie Nelson, 18 anni, ha iniziato a sentirsi male all’inizio di quest’anno, ma il mese scorso ha iniziato ad avvertire forti dolori alla schiena e ai reni. La studente, proveniente dallo Utah, negli Stati Uniti, è stata portato d’urgenza in ospedale poichè non respirava, ma l’ossigeno che i medici le hanno dato non ha funzionato. Sua sorella Andrea ha affermato che “la situazione è passata da grave a potenzialmente fatale in poco tempo” e una radiografia toracica ha mostrato “gravi danni ai polmoni”. Immediatamente la donna fu messa in coma indotto dal medico mentre lottava per la vita.

Andrea ha aggiunto: ‘Il 1 ° agosto, ha ricevuto ufficialmente la diagnosi dopo due broncoscopie. I risultati dei test hanno mostrato che è affetta  da polmonite eosinofila acuta.

Il suo medico sospetta che la causa sia da attribuire alla sigaretta elettronica che la giovane fumava frequentemente;

La polmonite eosinofila acuta è una malattia rara causata da un accumulo di globuli bianchi nei polmoni in risposta all’infiammazione. A Maddie sono stati somministrati steroidi ed è stata portata fuori dal coma dopo tre giorni. Ora respira da sola, ma di notte ha ancora bisogno di ossigeno.

Maddie ha condiviso le sue foto in ospedale per convincere  le persone a smettere di fumare sigarette elettroniche: “Sto condividendo la mia storia, quindi siete tutti consapevoli che c’è qualcosa di folle in questi oggetti che non sono sicuro e mi sono costati quasi la vita. Prima dicevo che non potesse accadere, ma invece può e succederà anche a te … segui il mio consiglio, non fumare, non svapare. #vape #stopthevape”.

La scorsa settimana è emerso che già un uomo era morto a causa dello svapo, che viene promosso come alternativa sicura alle sigarette tradizionali. La comunità medica ha sollecitato cautela, affermando che le sigarette elettroniche esistono da un decennio ed è troppo presto per promuoverle come “sicure”.

La sorella di Maddie, Andrea, ha affermato che i giovani sono “le cavie della divulgazione“e solo dopo pochi anni, stiamo assistendo e constatando quali sono gli effetti collaterali piuttosto gravi per la salute.

Pochi studi ma che già confermano la reale tossicità della sigaretta elettronica

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno affermato che negli Stati Uniti circa 200 persone hanno contratto gravi malattie respiratorie dopo l’utilizzo della sigaretta elettronica. Tutte le persone colpite erano adolescenti o adulti che avevano usato una sigaretta elettronica o un altro tipo di dispositivo di svapo. I medici hanno affermato che i soggetti trattati per malattie da sigaretta elettronica, avevano lesioni polmonari simili agli effetti generati dalla soda caustica.

Il direttore del CDC Robert Redfield ha dichiarato: “Lo svapo espone gli utenti a molte sostanze diverse per le quali disponiamo di poche informazioni sui danni correlati, inclusi aromi, nicotina, cannabinoidi e solventi”.

Nel Regno Unito, Public Health England sostiene che le sigarette elettroniche sono uno strumento molto efficace per aiutare le persone a smettere di fumare. Tuttavia, vi sono dubbi sulla quantità di giovani che iniziano a svapare perché i prodotti contengono anche nicotina che crea dipendenza. È stato anche scoperto che alcuni prodotti di svapo contengono altre sostanze potenzialmente dannose e numerosi aromi, come cannella, vaniglia e ciliegia, producono una reazione tossica.

Potrebbe anche interessarti:

-Come smettere di fumare: i consigli degli esperti