martedì - 27 Ottobre - 2020

Come scoprire se state mangiando riso di plastica proveniente dalla Cina: è identico, fate attenzione, è dannoso

Riso di plastica veduto ovunque e difficilmente si riesce a differenziarlo dall’originale: la beffa più grande è che costa di più, motivo per cui la gente pensa che non possa essere di plastica perché la qualità è sinonimo di prezzo più elevato

Dal 2017 fino ad oggi le voci si sono sparse ovunque riguardo ad un riso proveniente dall’Asia che sarebbe fatto di plastica. Dalle parole si passati ai fatti: non erano solo bufale, il Ministro della salute ha lanciato un vero e proprio allarme poiché è dannoso e difficile da riconoscere.

Se preferisci andare sul sicuro, puoi analizzare il riso assicurandoti che affondi nell’acqua, bollendolo e scaldandolo in una padella calda.  Puoi acquistare alcuni granuli online e preparare un divertente esperimento. Prova ad analizzare riso di plastica e riso reale, fianco a fianco, in modo da poter visualizzare chiaramente le differenze tra loro oppure usa questi metodi per scoprire se il riso ce hai in casa è di plastica o no.

Prova l’impermeabilità: metodo 1

Alcune persone hanno visto i video in cui viene prodotto il riso fatto di granuli di plastica e presumono che sia fatto allo scopo di renderlo commestibile. Tuttavia, il riso granulato di plastica è più costoso da produrre rispetto al riso reale, quindi non sarebbe redditizio provare a sostituire il riso di plastica con quello reale.

Aggiungi il riso in un bicchiere d’acqua. Se cerchi solo di analizzare una piccola porzione, versa un cucchiaio di riso in un bicchiere d’acqua. Se stai cercando di analizzare una porzione più grande, aggiungi il riso in una pentola capiente e coprilo con una quantità di acqua che raggiunga un’altezza compresa tra 5 cm e 7,5 cm (

Se hai intenzione di analizzare anche un campione di riso di plastica, aggiungilo in una ciotola d’acqua, separatamente.

Rimuovere l’acqua e lasciar riposare. Mescolare il riso con l’acqua per alcuni secondi. Quindi attendere circa 30 secondi affinché la miscela smetta di mescolarsi.

Cerca quei grani che galleggiano in superficie. A causa della sua densità, il riso affonda nell’acqua. Se il grano galleggia in superficie dopo che l’acqua si è depositata, dovrebbe destare sospetto. La differenza sarà evidente se analizzi anche un campione di granuli di plastica.

Potresti vedere frammenti e pezzi di sporco e altri detriti galleggianti, ma tutti i chicchi di riso dovrebbero affondare.

Oltre a verificarne l’autenticità, l’atto di immergere e sciacquare il riso prima della cottura, rimuove le impurità e aiuta a separare i chicchi. Alla fine, avrai una ciotola di riso cotto, che ti renderà più soffice e meno appiccicoso

Guarda il riso mentre bolle: metodo 2

Aggiungi il riso in una pentola o una ciotola d’acqua. Mescola parti uguali di riso e acqua o usa la proporzione che preferisci normalmente quando cucini il riso. Usa un contenitore separato per far bollire il riso granulato di plastica, nel caso in cui stai per analizzare un campione di confronto.

Controllare se c’è uno strato di residuo spesso sulla superficie. Se hai intenzione di far bollire il riso sul fornello, dai un’occhiata dopo circa 10 minuti o rimuovi il contenitore dal microonde dopo 3 minuti. Rimuovere la superficie con un cucchiaio e verificare l’eventuale presenza di residui di plastica.

Quando fai bollire il riso sul fornello, potresti dover ridurre il calore per evitare che bolle, in modo da poter vedere chiaramente la superficie.

Se stai per analizzare un campione di plastica, dovrai rimuovere uno spesso strato di plastica fusa dalla superficie. Inoltre, a differenza del riso, la plastica non inizierà a diventare spugnosa, né assorbirà acqua.

Il riso contiene amido, quindi la presenza di viscosità e scarti è normale, soprattutto quando si tratta di varietà di piccoli chicchi. Tuttavia, esiste una notevole differenza tra i residui di amido e uno spesso strato di plastica.

Scaldare il riso in una padella: metodo 3

Usa l’olio per ricoprire la padella e scaldala sul fornello. Un cucchiaio di olio sarà sufficiente per ricoprire la superficie della padella. Dopo aver rivestito la padella, accendere la stufa a fuoco alto e riscaldare la padella.

Copri la padella con un solo strato sottile di riso. Quando l’olio si scalda e diventa meno consistente, aggiungi il riso nella padella. Dovresti essere in grado di osservare i chicchi singolarmente, quindi non aggiungere troppo riso.

Se hai intenzione di analizzare un campione di riso granulato di plastica, scaldalo in una padella separata.

Identifica quei grani che si contraggono e si sciolgono. La plastica inizierà a sciogliersi dopo aver trascorso un paio di minuti nella padella calda. Guarda da vicino e, nel caso in cui ci sia la presenza di grani di plastica, vedrai che inizieranno a cambiare forma e liquefarsi.

Se ti ritrovi ad analizzare i campioni uno accanto all’altro, non avrai problemi a guardare il riso granulato di plastica che si contrae e si scioglie. Il riso fuso emette anche un odore caratteristico, che puoi anche percepire analizzando un campione di riso granulato di plastica.

Circolano alcune affermazioni che il riso sia fatto di plastica se mantiene la sua forma e rimbalza quando lo pieghi in una palla. Tuttavia, il riso è composto da molecole di carboidrati e proteine, che tendono a rimbalzare. Se una pallina di riso mantiene la sua forma e rimbalza, è probabilmente un riso maturo, senza risciacquo o troppo cotto.

 

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Proteggersi dal Coronavirus assumendo più vitamina D: ecco gli alimenti che si possono mangiare per ottenerla

La mancanza di vitamina D è spesso correlata alla mancanza di sole. In questo articolo vi diciamo come aumentarla in tempi di pandemia, visto...

Il Papa dice si: «Favorevole alle unioni civili per le coppie omosessuali»

Arriva la conferma da parte di Papa Francesco che in un documentario mostrato alla Festa del Cinema di Roma ha dichiarato: «Gli omosessuali sono...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

Roma, paura del lockdown: nei supermercati si svuotano gli scaffali di lievito, farina e parmigiano

In questi giorni a Roma si è creata una vera e propria corsa al lievito, al sale, farina e parmigiano, a tal punto da...

Ecco la lista dei cibi che non dovete MAI consumare crudi. Attenzione a infezioni e intossicazioni alimentari

  Molti medici consigliano di consumare cibi crudi perchè, in questo modo, i principi nutritivi possano rimanere intatti, cosa che non accade dopo una lunga...

Gli straordinari benefici del caffè ginseng: ecco perché non rinunciare ad una tazza al giorno

Energizzante, antiossidante, stabilizzante del ritmo cardiaco, moltissimi benefici racchiusi in una bevanda dal gusto eccezionale Il caffè ginseng è una bevanda energetica molto amata negli...