lunedì - 26 Ottobre - 2020

Hai mai sentito parlare di infarto intestinale? ecco cos’è e come riconoscerlo

Pochi conoscono il significato di infarto intestinale. Impariamo a capire di cosa si tratta e quando è opportuno rivolgersi al medico.

La maggior parte degli infarti intestinali si verificano quando un’arteria, che trasporta il sangue nell’intestino tenue o crasso, viene bloccata da un coagulo e impedisce al sangue dell’ossigeno di raggiungere i siti dopo il coagulo, portando alla morte di quella parte dell’intestino. e generare sintomi come dolore addominale grave, vomito e febbre, per esempio.

Inoltre, l’infarto intestinale può verificarsi anche in una vena nella regione del mesentere, che è la membrana che trattiene l’intestino. Quando ciò accade, il sangue non può fluire dall’intestino al fegato, quindi anche il sangue dell’ossigeno non può continuare a circolare nell’intestino, con le stesse conseguenze dell’infarto dell’arteria.

Infarto intestinale, cause e sintomi

L’infarto intestinale è curabile, ma è un’emergenza, quindi se è presente il sospetto, è molto importante andare al pronto soccorso rapidamente per confermare la diagnosi e iniziare un trattamento adeguato per prevenire una grande porzione dell’intestino. essere colpiti.

Sintomi principali

I sintomi più comuni in caso di infarto intestinale includono:

-Grave dolore addominale che peggiora nel tempo;
-Sensazione di gonfiore nella pancia;
-Nausea e vomito;
-Febbre sopra i 38 ° C;
-Diarrea con sangue nelle feci.

Questi sintomi possono manifestarsi improvvisamente o svilupparsi lentamente per diversi giorni, a seconda delle dimensioni della regione colpita dall’ischemia e dalla gravità dell’ostruzione.

Pertanto, se un forte dolore addominale si sviluppa o non migliora dopo 3 ore, è molto importante andare in ospedale per identificare il problema e iniziare il trattamento appropriato, poiché può essere un infarto intestinale.

Come confermare la diagnosi

 

Per fare una diagnosi di infarto intestinale, il medico può ordinare vari esami come risonanza magnetica angiografica, angiografia, TC addominale, ultrasuoni, radiografie, esami del sangue e persino endoscopia o colonscopia per garantire che i sintomi non siano scatenati da altri. Problemi del tratto digestivo come ulcere o appendicite, per esempio.

Come viene eseguito il trattamento?

Il trattamento per l’infarto intestinale può iniziare con cateterismo arterioso percutaneo e stabilizzazione emodinamica o può essere eseguito con un intervento chirurgico per rimuovere il coagulo e ripristinare la circolazione sanguigna nel vaso interessato, nonché rimuovere qualsiasi porzione di intestino che è stata rimossa.

Prima dell’intervento, il medico può interrompere l’uso di medicinali che possono contrarre i vasi sanguigni, come i medicinali per l’emicrania, per trattare le malattie cardiache e persino alcuni tipi di ormoni.

In alcuni casi, possono essere necessari antibiotici prima e dopo l’intervento chirurgico per prevenire lo sviluppo di infezioni nell’intestino interessato.

Successione di infarti intestinali

Una delle sequele più comuni dell’ischemia intestinale è la necessità di avere una stomia . Questo perché, a seconda della quantità di intestino rimosso, il chirurgo potrebbe non essere in grado di ricollegare l’intestino all’ano, quindi è necessario stabilire una connessione direttamente con la pelle dell’addome, consentendo allo sgabello di uscire in una piccola tasca.

Inoltre, con la rimozione dell’intestino, la persona ha anche una sindrome dell’intestino corto che, a seconda della parte rimossa, causa difficoltà nell’assorbimento di alcune vitamine e minerali ed è importante regolare la dieta. Scopri di più su questa sindrome e su come dovrebbe essere la dieta .

Possibili cause di infarto intestinale

Sebbene l’infarto intestinale sia una situazione molto rara, esiste un rischio maggiore nelle persone:

-Oltre 60 anni;
-Con livelli elevati di colesterolo;
-Con colite ulcerosa, morbo di Crohn o diverticolite;
-Maschio;
-Con neoplasie;
-Chi ha subito un intervento chirurgico addominale;
-Con il cancro nel sistema digestivo.

Inoltre, le donne che usano pillole anticoncezionali o in gravidanza hanno anche un rischio maggiore di formazione di coaguli a causa di cambiamenti ormonali, quindi possono sviluppare un caso di infarto intestinale.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Conte e il nuovo DPCM di domani: ristoranti e bar stop alle 18, chiusura per palestre, piscine, teatri e cinema

Entro domani arriva il nuovo DPCM che ha il sapore di un lockdown apparentemente mascherato: bar, pub e ristoranti aperti al pubblico fino alle 18,...

Neonato dichiarato morto: sopravvive 6 ore nella cella frigorifera dell’obitorio

Neonato viene dichiarato morto ma in realtà non lo era. A poche ore di distanza dal decesso dichiarato, i medici si sono accorti che...

Buone notizie per i pensionati a Novembre: ecco per chi scatta l’aumento Inps

I pensionati a Novembre saranno decisamente contenti di ricevere questa bella notizia: l'assegno del mese successivo infatti, sarà molto più alto. Ma attenzione, non...

Le 15 patologie cardiache a cui l’INPS riconosce la pensione di invalidità civile

Nelle moderne democrazie si è affermato da tempo il principio della protezione dei cittadini affetti da minorazioni fisiche o psichiche. Un obiettivo solennemente affermato...

Assumere questi farmaci potrebbe causare dei problemi alla vista

Curarsi con i farmaci è sicuramente un grosso vantaggio nella società moderna ma tutti siamo a conoscenza che i farmaci spesso hanno un compromesso....

Il tumore alla vescica è un killer molto silenzioso: Ecco come riconoscerlo rapidamente

Il cancro alla vescica rappresenta attualmente uno dei tumori più silenziosi insieme a quello all’utero e al pancreas. Riconoscere i sintomi può salvarci la...