venerdì - 23 Aprile - 2021

Il cantante Valerio Scanu: “Mio padre morto di Covid senza altre patologie, i negazionisti abbiano rispetto”

Tutti o quasi conosceranno Valerio Scanu, cantante e personaggio televisivo italiano.

Immagine: Youtube

Dopo alcune esperienze nell’ambito musicale, partecipando a manifestazioni e programmi canori, è divenuto noto come cantante solista tra il 2008 ed il 2009, partecipando all’ottava edizione del talent show Amici di Maria De Filippi dove si è classificato secondo, firmando un contratto con l’etichetta discografica EMI Music

Valerio Scanu, ha affrontato un grosso dolore negli ultimi giorni, ha perso suo padre di Covid pur non avendo alcuna patologia. Per questo, il cantante si è scagliato contro chi, a distanza di un anno dallo scoppio della pandemia in Italia, nega ancora la pericolosità del virus: “Io ho perso mio padre che era una persona sana e non aveva nessuna patologia. Auguro a questa gente di non trovarsi mai in questa situazione”.

Intervistato da Adnkronos, l’artista ha mostrato tutta la sua rabbia nei confronti di chi non crede nella pericolosità della pandemia:

“Molte persone ancora non hanno ben capito la situazione. Di domenica la gente sta ammucchiata al mare, non c’è logica in questo. C’è gente che è responsabile e che non lo fa, ma i più se ne fregano”.

Il padre di Valerio Scanu morto di Covid

Valerio ha sfortunatamente conosciuto bene il Covid. Suo padre, senza altre patologie pregresse, è morto a causa dell’infezione. Per questo motivo il cantante chiede di “sensibilizzare le persone ad avere rispetto. In molti non si rendono conto della gravità delle situazione del Covid ancora oggi, delle terapie intensive piene, di come questa malattia sia imprevedibile. Io ho perso mio padre che era una persona sana e non aveva nessuna patologia. Auguro a questa gente di non trovarsi mai in questa situazione, ma molti non lo capiscono finché non lo vivono. C’è gente che ancora gira senza mascherina. Posso anche ammettere che uno sia negazionista, o scettico, ma poi se ti trovi davanti a qualcuno la mascherina la devi mettere”.
L’affondo contro i negazionisti: “Rispetto verso chi ha vissuto un dramma”

Poi continua: “Si può essere anche scettici, e negazionisti, ma bisogna anche essere rispettosi di chi ha vissuto un dramma. Io ho sentito imbecilli dire cose come ‘la paura del Covid uccide i polmoni lo sanno anche i cartoni’. Io dico che ognuno è libero di pensarla come vuole ma non ci si può sostituire ai medici”. Ma l’ultimo pensiero Valerio lo dedica a suo padre: “Io sapevo che fosse una cosa grave, ma non pensavo fino a questo punto. Ma anche finché non l’ho vissuta, ho sempre e comunque rispettato gli altri adottando ogni misura di sicurezza”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti