venerdì - 30 Ottobre - 2020

Batteri nel nostro sistema gastrointestinale, alleati contro COVID-19

Aumentando la diversità batterica, non solo ci proteggiamo dalle infezioni virali, ma anche da altri problemi di salute, compresa la salute mentale.

Il grande pericolo del coronavirus sta nella perdita del controllo a causa della sua inarrestabile trasmissibilità. Soprattutto da persone che non mostrano sintomi respiratori o febbre, quindi non sanno se sono infette: i cosiddetti trasmettitori “silenziosi”. I sintomi gastrointestinali possono svolgere un ruolo fondamentale nell’arresto della diffusione.

È stato stabilito che il 60% delle persone infette presentava problemi intestinali come diarrea, vomito o dolore addominale nelle prime fasi della malattia. Questo ancor prima di rilevare i sintomi respiratori o addirittura la polmonite.

Quando le persone infette hanno sintomi intestinali, non si sospetta che sia dovuto all’infezione da coronavirus. Pertanto, non viene eseguito alcun tampone. Ciò rappresenta un enorme fattore di rischio per la trasmissibilità.

Un sintomo per ogni fase

All’inizio della malattia, il virus inizia a replicarsi e infettare le cellule di diversi sistemi corporei. Ciò può causare disfunzione intestinale, cambiamenti nella flora batterica e infiammazione sistemica acuta.

Con il progredire della malattia, il virus non ha bisogno di replicarsi e scoppia la più potente cascata infiammatoria, accompagnata da problemi respiratori e febbre. Le persone che presentavano sintomi intestinali nelle prime fasi erano quelle che sviluppavano più complicazioni nelle fasi successive.

Le ragioni per cui SARS-CoV-2 causa più malattie in alcune persone rispetto ad altre rimangono sconosciute. Tuttavia, ci sono pazienti che riescono a eliminare il virus senza sviluppare sintomi, probabilmente a causa di un sistema immunitario rafforzato.

In questo contesto, identificare i sintomi non respiratori associati a COVID-19 il prima possibile potrebbe fermare la diffusione.

Alterazioni della flora microbica

Il gateway principale per l’invasione di SARS-CoV-2 sono i recettori dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) che sono espressi nei polmoni, ma si trovano anche nell’intestino.

L’ingresso del coronavirus produce un aumento dell’infiammazione che provoca alterazioni nella flora intestinale. Questi possono aggravare la cosiddetta tempesta sistemica di citochine o iperinfiammazione nei pazienti più gravi. La maggior parte delle complicazioni da COVID-19 sono associate a obesità, ipertensione, malattie cardiovascolari, diabete e vecchiaia sono associate a una diminuzione della diversità microbica.

Minore è la diversità, maggiore è la risposta infiammatoria. Pertanto, ci aspetteremmo una prognosi peggiore da COVID-19. Se riusciamo a identificare quali batteri orchestrano il decorso della malattia, potremmo diminuire la gravità e la prognosi di COVID-19.

Un paio di studi con un gruppo molto piccolo di pazienti ospedalizzati hanno identificato che il coronavirus ha alterato i microbi intestinali dei pazienti in relazione alla gravità del COVID-19.

Studi simili sono necessari anche nella popolazione asintomatica o con sintomi lievi.

Dieta e probiotici

È possibile modificare la flora intestinale modificando la dieta o utilizzando specifici probiotici. I batteri della famiglia Bifidobacterium o Lactobaccillus riducono l’infiammazione. Altri, come il Clostridium , possono agire come potenziali patogeni.

Se promuoviamo uno stato nutrizionale adeguato possiamo migliorare la risposta immunitaria nelle prime fasi dell’infezione. Ciò dipenderebbe dall’assunzione di fibre alimentari che diminuiscono il rischio di infezione. Inoltre, le vitamine A, D, C o E e gli acidi grassi omega-3 incoraggiano i batteri intestinali a fermentare i sottoprodotti che aiutano la risposta antinfiammatoria.

Dopo aver determinato quali batteri sono associati alla gravità del COVID-19, potremmo progettare trattamenti o diete per modificarli in pochi giorni. Potrebbe essere possibile ridurre la risposta infiammatoria modificando la flora intestinale per proteggerci dalle conseguenze più gravi del COVID-19. Aumentando la diversità batterica, non solo ci proteggiamo dalle infezioni virali, ma anche da altri problemi di salute, compresa la salute mentale.

Fonte consultata: theconversation.com

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Usa il trucco del pannello di carta stagnola per riscaldare la casa

Con l'arrivo della stagione invernale, si sente il maggiore bisogno di riscaldare la casa, affinchè si crei quel tepore confortevole nell'ambiente. Che si tratti...

Briatore replica a Galli: “Non si muore solo di virus. Si può morire anche di fame”

Lite televisiva tra il Professor Galli e l'imprenditore Flavio Briatore. La lotta alla pandemia crea spesso diverbi a causa di diversi modo di pensare:...

Bollo auto, dal 1 Gennaio cambia tutto e arriva anche l’ aumento

Il bollo auto, spesso definito anche come il "calcolo della tassa regionale automobilistica" è un tributo regionale il cui versamento spetta a tutti i...

La nuotatrice Federica Pellegrini viola la quarantena ed esce con sua madre: ora rischia grosso

Tante le critiche lanciate contro Federica Pellegrini, che questa mattina ha postato su instagram le foto mentre accompagna sua madre a fare il tampone....

Le abitudini da adottare per prevenire la demenza o il morbo di Alzheimer prima del loro inizio

Agire in anticipo per fare prevenzione su queste malattie si può: piccoli consigli da seguire nella vita quotidiana per dire STOP alle patologie di...

Avvisi in arrivo dall’ASL che richiede indietro i soldi del ticket non pagato da parte dei soggetti con esenzione E02 ed E01

Arrivano multe da parte dell'ASL che richiedono il pagamento dei ticket non pagati a chi ha il codice di esenzione E02 ed E01 ovvero...